Il nuovo attaccante Cesca: ‘Cosenza è una piazza affascinante. Mister Roselli? Sono qui anche per lui’

Il nuovo attaccante del Cosenza questo pomeriggio si è presentato alla stampa: ’Se non ci fosse stato il mister Roselli probabilmente non sarei venuto. Riusciremo a salvarci, perché la squadra ha tutte le carte un regola, è solo questione di tempo e lavoro

COSENZA  – Non è certo un giovanotto di belle speranze, ma nemmeno l’ultimo arrivato, visto che parliamo di un giocatore di 34 anni con grande esperienza, che va a rinforzare proprio il reparto che attualmente sta facendo più difficoltà in campionato e finito sotto accusa nelle ultime settimane, ovvero l’attacco. Stiamo parlando di Alessandro Cesca, l’ultimo colpo di mercato del duo Guarascio Meluso e soffiato in extremis all’Aversa Normanna. Una lunga carriera quella della punta friulana, cominciata nelle giovanili del Milan e proseguita in diverse società di Lega Pro come Carpi, San Marino e Pavia. Nell’ultima stagione ha vestito le maglie di Bellaria prima e Rimini poi in Seconda Divisione. Adesso la sua prima esperienza al sud con il Cosenza, dove ha firmato un contratto fino a Giugno 2015. Attaccante longilineo, bravo nei contrasti aerei e buttarsi negli spazi, dovrà cercare di dare una mano a Calderini e compagni a trovare con più continuità la vita della rete. Questo pomeriggio, al termine della seduta di allenamento, ha fatto capolino in sala stampa ed ha spiegato anche i motivi della sua scelta” stavo firmando con l’Aversa Normanna è vero, ma quando si è aperta la possibilità di venire a Cosenza la scelta è stata facile, perché questa è una piazza affascinante e blasonata. Certo, se non ci fosse stato mister Roselli probabilmente avrei optato per un’altra piazza. Lui è un professionista esemplare, che ci mette l’anima quando allena, è una persona seria e motivata e sono sicuro che farà bene. Ama stare campo e cura molto i particolari. Il mio rapporto con lui? Ottimo, abbiamo conquistato insieme una salvezza impossibile con il Pavia vincendo i playout con la Spal, compiendo un mezzo miracolo. A fine partita ho visto il mister inginocchiarsi e piangere davanti la panchina. Se a Cosenza non ci fosse stato Roselli difficilmente sarei venuto”.

Cercato dal Cosenza già lo scorso anno e questa estate – “Ero stato contattato dal Cosenza già lo scorso anno, poi ho deciso di fare una scelta diversa rimanendo a giocare al nord. Anche questa estate c’era stato un altro contatto, poi la dirigenza ha preso Cori, in più il vecchio mister (Cappellacci ndr.) giocava con il 4 3 3, quindi mettere due punte praticamente uguali che cozzavano non era possibile. Poi c’è stato il cambio di allenatore, è arrivato Roselli che può adottare diversi moduli e, quindi, sfruttare sia me che Cori a seconda dei casi. Se sono il suo doppione? Sicuramente fisicamente siamo molto simili, però abbiamo caratteristiche diverse. Cori è più prima punta, mentre a me piace buttarmi negli spazi quindi penso che all’occorrenza possiamo anche giocare insieme”.

Il momento no della squadra? Questione di testa… e di tempo – “Sinceramente pensavo di trovare un ambiente peggiore. E’ vero che c’è paura nei giocatori perché il momento non ti aiuta, però questa è una buona squadra che non può avere solo 8 punti in classifica. Ma purtroppo nel calcio la paura è tutto. Ci sono momenti che ti va bene e prendi fiducia e ti riesce tutto, altri in cui ti abbatti e non riesci nemmeno nella giocata più semplice. Ci vuole tempo e lavoro per uscire da questo momento perché la situazione non è irrecuperabile. A Pavia la situazione era ben peggiore quando in 21 partite avevamo solo 9 punti eppure siamo riusciti con un mezzo miracolo a salvarci. Qui ancora abbiamo ancora tante partite davanti, la squadra è forte e possiamo uscirne. Certo, non aspettatevi calcio spettacolo, almeno all’inizio, perché ora quello che serve è fare punti, lottando e giocando anche un calcio elementare”.

