Bimbi a ‘Scuola nel Parco’ per diventare i futuri custodi della Sila

Al via i laboratori didattici in aula e le uscite sul campo con una serie di incontri nelle scuole elementari della Sila e Presila cosentina

COSENZA – ll Parco Nazionale della Sila Riserva della Biosfera MAB-SILA UNESCO, una delle gemme naturali del sud Italia, è stato da sempre un luogo in cui la natura è protagonista. Con il suo imponente paesaggio montano, la Sila è una risorsa preziosa da tutelare e da far conoscere alle generazioni future. È in questa ottica che nasce “A Scuola nel Parco”, il progetto di educazione ambientale che si sta realizzando nelle scuole elementari della Sila e Presila cosentina con una serie di incontri che puntano a condividere la bellezza e l’importanza di questo ecosistema unico con i più giovani. L’iniziativa sta riscuotendo grande soddisfazione da parte degli istituti scolastici coinvolti e successo di partecipazione dei piccoli allievi.

Laboratori didattici in aula

L’educazione ambientale inizia nelle aule, con laboratori didattici creati per coinvolgere i bambini in attività pratiche ed esperienziali. Gli studenti imparano a conoscere gli ecosistemi, gli animali e le piante che popolano il Parco, scoprendo come essi siano interconnessi e come l’equilibrio naturale sia fondamentale per la sopravvivenza di tutte le specie.

I laboratori didattici in aula vengono tenuti da guide ufficiali del Parco, che condividono le loro conoscenze e la loro passione per la natura con i bambini. Queste sessioni sono progettate in modo da rendere l’apprendimento divertente e coinvolgente, incoraggiando la curiosità e lo spirito di scoperta dei giovani studenti.

L’obiettivo è quello di educare al paesaggio e sviluppare il senso del rispetto e della tutela dell’ambiente e diffondere un approccio plastic-free alla vita quotidiana, sensibilizzando sul riutilizzo dei rifiuti e sulla raccolta differenziata, attraverso le principali tematiche sulle tecniche di riciclaggio a seconda del materiale.

Uscite sul campo

Oltre ai laboratori in aula, il progetto offre ai bambini l’opportunità di vivere l’esperienza diretta del Parco attraverso emozionanti uscite sul campo. Le guide del Parco accompagnano gli studenti in escursioni attraverso i sentieri naturali, spiegando loro i segreti della flora e fauna locali.

Le uscite sul campo sono un momento di connessione con la natura, un’occasione per gli studenti di vedere le meraviglie naturali della Sila con i propri occhi. I bambini possono osservare gli uccelli, esplorare le foreste e i laghi, e imparare come sia importante preservare quest’ambiente unico.

Un apprendimento che lascia il segno

“A Scuola nel Parco” non è solo un progetto educativo, ma un investimento nel futuro della Sila. Incoraggiando i bambini a sviluppare una comprensione profonda dell’importanza della conservazione ambientale, il Parco Nazionale della Sila si aspetta che essi crescano con un forte senso di responsabilità verso la natura e il desiderio di proteggere questo tesoro naturale.

In un mondo in cui la tutela dell’ambiente è una priorità, “A Scuola nel Parco” è un esempio di come il coinvolgimento diretto dei giovani possa fare la differenza. Un apprendimento da cui i bambini possono essere ispirati per diventare i futuri custodi della Sila, contribuendo così a garantire che questa bellezza naturale possa essere apprezzata anche dalle generazioni a venire.

 

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Call center Tim, la situazione ‘degenera’ in Calabria e in tutta Italia: verso lo...

ROMA - Le segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, "considerato il peggioramento delle condizioni delle varie vertenze in corso su aziende...
Patrizia-Rodi_alberi-secolari-bruciati

Tagliati e dati alle fiamme alberi secolari di ulivo: nel mirino una dirigente di...

ROSARNO (RC) - Persone non identificate hanno tagliato alcune piante secolari di ulivo, mentre ad altre hanno dato fuoco, sui terreni a Rosarno, in...
Landini-e-Occhiuto

Calabria, terra fragile. Occhiuto: «stiamo tentando di far restare i giovani calabresi, processo lungo»

LAMEZIA TERME (CZ) - "In questa regione abbiamo un precariato straordinario. Un precariato per la verità che non ho creato io, perché il mio...
studenti-aula-lezione-unica

Unical: al via l’ammissione anticipata ai corsi di laurea per 4mila studenti

RENDE (CS) - È stato pubblicato il bando per l’ammissione anticipata ai corsi di laurea triennale e a ciclo unico (quinquennale) dell’Università della Calabria...
posto blocco guardia di finanza

Sequestrati oltre 11 mila prodotti non sicuri: articoli destinati anche a minori

SELLIA MARINA (CZ) - Oltre 11.000 articoli non sicuri e privi delle indicazioni di provenienza e delle caratteristiche informative minime relative alla loro composizione...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Cosenza: la denuncia dalla Commissione d’Albo dei Tecnici di Radiologia sulla...

COSENZA - "Scrivo questa lettera in qualità di Consigliere della Commissione d’Albo dei Tecnici di Radiologia della provincia di Cosenza per denunciare apertamente quello...

Granata attacca Caracciolo «sulla depurazione di Montalto intervenga la Procura della...

MONTALTO UFFUGO (CS) - "La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cosenza, il NIPAAF Carabinieri di Cosenza e il Comando Carabinieri per la...

Rende: lanciano oggetti e insultano passanti e ragazze, «attenti a quell’auto»

RENDE - Vanno in giro a bordo di un'auto, sembrerebbe una Golf di colore bianco, e  questa situazione va avanti da diverse settimane. A...

Batterio ‘killer’, avvocato Carratelli: «nessuna condanna definitiva per il dott. Bossio»

COSENZA - In riferimento all'articolo pubblicato da questa testata giornalistica dal titolo  "Azienda ospedaliera di Cosenza condannata, batterio ‘killer’ isolato 35 volte in un...

Cosenza, Associazione Studi Giuridici Immigrazione: «criticità all’Ufficio Immigrazione della Questura»

COSENZA - L'ASGI (Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione) si è fatta promotrice di una lettera contenente le principali contestazioni mosse dagli operatori del...

Montalto: bimbo lasciato sporco a scuola, la lettera di docenti e...

MONTALTO UFFUGO (CS) - "Una cosa che lascia profondamente amareggiati tutti noi che lavoriamo, con totale dedizione, presso l'IC "Emilio Bianco" di Montalto Uffugo,...