Cosenza, Aldo ha perso la sua battaglia contro la leucemia: «impossibile dimenticarti»

Aldo si è spento a 36 anni all’Annunziata di Cosenza. In pochi giorni è diventato il figlio, il fratello e l'amico di tutti: «ha lottato come un leone»

COSENZA – Non ce l’ha fatta Aldo G., 36enne di San Mango d’Aquino che a fine dicembre è stato ricoverato all’ospedale dell’Annunziata di Cosenza a causa di una forma violenta di leucemia. Due settimane fa un moto di solidarietà ha inondato Aldo e la sua meravigliosa famiglia. In poche ore è rimbalzato su tutti i social l‘appello in aiuto del 36enne che recitava: “ha urgente bisogno di donazioni di sangue, è importante che ci sia del sangue disponibile per estrarre le piastrine”.

Amici, parenti, estranei si sono affezionati al giovane di San Mango presentandosi in tantissimi al centro trasfusionale dell’Annunziata di Cosenza per donare. Aldo, in pochi giorni, è diventato il figlio, il fratello e l’amico di tutti. Un ragazzo dal cuore d’oro, amabilissimo, preparato, pacato nei modi, appassionato di sport. Da anni lavorava a Rende con dedizione e professionalità portando avanti un progetto in cui credeva molto.

“Una notizia che non avrei mai voluto ricevere che ha scosso e commosso l’intera comunità sammanghese e non solo“. Queste le parole del sindaco di San Mango d’Aquino, Luca Marrelli. “Ci ha lasciato l’amico caro Aldino. Ha lottato come un leone, ha lottato fino alla fine ma un destino atroce e crudele ha avuto la meglio. Non lo meritava”. Aldo era un consigliere comunale. Un figlio. Un marito e un padre innamorato delle sue due bambine; una nata lo scorso 20 dicembre. Un leone che ha davvero combattuto con tutte le sue forze una guerra forse troppo violenta e cruda anche per un campione come lui. “Perché Dio?” è questa la domanda tormentata che si pone il sindaco Marrelli, e non solo, in lungo messaggio sui social. Di questa storia, che anche noi di quicosenza abbiamo raccontato, rimane una certezza: “Aldo, sarà impossibile dimenticarti”.

“Ci sono tanti Aldo”

Potremmo però ricordarlo ogni giorno perché di “Aldo” purtroppo ce ne sono tanti ricoverati negli ospedali.  “La necessità di donare il sangue – ha spiegato a Quicosenza il professor Francesco Zinno, direttore dell’unita Operativa Complessa di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale di Cosenza – è sempre  presente e la donazione dev’essere fatta in maniera periodica – dice -. E’ auspicabile che ci sia un flusso continuo di donatori perché – dice Zinno – anche se non c’è un’emergenza ci sono, purtroppo, tanti Aldo. Mi auguro che il flusso di donazioni resti sempre alto e costante perché ci sono tanti pazienti che, differentemente da Aldo, non hanno una famiglia e tanti amici per lottare insieme. Molti malati sono soli“.

Ecco come prenotarsi per donare

Il centro trasfusionale dell’ospedale Annunziata di Cosenza è aperto tutti i giorni, dal lunedì al sabato. Per prenotarsi è necessario chiamare il numero 0984 681404.

“Tutti i donatori che vogliono donare – spiega il professore –  possono prenotarsi a quel numero che è dedicato a scaglionare le donazioni anche in funzione del fabbisogno poiché, nel caso specifico delle piastrine, la durata è di cinque giorni. Se noi raccogliamo tante piastrine oggi e nessuna la prossima settimana è come se non avessimo raccolto nulla. Deve esserci dunque – conclude Zinno – l’afflusso costante per tutti i pazienti ematologici e non solo”.

- Pubblicità -

Correlati

Cosenza, una Consulta Intercultura per la cooperazione sociale e culturale in città

COSENZA - E' stato approvato questa mattina in Commissione servizi al cittadino di Palazzo dei Bruzi il regolamento della Consulta Intercultura Cosenza. "Finalmente il...

