Giovane pestato dal "branco" a calci, pugni, caschi da moto e sedie. Indaga la polizia - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Calabria

Giovane pestato dal “branco” a calci, pugni, caschi da moto e sedie. Indaga la polizia

L’aggressione è avvenuta sul lungomare di Reggio Calabria da parte di una ventina di persone, tra cui alcuni minorenni

Avatar

Pubblicato

il

REGGIO CALABRIA – Un gruppo di giovani ha aggredito, per motivi in corso d’accertamento, un ragazzo poco più che maggiorenne sul lungomare di Reggio Calabria. L’episodio è accaduto nella notte tra sabato e domenica scorsi ed a renderlo noto, con un post pubblicato oggi su Facebook, è stato il sindaco, attualmente sospeso, Giuseppe Falcomatà, che ha anche inserito il video dell’aggressione realizzato con un telefono cellulare. Gli aggressori del giovane sarebbero stati almeno una ventina, tra cui alcuni minorenni. Il ragazzo è stato colpito ripetutamente con pugni, calci, caschi da motociclista e sedie di plastica. Soltanto dopo alcuni minuti il giovane aggredito è riuscito a darsi alla fuga.

Sull’episodio ha avviato indagini la polizia di Stato sotto le direttive della Procura delle Repubblica ordinaria e della Procura per i minorenni, guidate, rispettivamente, da Giovanni Bombardieri e Roberto Di Palma. Il ragazzo vittima dell’aggressione ha riportato la frattura del setto nasale e lesioni varie. Il giovane, comunque, secondo quanto si è appreso, non ha presentato alcuna denuncia, presumibilmente nel timore di subire altre violenze. Il giovane vittima del pestaggio è stato sentito dagli investigatori, ma non avrebbe fornito chiarimenti sui motivi dell’aggressione.

Il sindaco Falcomatà “immagini vergognose”

Per il sindaco di Reggio Calabria quelle immagini mostrano il modo di esprimersi barbaro e attraverso la violenza da parte di alcuni giovani. “Il nostro lungomare – scrive il primo cittadino – in questi giorni è teatro di tante iniziative ed eventi, concerti, momenti di svago e di divertimento. Eppure c’è chi sembra non gradire e preferisce trascorrere il tempo in questo modo.  Scene già viste purtroppo, evidentemente i messaggi educativi non bastano mai. Ho sempre sostenuto che il compito delle istituzioni ed in generale delle agenzie educative sia quello di capire i motivi di questi episodi, di comprendere il disagio profondo che vi si nasconde. Ma a volte c’è poco da capire: evidentemente c’è chi, seppur giovanissimo, sceglie proprio di esprimersi in questo modo barbaro, attraverso la violenza. Questa non è la nostra città, non è la Reggio che conosciamo. Non è quella Reggio inclusiva, tollerante, quella Reggio del dialogo e del rispetto delle regole, per la quale lavoriamo ormai da tanti anni.
Non dite che ci vogliono le telecamere o i controlli, perché qui è esclusivamente una questione di educazione. Ai ragazzi protagonisti di questo video vorrei dire vergona, perchè quella che si vede non è semplicemente una rissa, ma un vero e proprio petaggio, tutti contro uno. E allora più che ai ragazzi io mi rivolgerei ai loro genitori: se io riconoscessi mio figlio in quelle immagini non ci penserei due volte ad accompagnarlo in Questura”.

Calabria

Ristorazione e sequestro di alimenti: i Nas chiudono 3 attività e denunciano 8 persone

I Nas hanno ispezionato complessivamente 70 attività del settore alimentare, rilevandone 22 irregolari pari al 31% degli obiettivi ispezionati

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – Nel corso dell’attuale periodo estivo, i carabinieri del Nas di Catanzaro, nei territori delle provincie di Catanzaro e Vibo Valentia, hanno ispezionato complessivamente 70 attività del settore alimentare, rilevandone 22 irregolari (pari al 31% degli obiettivi ispezionati), che hanno portato alla contestazione di 10 sanzioni penali e 37 violazioni amministrative per oltre 20.000 mila euro. Complessivamente sono state deferite all’Autorità Giudiziaria 8 persone mentre 18 sono state segnalate alla Autorità Amministrativa.