Sulla condizione di forma e la partita di sabato contro la Vigor – “Fisicamente ho fatto tutta la preparazione con il Tamai in serie D, quindi è dal 21 Luglio che mi alleno con continuità facendo anche le amichevoli. Certo i 90 minuti mi mancano, ma non sono proprio a zero, quindi se ci sarà bisogno io sono pronto. Sabato abbiamo fatto una buona partita e il punto piò essere visto come una partenza. Ora arriva la Vigor Lamezia che si trova in momento un cui loro sono al massimo e motivatissimi, ma noi abbiamo bisogno di vincere e se loro vogliono fare punti qui, devono morire e forse neanche basterà”.

 

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

una foto di scena dello spettacolo centro salute mentale montalto

A Cosenza lo spettacolo dei pazienti del Centro diurno di salute mentale di Montalto

COSENZA - Il teatro e la danza dispiegano la loro forza terapeutica. Un piccolo miracolo accaduto grazie al progetto, le cui origini risalgono a...
Consorzio-Olio-Igp-Calabria

Il ruolo dell’olio nella lotta ai tumori. Il Consorzio Olio di Calabria Igp discute...

VERONA - L'appuntamento è a Verona, nel corso di uno dei Vinitaly più atteso di sempre. Domenica, 14 aprile, alle 15, nel padiglione della...

Sport sociale, diritti e pace: a Saracena i primi 40 anni di Vivicittà

SARACENA (CS) - Vivicittà compie 40 anni (era il primo aprile 1984), la manifestazione podistica organizzata dall'Uisp che ha attraversato la storia del Paese...
viali cosenza palermo sala stampa 01

Viali «risultato ottimo per come é arrivato. Dopo il pari abbiamo provato a vincere»

COSENZA - Una vittoria che sembra ormai una chimera e che manca dalla fine di gennaio per il Cosenza, reduce dall'ennesimo pareggio contro il...
Gennaro Tutino Cosenza Palermo

Ci pensa il solito Tutino, ma la vittoria non arriva. Cosenza-Palermo finisce 1 a...

COSENZA - Serviva un successo al Cosenza per rispondere alla pesante vittoria della Ternana a Cremona e cercare di allontanarsi dalla zona rossa di...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Ci pensa il solito Tutino, ma la vittoria non arriva. Cosenza-Palermo...

COSENZA - Serviva un successo al Cosenza per rispondere alla pesante vittoria della Ternana a Cremona e cercare di allontanarsi dalla zona rossa di...

Scuole aperte anche in estate. Firmato il decreto con 400 milioni...

COSENZA - Scuole aperte anche in estate. Il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, ha firmato il decreto che stanzia 400 milioni di...

Il Cosenza rimonta due volte la Feralpisalò e Micai nel finale...

PIACENZA - Serviva un successo al Cosenza per dare uno scossone alla classifica e invertire un trend tremendamente negativo, con una sola vittoria nelle...

A Cosenza è festa Italia. Le azzurre battono 2 a 0...

COSENZA - Davanti a 4.500 spettatori in festa, un Italia travolgente batte 2 a 0 i Paesi Passi e inizia nel migliore dei modi,...

Cosenza: non basta il primo goal di Crespi, il Brescia rimonta...

COSENZA - Pasquetta amara per il Cosenza fischiato e contestato per l'ennesima sconfitta. Due punti nelle ultime cinque gare, settimo KO casalingo e una...

Terribile schianto fra tre auto, muore una bimba di 7 anni....

ROMA - Il tragico incidente è avvenuto su via Pontina vecchia nel comune di Ardea, vicino Roma. I tre veicoli si sono scontrati all'altezza...