Individuato il presunto autore delle minacce a Gratteri e Lombardo - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Archivio Storico News

Individuato il presunto autore delle minacce a Gratteri e Lombardo

Avatar

Pubblicato

il

CATANZARO – La Guardia di Finanza di Reggio Calabria ha individuato il presunto autore di una serie di telefonate anonime di minacce nei confronti dei due magistrati.

Oggetto dei messaggi minatori il procuratore aggiunto di Reggio Calabria Nicola Gratteri e al pm della Dda reggina Giuseppe Lombardo. Sono in corso una serie di perquisizioni per acquisire elementi di prova a carico dell’ indagato. L’attività investigativa è diretta dal procuratore della Repubblica di Catanzaro Vincenzo Antonio Lombardo. Le minacce ai due magistrati erano state rivolte in alcune telefonate giunte ai centralini di Reggio Calabria di Guardia di Finanza e Carabinieri. Sui motivi per i quali l’indagato ha rivolto le minacce a Gratteri e Lombardo vige, per il momento, il massimo riserbo. Le telefonate con le quali sono state rivolte le minacce di morte secondo la ricostruzione fatta dalla Guardia di Finanza, sono state effettuate da alcune cabine pubbliche. 

 

E’ un operaio, Francesco Gennaro Triolo, 47 anni, risultato in contatto con soggetti ritenuti contigui a cosche di ‘ndrangheta, l’uomo denunciato dalla Guardia di finanza di Reggio Calabria come l’autore di una serie di telefonate fatte alla stessa finanza ed ai carabinieri con minacce di morte per il pm della Dda Giuseppe Lombardo e per il procuratore aggiunto di Reggio Calabria Nicola Gratteri. L’uomo lavora in un centro di distribuzione commerciale situato nelle vicinanze dell’abitazione di Lombardo. Triolo è accusato di avere fatto una serie di telefonate da alcune cabine pubbliche di Reggio Calabria ai centralini di finanza e carabinieri parlando, riguardo al pm Lombardo, di un progetto di attentato con 200 chili di esplosivo. Nelle telefonate, fatte nel periodo compreso tra il novembre 2014 e la settimana scorsa, Triolo, per l’accusa, ha effettuato 10 telefonate, tutte di breve durata, nella quali, annunciando gravissime azioni minatorie ai danni dei magistrati della Dda reggina, ha utilizzato frasi come: “è pronta la festa per il giudice Lombardo al parco Caserta”, “siamo pronti ad uccidere il giudice Lombardo”, “uccideremo il giudice Lombardo”, “siamo pronti a uccidere Lombardo al parco Caserta”, “c’è una bomba al parco Caserta per il giudice Lombardo”, “siamo pronti a uccidere il giudice Gratteri”. In una occasione, Triolo dimostrava di essere addirittura a conoscenza, in tempo reale, anche dei movimenti di Giuseppe Lombardo, affermando “ore 20.37 il giudice Lombardo è rientrato in casa”. Nel corso dell’operazione condotta stamani, i finanzieri del Gico del Nucleo di polizia tributaria di Reggio Calabria hanno eseguito dieci perquisizioni disposte dal procuratore capo di Catanzaro Vincenzo Antonio Lombardo e dal sostituto procuratore Paolo Petrolo, nei confronti di alcuni soggetti indiziati di essere collegati con le telefonate intimidatorie. Attraverso gli incroci dei dati raccolti, i finanzieri hanno ricostruito tutti i vari percorsi di Triolo e localizzato le cabine dalle quali sono partite le telefonate, situate in Viale Calabria, in Via 25 Luglio e in Piazza Garibaldi. 

Archivio Storico News

Cosenza e Paganese ci provano fino alla fine, ma a Pagani finisce senza reti. Rossoblu spreconi nel primo tempo

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Le due squadre danno vita ad una bella gara, ricca di emozioni e azioni da rete, ma il risultato non si schioda dallo 0 a 0. Per i rossoblu è il sesto risultato utile consecutivo. Cosenza migliore nella prima frazione di gara. Annullata una rete a La Mantia nella ripresa
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Sparatoria con due morti a Roma, convalidato il fermo di un giovane calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

E’ ancora da chiarire del tutto i motivi del litigio anche se tra Scarozza e Ventre vi erano dei dissidi dovuti a una relazione che il più giovane aveva con l’ex moglie di Fabrizio Ventre.

 
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Il caso Legnochimica arriva in Senato, si chiede ai ministri il perché del blocco della bonifica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Continui rimpalli di responsabilità e aumento di patologie ‘anomale’ tra i residenti, cosa intende fare il Governo? (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza