Università di Brescia premia 4 ‘super’ laureati disabili, la testimonianza di Fabrizio Francomano (AUDIO)

Fabrizio Francomano, ha 25 anni e si è laureato con 110 e lode all’Unical in Chimica e tecnologia farmaceutica. L’Università di Brescia, in occasione del Premio in memoria di Antonio e Luigi Goi lo ha premiato insieme ad altri tre laureati eccellenti diversamente abili.

COSENZA – Nell’ambito della decima edizione del Premio di Laurea in memoria di Antonio e Luigi Goi, l’Università degli Studi di Brescia Health&Wealth, in collaborazione e con il sostegno economico della Fondazione della Comunità Bresciana, ha consegnato nei giorni scorsi quattro premi di laurea, dell’importo complessivo di 10mila euro ad altrettanti studenti, disabili, che hanno conseguito la laurea specialistica o magistrale presso le Università italiane con ottimi punteggi.
Con la tesi dal titolo “Efficient isolation and expansion of human muscle precursor cells for future application in regenerative medicine”, si aggiudica il primo premio di quattro mila euro la dott.ssa Gloria Pinna, laureata in Biotecnologie Mediche all’Università degli Studi di Padova.

Insieme a lei, nel Salone Apollo del Rettorato, ha ritirato il premio di mille euro anche il dottore cosentino Fabrizio Francomano, nato a Castrovillari, laureato con 110 e lode lo scorso anno, all’Università della Calabria, quarto classificato con la tesi in Chimica organica dal titolo: “Sintesi su derivati isoindolinonici mediante eterociclizzazione Cu-catalizzata in liquido ionico”.

Fabrizio Francomano ha raccontato la sua esperienza e il suo viaggio fino a Brescia, ai microfoni di Rlb Radioattiva

ASCOLTA L’INTERVISTA

fabrizio 02

Gli altri due premi sono andati alla dott.ssa Maddelena Angiari, laureata in Economia e Management all’Università Bocconi, con la tesi dal tittolo “Listed Private Equity vehicles risk-return profile: an analysis across different management styles” e al dottor Michele Carone, laureato al Politecnico di Bari con la tesi in Geologia applicata: “Caratterizzazione idro-stratigrafica e multiparametrica delle successioni acquifere in un sito contaminato” sono stati assegnati rispettivamente tremila euro (secondo premio) e duemila euro (terzo premio).