Trebisacce: i lavoratori sul tetto del Consorzio, la protesta continua

Continua la protesta dei lavoratori del Consorzio di Bonifica dei Bacini dello Ionio Cosentino, che non percepiscono uno stipendio da agosto. Sei le mensilità arretrate

TREBISACCE (CS) – La situazione è in fase di stallo e la protesta continua. Stamattina sono saliti sul tetto alcuni lavoratori del Consorzio di Bonifica dei Bacini dello Ionio Cosentino che, a Trebisacce, proseguono nella loro protesta. Nei giorni scorsi i lavoratori hanno ricevuto diverse visite da parte di rappresentanti istituzionali, ma ancora non è arrivata la soluzione di una vicenda, che sta mettendo in ginocchio tante famiglie.

- Pubblicita clikio-

Mancano, in buona sostanza, i fondi, con i lavoratori che non percepiscono uno stipendio dallo scorso mese di agosto e di mensilità ne mancano sei (in alcuni casi addirittura sette). Senza dimenticare la situazione relativa ai lavoratori assunti a tempo determinato per la campagna irrigua estiva, che hanno completato il loro lavoro, ma non hanno ricevuto ancora un centesimo. Una vertenza complicata, soprattutto se si tiene conto che, dietro ogni lavoratore, c’è una famiglia, molte monoreddito, con figli, che stanno vivendo un periodo drammatico sotto il profilo economico.

“I lavoratori sono esausti, non ce la fanno più”, ha dichiarato Federica Pietramala, segretario comprensoriale della Flai, anche a nome dei colleghi della Fai Cisl, Antonio Pisani, e della Filbi Uil, Marco Stillitani. “I lavoratori – ha aggiunto – dal 19 ottobre scorso stanno presidiando, giorno e notte, pacificamente la sede consortile e si sono impegnati, a turno e con senso di responsabilità, a garantire l’acqua agli agricoltori. Oggi c’è stata una presa di posizione forte perché non ce la fanno più. C’è gente disperata che non sa più come andare avanti per garantire il mangiare ai propri figli. Ribadiamo, unitariamente come Flai, Fai e Filbi, che se il presidente non è in grado di governare l’ente, così come sta dimostrando di non saperlo fare, faccia un passo indietro, si dimetta e lasci il posto a chi metterà mano seriamente al consorzio e lo rilancerà. Il consorzio è fallito e il presidente deve prenderne atto”, ha concluso Federica Pietramala anche a nome di Pisani e Stillitani.

- Pubblicità Sky-
Top Button Home 1
- Pubblicità adsense 1-

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti
- Pubblicità Clickio -

Categorie

Correlati

“Identità Golose”, a Milano la Calabria prende tutti per la gola

MILANO - Ancora una volta, in una manifestazione a carattere internazionale che riguarda l'enogastronomia, la Calabria recita un ruolo da protagonista e riscuote unanimi...

A Castrovillari si sfila per la pace in Ucraina, mons. Savino...

CASTROVILLARI (CS) - E' trascorso circa un anno dall'avvio del conflitto in Ucraina, ma la parola pace sembra essere un'utopia o comunque qualcosa di...

Da Zarate a Marras, il Cosenza presenta i nuovi acquisti «uniti...

Per l'esordio di Mauro Zarate si attende il transfer. Gemmi ammette il fallimento del mercato del Cosenza ad agosto «Siamo ultimi in classifica ed é un dato di fatto»

La battaglia di Roger Waters per l’ospedale di Cariati

CARIATI (CS) - Ancora lui. Una star inglese che difende l'ospedale di Cariati. Le sorti della sanità, certamente, sono care a tutti i calabresi,...

Castrovillari, attivate le sale operatorie dopo undici anni

CASTROVILLARI (CS) - Erano state inaugurate nel 2012, ma non erano mai entrate in funzione. Oggi, finalmente, l'ospedale di Castrovillari può contare sul nuovo...

Laghi agli ospedali di Corigliano-Rossano: «penalizzati entrambi i poli, bisogna assumere»

CORIGLIANO ROSSANO (CS) - Fa tappa a Corigliano-Rossano il tour negli ospedali calabresi del consigliere regionale Ferdinando Laghi, in visita in entrambi i poli...