Uccide il padre, in carcere chiede di iscriversi all'università per dare un futuro migliore ai familiari - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Ionio

Uccide il padre, in carcere chiede di iscriversi all’università per dare un futuro migliore ai familiari

Avatar

Pubblicato

il

Il parricidio cui processo è ancora alle battute iniziali si è consumato a Rossano nel novembre del 2017. Il ventiseienne avrebbe reagito alle continue vessazioni che era costretto a subire da anni

 

CORIGLIANO ROSSANO (CS) – Ha preso il via dinanzi alla Corte di Assise di Cosenza, con una richiesta preliminare avanzata dall’avvocato difensore Ettore Zagarese, il processo per parricidio che vede imputato il giovane rossanese Alessandro Manzi, 26enne, accusato di aver ucciso il padre Mario, 50enne, nel novembre 2017 all’interno di un’abitazione degli alloggi popolari di viale Sant’Angelo a Rossano. Il legale della difesa, ribadendo come il proprio assistito, immediatamente dopo il gesto, si sia assunto le proprie responsabilità recandosi volontariamente presso la Caserma dei Carabinieri di Rossano a denunciare l’accaduto, ha chiesto che il processo venga definito con le forme del rito abbreviato condizionato all’esame di alcuni testi. La decisione della Corte sarà depositata alla prossima udienza fissata per lunedì 22 ottobre. L’importanza dell’audizione degli informatori, ha evidenziato il penalista, si rende necessaria per illustrare a chi giudica le gravi ragioni che hanno armato la mano del giovane Manzi innescando in lui uno stato di estrema disperazione che lo ha indotto ad un gesto così grave. Notoria era infatti la condizione di grave pressione e sudditanza alla quale il genitore del 26enne sottoponeva il proprio nucleo familiare, con vessazioni e maltrattamenti quotidiani.

 

 

Al giovane, inoltre, sarebbe finanche stato impedito di proseguire gli studi nonostante avesse conseguito il diploma e ambisse a frequentare l’università. Gli sarebbe anche stato impedito di frequentare i propri compagni di classe in quanto ritenuti troppo “mollaccioni”. Per queste ragioni, qualche giorno prima dell’omicidio, il giovane Alessandro sarebbe stato allontanato da casa con l’ordine ai familiari di non rivolgergli la parola. Proprio al fine di delineare meglio tali dinamiche, sono stati indicati quali testi alcuni soggetti che da sempre operano nel sociale e che, in tali vesti, hanno avuto modo di interfacciarsi con il nucleo familiare. Indicata quale teste anche la dottoressa Figoli, psicologa, che su autorizzazione del Giudice per le indagini preliminari ha avuto numerosi colloqui e che dovrà esprimere il proprio motivato parere sulle cause che hanno determinato l’azione omicidiaria. Nel frattempo, il giovane Manzi anche dall’interno del carcere non ha perso la speranza di avere un futuro migliore per sé, per la madre e per i suoi fratellini, avanzando anche la richiesta di iscrizione ad una facoltà universitaria al fine di potersi affrancare dall’ambiente in cui è cresciuto.

Ionio

Cassano Ionio, lenzuola bianche per i 30 anni dalla strage di Capaci

La diocesi di Cassano su impulso del suo vescovo, mons. Francesco Savino, invita tutti ad appendere lenzuola bianche nel giorno del 30° anniversario dalla strage in cui morì Falcone, la moglie e la scorta

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CASSANO ALLO IONIO (CS) – Lenzuola bianche in ricordo della strage di Capaci, in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e i valorosi uomini della scorta. Anche quest’anno, la diocesi di Cassano All’Jonio, su impulso del suo vescovo, mons. Francesco Savino, non ha voluto mancare all’appuntamento, promuovendo e invitando tutti ad appendere un lenzuolo bianco.

“Ancora oggi, ci ricorda, cosa significa lottare per la libertà, lottare con coraggio. Ci ricorda – è scritto in una nota della Diocesi cassanese – la bellezza di chi ha donato la propria vita, ma anche la responsabilità di essere cittadini italiani e testimoni credibili. Giovanni Falcone, nel suo testamento ci ha lasciato, per l’animo di ognuno, il dovere di lottare ancora, senza paura, lottare per un cambiamento necessario. La strage di Capaci e l’insegnamento del “metodo” Falcone, ha segnato in modo indelebile la coscienza di ogni uomo e ogni donna. Quel drammatico momento, resta un faro di speranza, per il nostro Paese, soprattutto per le nuove generazioni, chiamati ad “incendiare” le strade del mondo”.

Continua a leggere

Ionio

Intimidazione a ditta impegnata nei lavori sulla 106: cinque mezzi in fiamme

I danni ammonterebbero a circa mezzo milione di euro. Gli inquirenti non hanno alcun dubbio sull’origine dolosa del rogo

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

TREBISACCE ( CS) – Cinque mezzi, tra cui camion ed escavatori, di proprietà di una ditta che opera sui cantieri del terzo megalotto della strada statale 106 Jonica, sono stati dati alle fiamme. Il fatto è avvenuto la scorsa notte in località Piano della Torre, a Trebisacce al confine con il comune di Albidona. I danni ammonterebbero a circa mezzo milione di euro. Gli inquirenti non hanno alcun dubbio sull’origine dolosa del rogo, che ha anche danneggiato un capannone contenente attrezzature e strumentazioni. Le immagini dell’impianto di videosorveglianza sono adesso al vaglio dei Carabinieri della compagnia di Cassano e quelli di Trebisacce.

Continua a leggere

Ionio

Nuovo maxi blitz di “bianchetto” nel cosentino, sequestrata mezza tonnellata

La guardia Costiera di Corigliano Calabro ha proceduto alla distruzione del prodotto ittico poiché considerato non idoneo al consumo umano

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CORIGLIANO ROSSANO (CS) – Nell’alta sibaritide, il nucleo di polizia marittima della Guardia Costiera di Corigliano Calabro – coordinato dal centro di controllo pesca di ReggioCalabria – ha sequestrato quasi mezza tonnellata di prodotto ittico sottomisura, consistente in novellame di sarda (cd. “bianchetto”), pescato a danno dell’ecosistema marino. Il prodotto è stato poi avviato alla distruzione poiché dichiarato dalla ASL non idoneo al consumo umano e sono state elevate pesanti sanzioni a carico dei trasgressori.

Continua a leggere

Di tendenza