Si sgretola il lungomare di San Lucido. La paura dei cittadini e il ‘grave rischio inquinamento’

Una cinquantina di cittadini si sono rivolti ad un legale con il timore che, cedendo il muro, franerebbe a mare l’intero tratto fognario. Domani la prociv sarà sul posto

SAN LUCIDO – Dopo i nubifragi e le mareggiate dei giorni scorsi la situazione resta critica soprattutto sul Tirreno cosentino. San Lucido anche quest’anno deve fare i conti con l’erosione della costa e del lungomare. Stanchi e alquanto impauriti per la situazione drammatica in cui versa il litorale tirrenico, in modo particolare le abitazioni più vicine al lungomare sgretolato dal maltempo, un gruppo di cittadini che abita la zona marina, rivolgendosi al legale Vittorio Gallucci, ha scritto una missiva inviata alla protezione civile, Comune e alla Regione Calabria, per denunciare la pericolosità che anche dal punto di vista ambientale causerebbe il crollo completo del lungomare.

“Il lungomare di San Lucido non ha neanche un metro di spiaggia (non è un paradosso) e tale circostanza assume una gravità assoluta poiché la forza delle mareggiate sta distruggendo un’opera ciclopica, ovvero il muro di sostegno del lungomare, tutto in cemento armato, nonché il marciapiede e la strada, con grave rischio per l’incolumità del transito pubblico e di coloro che possono raggiungere le numerosi abitazioni solo percorrendo detta strada. Oltre ai proprietari che non vi abitano stabilmente, sono interessate famiglie residenti, con anziani e bambini che devono andare a scuola“.

Rischio grave inquinamento 

Preoccupa ancora di più il rischio di inquinamento ambientale. “Essendo il lungomare largo pochi metri, cadendo il muro, franerebbe a mare l’intero sottostante tratto fognario, a cui è collegato un intero paese (compreso Falconara), con disastro ambientale di proporzioni gigantesche. Le case saranno travolte dal mare e tale ulteriore disastro sarebbe conseguenza di una incuria indelebile, che deve riguardare non solo un povero Comune costiero, ma soprattutto anche la Protezione Civile e la Regione Calabria. Sono crollate tutte le discese a mare, nonostante fossero state costruite in cemento armato.

I danni che potranno coinvolgere anche vite umane, pretendono – si legge nella missiva – una presa di coscienza forte ed immediata, peraltro di facile attuazione. Nell’immediatezza dovrebbe essere ricostituita una barriera di massi (rimedio facile e di costi contenuti) e subito dopo adottati tutti quei rimedi, oramai noti a tutti perché messi in atto in altre località, per una duratura difesa del territorio costiero del Comune di San Lucido.

In mancanza di intervento,- si legge ancora nella missiva – codesti Enti saranno ritenuti responsabili dei danni ambientali subiti dalla collettività nonché di quelli provocati alle persone, alle proprietà immobiliari ed alle cose. Si chiede di conoscere entro il termine di giorni 30 da oggi, i nomi dei responsabili, sia della Regione Calabria che del Comune di San Lucido, del procedimento relativo alla soluzione del rischio per l’incolumità pubblica, conseguente al pericolo di distruzione dei muri di sostegno del lungomare, della strada e delle case”. Domani sarebbe previsto un sopralluogo della protezione civile Calabria.

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Cosenza, scontri al derby: al vaglio degli inquirenti i video che fanno luce sulla...

Cosenza - I video ripresi dal sistema di sorveglianza del centro commerciale e numerosi video girati da privati che circolano sui social sono al...

Call center Tim, la situazione ‘degenera’ in Calabria e in tutta Italia: verso lo...

ROMA - Le segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, "considerato il peggioramento delle condizioni delle varie vertenze in corso su aziende...
Patrizia-Rodi_alberi-secolari-bruciati

Tagliati e dati alle fiamme alberi secolari di ulivo: nel mirino una dirigente di...

ROSARNO (RC) - Persone non identificate hanno tagliato alcune piante secolari di ulivo, mentre ad altre hanno dato fuoco, sui terreni a Rosarno, in...
Landini-e-Occhiuto

Calabria, terra fragile. Occhiuto: «stiamo tentando di far restare i giovani calabresi, processo lungo»

LAMEZIA TERME (CZ) - "In questa regione abbiamo un precariato straordinario. Un precariato per la verità che non ho creato io, perché il mio...
studenti-aula-lezione-unica

Unical: al via l’ammissione anticipata ai corsi di laurea per 4mila studenti

RENDE (CS) - È stato pubblicato il bando per l’ammissione anticipata ai corsi di laurea triennale e a ciclo unico (quinquennale) dell’Università della Calabria...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Cosenza, gli studenti del liceo “Lucrezia Della Valle” in piazza per...

COSENZA - Ieri mattina gli studenti del liceo "Lucrezia Della Valle" di Cosenza sono scesi "in piazza" per protestare, pacificamente, contro l'assenza di gite...

Morì dopo 3 giorni in ospedale a seguito di un incidente...

COSENZA - Una morte che arriva improvvisamente il 7 ottobre del 2016 a tre giorni dall’incidente stradale avvenuto sulla Strada provinciale 94 in territorio...

Cosenza, 25enne salvato dal 118. Mattia “sanitari competenti e umani. Vivo...

COSENZA - "Si parla spesso di malasanità ma a Cosenza mi hanno salvato la vita". A contattare la nostra redazione è Mattia, 25 anni...

Cosenza, agente ferito per sedare una rissa: il Questore dispone la...

COSENZA - Il Questore di Cosenza, Giuseppe Cannizzaro, ha disposto la chiusura del noto locale, del centro di Cosenza, dove nella notte di lunedì...

Annunziata: “il reparto di Chirurgia d’Urgenza mi ha salvato. La buona...

COSENZA - "È passato un mese ma non dimentico". Inizia così la lettera di Alessandro, un nostro lettore, salvato dalla sanità cosentina. "Dopo due giorni...

Cosenza, tragedia sulla SS107. Simone perde la vita a 26 anni:...

COSENZA - Ha lasciato un dolore inspiegabile Simone Virdò il 26enne di Rovito che, stanotte sulla SS 107 ‘Silana-Crotonese’, in contrada Malavicina, ha perso...