Esemplare di gatto selvatico ritrovato morto nel Parco Nazionale della Sila - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Archivio Storico News

Esemplare di gatto selvatico ritrovato morto nel Parco Nazionale della Sila

Avatar

Pubblicato

il

SERRA PEDACE (CS) – Si tratta di una specie piuttosto rara, super protetta e anche molto difficile da vedere in natura.

La Polizia Provinciale di Cosenza, del Distaccamento di San Giovanni in Fiore, sulla S.S. 107, in località San Nicola, nei pressi di Serra Pedace, nel cuore del Parco Nazionale della Sila, ha rinvenuto il cadavere di un grosso esemplare di Gatto selvatico (Felis silvestris silvestris). Sarebbe presumibilmente un maschio adulto, investito, si pensa, da parte di qualche veicolo in transito sulla superstrada. I poliziotti, nonostante l’animale si trovasse a bordo della strada e non fosse completamente visibile, hanno da subito capito che potesse trattarsi proprio del raro mammifero così, senza non poche difficoltà, hanno dovuto regolare la circolazione stradale e contestualmente provvedere al recupero della carcassa che si presentava in buono stato di conservazione poiché l’animale, verosimilmente, era deceduto soltanto da poche ore. Allertata la centrale operativa l’esemplare è stato trasferito presso il Centro Natura del Corpo Forestale dello Stato, in località Cupone di Spezzano della Sila, dove è stato preso in consegna per gli scopi tecnico-scientifici del caso, dal dott. Flavio Longo, veterinario in servizio al Parco Nazionale della Sila.

 

Nel nostro Paese, il Gatto selvatico è uno degli animali più elusivi, affascinanti, rari e meno conosciuti; esistono due sottospecie distinte, quella presente nell’Italia peninsulare e in Sicilia è da attribuire a quella con il nome scientifico di Felis silvestris silvestris. Assieme alla Lince è il rappresentante dei felini presenti nella fauna autoctona italiana. Secondo alcuni studi, questa specie è strettamente legata all’ambiente forestale, dove trova riparo e nutrimento, essendo molto territoriale, necessita d’estese porzioni di foresta, grandi anche fino a 100 kmq. Alcuni anni addietro, proprio il Parco Nazionale della Sila finanziò un progetto di radiotracking che vide due gatti selvatici rilasciati nei boschi dell’area protetta, grazie all’impegno del C.R.A.S – C.I.P.R. di Rende; i due mammiferi, recuperati anni addietro nel territorio di San Giovanni in Fiore, furono seguiti con successo, per un bel periodo di tempo proprio nell’area del Parco della Sila, mediante la tecnica della radiotelemetria. Il Gatto selvatico è specie piuttosto rara, pur se con certezza non si conosce la reale consistenza, alcune stime parlano di non oltre 700-800 esemplari in tutt’Italia, inoltre è un animale particolarmente protetto ai sensi di numerose leggi, direttive e convenzioni internazionali: 

Archivio Storico News

Cosenza e Paganese ci provano fino alla fine, ma a Pagani finisce senza reti. Rossoblu spreconi nel primo tempo

Marco Garofalo

Pubblicato

il

Scritto da

Le due squadre danno vita ad una bella gara, ricca di emozioni e azioni da rete, ma il risultato non si schioda dallo 0 a 0. Per i rossoblu è il sesto risultato utile consecutivo. Cosenza migliore nella prima frazione di gara. Annullata una rete a La Mantia nella ripresa
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Sparatoria con due morti a Roma, convalidato il fermo di un giovane calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

E’ ancora da chiarire del tutto i motivi del litigio anche se tra Scarozza e Ventre vi erano dei dissidi dovuti a una relazione che il più giovane aveva con l’ex moglie di Fabrizio Ventre.

 
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Il caso Legnochimica arriva in Senato, si chiede ai ministri il perché del blocco della bonifica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Continui rimpalli di responsabilità e aumento di patologie ‘anomale’ tra i residenti, cosa intende fare il Governo? (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza