Cosenza: Onco Med lascia il centro storico, troppe aggressioni e danni

La presidente Francesca Caruso: "qualcuno non vuole la nostra presenza e le persone hanno paura di venire qui. Non ci sono più le condizioni"

COSENZA – Rabbia e rassegnazione nelle parole di Francesca Caruso, presidente dell’associazione Onco Med che ad ottobre del 2019 inaugurò l’ambulatorio, uno studio medico oncologico multidisciplinare, gratuito, rivolto a persone indigenti e con difficoltà economiche. Oggi purtroppo il degrado del centro storico si abbatte anche su questo importante presidio sanitario e sociale e “dopo una lunga e sofferta riunione di direttivo e consultati tutti i volontari, Onco Med ha deciso di lasciare il centro storico e di trasferire l’attività altrove, in centro città”.

“Oramai non ci sono più le condizioni”

Francesca Caruso spiega che la struttura è costantemente ‘visitata’ da un soggetto,  noto nel centro storico per i suoi atti violenti e di escandescenza, e già nelle scorse settimane, vi abbiamo raccontato di danni alle auto da parte di questa persona, diventata inevitabilmente pericolosa.

Le pazienti hanno paura di venire a visita qui – racconta la presidente Caruso – e la goccia che ha fatto traboccare il vaso, è stato quanto accaduto lo scorso 8 marzo. Nel pomeriggio questa persona è venuto a tirare calci alla porta ma gli episodi sono continui, quotidiani. Noi qui facciamo visite mediche e sono tante le persone già provate psicologicamente per la malattia. Non è più sopportabile. E’ capitato che alcune pazienti abbiano assistito a scene simili e siano scappate. E dire che questo servizio, per molte persone è di vitale importanza, è dire poco”. “Ho la sensazione che non siamo benvoluti nel quartiere e anche se ci sono tante brave persone, sembra che noi diamo fastidio”.

Danni alla struttura, paura, aggressioni e nessun intervento

“Noi non siamo un’associazione con grandi fondi, ma svolgiamo un lavoro altrettanto meritevole. Non accediamo a bandi, non abbiamo un corposo conto in banca, non abbiamo aiuto dalle istituzioni” sottolinea Caruso. “Ci siamo tra l’altro sentiti soli, perché nessun rappresentante istituzionale si è interessato alla situazione. Eppure qui operano i migliori medici di Cosenza, effettuano visite gratuite, ma dopo aver registrato negli ultimi tempi, un calo drastico di pazienti che hanno paura a recarsi nell’area del centro storico, riteniamo che sia meglio lasciare quegli spazi”.

Un vero peccato che un’attività del genere, attivata al fine di effettuare consulenze mediche in diversi ambiti grazie alla disponibilità di medici e professionisti su patologie oncologiche sia costretta a scappare da un quartiere che evidentemente, qualora ci fosse ancora bisogno di ribadirlo, necessita di maggiore attenzione da parte dell’amministrazione comunale e delle Forze dell’ordine.

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Vaccarizzo Albanese, rottura condotta: disagi per la cittadinanza

VACCARIZZO (CS) - “A causa della rottura di un tubo dell’acquedotto, verificatasi su via Scanderbeg, nella giornata di oggi, giovedì 23 maggio, potrebbe mancare...
Traffico caos Cosenza via Roma e centro città

Cosenza: “le modifiche alla viabilità non sono la causa del traffico. Servono infrastrutture di...

COSENZA - Un’accurata analisi ed un contributo sulla situazione della viabilità e in generale sulla mobilità a Cosenza arriva da Giuseppe Lo Feudo, Socio...

Paola, diciannovenne aggredito da due cani nel rione Croce

PAOLA (CS) - Aggredito da due cani sfuggiti al proprietario, un ragazzo di 19 anni finisce in ospedale. I fatti si sono verificati in...
Fentanyl

Allarme Fentanyl: “trovate tracce a Cosenza”. In campo una campagna di informazione

COSENZA - "Il fentanyl è un farmaco oppiaceo che negli Usa è arrivato a provocare 100mila morti per overdose solo nel 2022. È lecito...

«La farsa dei consiglieri di minoranza a Palazzo dei Bruzi. Perché non parlano coi...

COSENZA - "Quando tutto passa poi si dimentica, ma in politica la memoria è d'obbligo altrimenti l'azione diventa una farsa. Ed è una farsa...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Unical: giovani talenti in mostra al DAM, con il progetto “Alter”

RENDE - "Mi piacerebbe continuare questo percorso e poterlo trasformare in futuro in un lavoro". Ha raggiunto il suo obiettivo l’associazione Entropia APS, che...

Omicidio Gioffrè: il corpo “avvolto e non coperto”. Mirabelli chiede di...

COSENZA - Nuova udienza questa mattina in Corte d'Assise a Cosenza per l'omicidio di Rocco Gioffrè, (i cui familiari i figli Francesca, Giovanna e...

Processo Mirabelli, i video precedenti l’omicidio di Gioffrè “dormiva con un’ascia...

COSENZA - Nuova udienza oggi in Corte d'Assise a Cosenza del processo per l'omicidio di Rocco Gioffrè, 75 anni, ucciso con quaranta coltellate in...

Cosenza: uccise il vicino di casa, le chat tra Tiziana Mirabelli...

COSENZA - Udienza questa mattina in Corte d'Assise a Cosenza, del processo per l'omicidio di Rocco Gioffrè, pensionato di 75 anni, ucciso con oltre...

Centro protesi Inail Lamezia: un’eccellenza per restituire una nuova vita dopo...

LAMEZIA TERME - Il mondo della disabilità comprende anche i pazienti sottoposti ad amputazione, sia per asportazione chirurgica che in caso di perdita accidentale...

‘Ndrangheta, concessi i domiciliari all’avvocata Bagalà: era in carcere da oltre...

AOSTA - Il tribunale di Lamezia Terme ha disposto nei giorni scorsi la scarcerazione dell'avvocata Maria Rita Bagalà, concedendole gli arresti domiciliari presso la...