In particolare in Squillace, Lamezia Terme e Nicotera Marina, presso un’attività di supermercato e tre di ristorazione, sono stati rinvenuti e sottratti alla vendita complessivamente oltre 150 kg di alimenti per varie irregolarità. Sono stati inoltre disposti 3 provvedimenti di chiusura di depositi annessi ad attività di vendita e preparazione di alimenti, poiché attivati in assenza di autorizzazioni e di requisiti igienico sanitarie e strutturali.

Continua a leggere

Calabria

Coltivavano 2mila piante di marijuana, 3 arresti: uno di loro è consigliere comunale

La Prefettura ha disposto per il consigliere la sospensione temporanea della carica. La droga è stata sequestrata penalmente

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CROTONE – I carabinieri di Petilia Policastro, dopo aver individuato una piantagione di “canapa indiana” all’interno del fondo agricolo di proprietà di un commerciante del luogo, 62enne, ubicato nella località “Acquasale”, hanno sorpreso lo stesso, mentre, insieme ad altre due persone, un 49enne, operatore socio sanitario di Mesoraca, e un 57enne, commerciante di Rizziconi, erano intenti a prendersi cura e a raccogliere, esfoliandole, numerose piante di “marijuana”.

I militari, hanno accuratamente perquisito l’area d’interesse, rinvenendo complessivamente più di 2.500 arbusti in fase d’infiorescenza, 9,00 chili di droga, già stipati in alcuni sacchi e pronti per la successiva commercializzazione, e vario e numeroso materiale idoneo alla coltivazione, al confezionamento e all’essiccazione delle suddette piante. Immediatamente condotti in caserma per il prosieguo degli accertamenti di rito, i tre sono stati arrestati per “coltivazione e detenzione ai fini di spaccio in concorso di sostanze stupefacenti”, condotti presso le loro dimore in regime di “arresti domiciliari”, tranne il commerciante di Rizziconi, associato alla Casa Circondariale di Crotone, e messi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa dello svolgimento dell’udienza di convalida, al cui termine, è stato emesso nei loro confronti un provvedimento custodiale di detenzione domiciliare.

Solo per uno di loro, in ragione della carica di Consigliere Comunale ricoperta, la Prefettura di Crotone ha successivamente disposto la sua sospensione temporanea. I materiali e la droga, sono stati sequestrati penalmente.

Continua a leggere

Calabria

Ferì una persona con una bottiglia rotta, Daspo “Willy” per un 58enne

La persona ferita è stata soccorsa e trasportata in ospedale dove si è reso necessario un intervento chirurgico

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CROTONE – Il Questore di Crotone Marco Giambra ha emesso un Daspo “Willy”, divieto di accesso agli esercizi pubblici ed ai locali di pubblico intrattenimento, della durata di sei mesi nei confronti di un 58enne, domiciliato a Cutro. Il destinatario della misura di prevenzione, lo scorso 1 agosto, mentre si trovava nei pressi di un bar di Cutro, per un diverbio dovuto a futili motivi ha colpito, con il collo di una bottiglia di vetro infranta, un altro uomo procurandogli lesioni.

La persona ferita è stata soccorsa e trasportata in ospedale dove si è reso necessario un intervento chirurgico. I sanitari, in quella circostanza, si sono riservati la prognosi anche se la vittima non era in pericolo di vita. All’identità dell’aggressori si è giunti a seguito degli accertamenti svolti da personale della Divisione Anticrimine della Questura anche attraverso degli elementi informativi acquisiti dai carabinieri di Cutro.

Continua a leggere

Di tendenza