Spazzatura in strada, sbloccati i conferimenti in provincia di Cosenza

I camion hanno iniziato a sversare nei due siti di Rende e Rossano

 

COSENZA – Terminato il conteggio dei pagamenti dei Comuni morosi è stato sbloccato nel pomeriggio il conferimento dei rifiuti dell’Ato Cosenza. Non tutti i municipi potranno però sversare, ma solo quelli che hanno saldato almeno una parte del debito maturato per il trattamento di residuo e organico con i gestori pari a 9 milioni e 600mila euro. Calabra Maceri a Rende ed Ekrò del gruppo Vrenna a Rossano hanno da poche ore riaperto i cancelli e consentito ai camion di scaricare i rifiuti solidi urbani. Ai gestori degli impianti è stato consegnato un elenco con i territorio autorizzati a conferire in cui risultano oltre cento Comuni ai quali, si spera, nei prossimi giorni si aggiungeranno gli altri dell’ATO Cosenza. Scongiurata, per ora, l’emergenza rifiuti nella provincia di Cosenza. Per rientrare nella normale rotazione di mezzi in entrata ed uscita bisognerà aspettare il fine settimana. Intanto la prossima assemblea dei sindaci dell’Ambito Territoriale Ottimale si riunirà entro il 24 ottobre per decidere come continuare nella gestione del settore per evitare il commissariamento indicando anche dove dovrà essere realizzato l’ecodistretto e le due nuove discariche a servizio.

Rifiuti della provincia di Cosenza in strada, gestori pretendono garanzie (SALDO PROVVISORIO)

Emergenza rifiuti in provincia di Cosenza, gli ambientalisti: «No a nuove buche»