In Calabria i rifiuti del Salento, ma nella Sibaritide è emergenza

Il consigliere regionale Gallo critica Oliverio: «Ennesimo fallimento». Sotto accusa le falle nella programmazione e nella gestione degli impianti

 

 

SIBARITIDE – La Calabria aiuta la Puglia a smaltire i rifiuti, ma poi non è capace di tenere pulita casa propria. E mentre in Salento tutto fila liscio, nelle località turistiche della Sibaritide è emergenza.

Il paradosso viene denunciato dal consigliere regionale Gianluca Gallo, in campo per denunciare i disservizi che nelle ultime ore stanno paralizzando il sistema della raccolta in quasi tutti i Comuni dell’area ionica cosentina, ancora affollati di vacanzieri. «Nei giorni scorsi – esordisce il capogruppo della Cdl – le cronache locali pugliesi hanno dato ampio risalto agli accordi stretti da diversi ambiti territoriali di raccolta della provincia di Lecce con gli impianti calabresi, attraverso intese passate al vaglio dei competenti uffici regionali calabresi e dell’Agenzia territoriale della Regione Puglia per il servizio di gestione dei rifiuti. Patti che non scandalizzano, in applicazione del principio di solidarietà, ma che alimentano più di un dubbio sulle capacità di visione e programmazione della giunta Oliverio». Prosegue Gallo: «Gli spettacoli di questi giorni, con le principali località turistiche della Sibaritide sommerse dai rifiuti, sono qualcosa di indegno. L’inciviltà di molti, che contribuisce ad aggravare la situazione, è solo il corollario dei tanti errori messi in fila dal Governatore, capace di garantire un’estate degna e decorosa al Salento ma non alla terra che lo ha eletto». Dal generale al particolare: «Vi fosse stata la dovuta attenzione da parte della Cittadella», incalza l’esponente della Cdl, «ci saremmo probabilmente risparmiati scene di indicibile bruttezza, con montagne di spazzatura accatastate ovunque e camion in fila davanti ad impianti di trattamento autorizzati a ricevere un determinato quantitativo di differenziata eppure caparbiamente fermi nel proposito di accoglierne di meno. Una scelta da verificare e che, se confermata, si rivelerebbe essere grave ed intollerabile, come il silenzio e l’indifferenza della Regione».

Altra questione meritevole di chiarezza, secondo Gallo, è quella riguardante Cassano. «La città delle terme – ricorda il capogruppo della Cdl, sindaco del comune ionico tra il 2004 ed il 2012 – è da anni sede di una discarica controllata che da sempre, nei periodi di emergenza, apre le proprie porte ad altri centri ed impianti. Questo avviene anche adesso, ma alla generosità dei cassanesi non fa eco altrettanta disponibilità da parte di altri, nel colpevole disinteresse della Regione, che assiste senza intervenire al triste spettacolo, lasciando che la stessa Cassano e con essa Sibari, ancora popolata di migliaia di vacanzieri, periscano tra i rifiuti, mentre la discarica di contrada Silva continua a fare incetta di pattume altrui». Conclude Gallo: «È necessario che la Regione si svegli dal torpore ed assuma su di sé le proprie responsabilità, con l’adozione di tutti i provvedimenti anche urgenti che la realtà dei fatti richiede e rende indifferibili, prima che la vicenda, già simbolo di una grave ferita all’ambiente ed al decoro, diventi anche questione di ordine pubblico».

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Cosenza, siglato il protocollo “Codice rosso” fra Uepe e Csm

COSENZA - Siglato protocollo d’intesa fra il Dipartimento Giustizia minorile e di comunità – Ministero della Giustizia, Ufficio locale di esecuzione penale esterna di...
protesta-unical-per-Palestina

Unical, il Senato Accademico prende posizione: «cessate il fuoco in Palestina»

RENDE (CS) - Dopo le forti tensioni che hanno coinvolto diverse università italiane - tra cui anche l'Unical - il Senato Accademico della Calabria...

Incidente sul lavoro nel Cosentino, Celebre: «la mattanza continua, troppe lacune nella sicurezza»

CATANZARO - «La mattanza continua. Nonostante i tanti appelli si continua a morire di lavoro. Purtroppo, in Calabria ieri si è verificato un altro...

Tragedia a Roggiano Gravina: muratore 65enne cade dall’impalcatura e muore

ROGGIANO GRAVINA (CS) - Ennesima tragedia sul lavoro nel cosentino. Ieri pomeriggio un muratore di 65 anni in pensione, M.T.,  è morto dopo essere...

Adescato online, sequestrato, picchiato brutalmente e rapinato: arrestati tre giovani

REGGIO CALABRIA - I Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno arrestato tre giovani di età compresa tra i 28 ed i 30 anni,...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Rifiuti: Cassano non diventi la pattumiera della Calabria

Manifestanti chiedono il ritiro dell'ordinanza della Regione   CASSANO ALL'ONIO - Agricoltori e trattori hanno bloccato l'accesso alla discarica di contrada Silva a Cassano. Il blocco...

Scontro sui rifiuti: quelli calabresi dirottati tutti a Cassano e Crotone

Il consigliere regionale Gallo: «Decisione scellerata che testimonia il fallimento di Oliverio»   CALABRIA - La Regione Calabria pensa di superare l’emergenza rifiuti tenendo in vita...

Incidente all’Arcomagno: tuffo pericoloso. Tante le polemiche

L’incidente solleva grandi interrogativi sulla necessità di regolamentare con apposita ordinanza i comportamenti dei turisti   SAN NICOLA ARCELLA – Tuffo pericoloso all’Arcomagno. Un giovane ha...

Incidente sulla statale 106: grave il motociclista

Sul luogo è intervenuta una squadra dei vigili del fuoco del distaccamento di Sellia Marina ed i carabinieri   SELLIA MARINA (CZ) – Incidente stradale sulla...

Esame del Dna ai familiari di Fiumarola. Potrebbe essere suo il...

Gli investigatori hanno prelevato dei campioni di Dna dai familiari di Fiumarola, il 25enne scomparso lo scorso 11 luglio   BISIGNANO – L’esame del Dna potrebbe...

Protezione Civile, Oliverio: «Il lavoro del volontariato è prezioso»

Il presidente della Regione ha partecipato al convegno “La Protezione Civile a tutela della vita e dell’Ambiente” promosso da “Piccola Italia”   CALABRIA - «Dopo anni...