Violenza giovanile, Spoto: “stiamo lavorando per individuare tutti i responsabili”

COSENZA - Prima la rissa in piazza Bilotti, poi il violento pestaggio di Scalea, due episodi di bruta violenza ad opera di giovanissimi, che...

Cosenza, sigilli ad una sala slot clandestina in un fabbricato abusivo

COSENZA - Questa mattina il personale dell’Ufficio Volanti della Questura di Cosenza con l’ausilio di equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Calabria Settentrionale, hanno svolto...

Ferrovie della Calabria, nuovi bus e treni «moderni, efficienti, sicuri e videosorvegliati»

COSENZA - Sono stati presentati questa mattina nel piazzale dell’Azienda dietro la stazione di Vaglio Lise a Cosenza, i nuovi mezzi del parco macchine...
- Pubblicità -
- Pubblicità adsense 1-

Ultimi Articoli

Mendicino fiamme

Mendicino, a fuoco un intero appartemento. Dichiarato inagibile

COSENZA - Questa mattina i vigili del fuoco di Cosenza, sono intervenuti a Mendicino nella frazione Basso La Motta per domare le fiamme divampate...

Cosenza, inchiesta Reset: il sindacalista Gianluca Campolongo lascia i domiciliari

COSENZA - La seconda sezione penale della Corte di Cassazione ha accolto ieri, 31 gennaio 2023, il ricorso proposto da Gianluca Campolongo, difeso dall'Avvocato...

‘Ndrangheta, evaso dai domiciliari killer ergastolano: uccise anche un carabiniere

MILANO - Massimiliano Sestito, ritenuto affiliato alla 'ndrangheta catanzarese e condannato per mafia, è evaso nella serata del 30 gennaio dall'abitazione dove stava scontando...

Cosenza, una Consulta Intercultura per la cooperazione sociale e culturale in città

COSENZA - E' stato approvato questa mattina in Commissione servizi al cittadino di Palazzo dei Bruzi il regolamento della Consulta Intercultura Cosenza. "Finalmente il...

A2, chiusura di un tratto di autostrada per lavori alle condutture elettriche

VIBO VALENTIA - Per consentire alla Società E-distribuzione S.p.A. i lavori di eliminazione delle condutture elettriche interferenti, in corrispondenza del km 340,605 - in...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti
- Pubblicità adsense 2-

Categorie

Leggi ancora

Carabiniere muore dopo un litigio a Paola: una condanna a 3...

Il Maresciallo dei carabinieri Antonio Carbone è morto di infarto a Paola il 16 agosto 2021 dopo che un 28enne cosentino si scagliò verbalmente contro di lui

Caso Bergamini, depone e smentisce altri due testi: ‘Denis era poggiato...

In aula il titolare del bar nel quale la Internò si recò a telefonare dopo la tragedia e Franca Valerio che smentisce la testimonianza del cognato e della sorella

Sila, Strada delle Vette chiusa al transito. Quad e fuoristrada mettono...

La Strada della Vette usata anche da Quad e motoslitte. Un rischio altissimo per gli sciatori: «prima di intervenire c'è bisogno che qualcuno si faccia male?»

Bergamini, il teste Panunzio «la ragazza urlava disperata». Mi disse «si...

«La ragazza piangeva come una pazza. Era fuori di testa, non riuscivo neanche a guidare, perché mi tirava il braccio»

Caso Bergamini, testimone: «Denis cercava di fermare le auto per chiedere...

Parla un testimone che rischiò di investire Donato Bergamini: «quel pomeriggio ho visto un ragazzo con gli occhi persi in mezzo la strada»

Cosenza, combatte contro la leucemia: gara di solidarietà per Aldo «lotta...

Aldo ha 36 anni ed è ricoverato all'Annunziata dove sta ricevendo tutte le cure adeguate: «le donazioni devono essere costanti perché ci sono tanti Aldo»