Omicidio Giordanelli, 30 anni per il reo confesso Di Profio - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Provincia

Omicidio Giordanelli, 30 anni per il reo confesso Di Profio

Avatar

Pubblicato

il

L’infermiere uccise l’ex cognata con un piede di porco mentre la donna era intenta a fare jogging  a pochi metri da casa

 

CETRARO –  30 anni la pena richiesta dal pubblico ministero per Paolo Di Profio, l’infermiere 48enne, reo confesso dell’omicidio dell’ex cognata Annalisa Giordanelli nel gennaio del 2016, colpendola più volte con una spranga di ferro al capo, mentre faceva jogging a pochi metri da casa nel centro storico a Cetraro. Questa mattina la requisitoria del pm Cerchiara davanti alla Corte d’Assise di Cosenza, (presieduta dal giudice Giovanni Garofalo, a latere la collega Francesca De Vuono) non ha lasciato spazio ad alcun dubbio. La richiesta è della pena all’ergastolo aggravata dalla continuazione dell’uso dell’arma, diminuita per la richiesta del rito abbreviato.

Il 16 febbraio di un anno fa la Corte di Assise aveva accolto la richiesta del giudizio abbreviato condizionato dell’imputato rappresentato dagli avvocati Sabrina Mannarino e Giuseppe Fonte. Per gli inquirenti il quadro indiziario fu sin da subito chiaro anche in merito alla stessa confessione compiuta poi dal Di Profio sulla scorta di un momento di raptus perché lui riteneva l’ex cognata la causa della fine del suo matrimonio. Il medico avrebbe preso in carico le vicissitudini della sorella e appoggiandola nella sua decisione di separarsi dal marito. La vittima insieme al marito provvedeva anche al sostentamento dei nipoti. Da qui, l’ “odio” nato da parte del Di Profio  nei confronti dell’ex cognata da portarlo a colpirla più volte con un piede di porco fino a determinarne la morte. La Corte ha fissato ulteriori due udienza in cui discuteranno le parti civili e la difesa. Nell’ultima udienza è prevista la sentenza. A rappresentare le parti civili per la moglie di Di Profio c’è l’avvocato Mimmo Bruno; Franz Caruso per il marito di Annalisa Giordanelli, Alfonso Munciguerra per la mamma di quest’ultima e Vito Caldiero per un’altra sorella della vittima

Provincia

I bang sonici preoccupano i cosentini. L’appello al Ministro: «adotti misure necessarie»

L’allarme del deputato Nicola Carè, del Pd: «paura e scompiglio a Cosenza e provincia, il boato ha infranto i vetri di una scuola»

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “Ho presentato un’interrogazione parlamentare, al Ministro della Difesa, relativa al problema dei bang sonici che si sono verificati in provincia di Cosenza, in particolare nella Piana di Sibari. Già nel novembre 2021, in diversi comuni del cosentino si sono registrati forti boati a distanza ravvicinata dovuti al passaggio di aerei a velocità superiore a quella del suono (detti bang sonici), che l’Aeronautica militare ha confermato essere attività di volo supersonica, preventivamente autorizzata e pianificata”.

Lo afferma il deputato Nicola Carè, del Pd, componente la Commissione Difesa. “Il ‘bang sonico’, il fenomeno di rottura del muro del suono – prosegue – è un forte boato che si produce ogni volta che un aereo in volo determina una compressione dell’aria, producendo un rumore molto più che forte, fastidioso quanto acusticamente dannoso per la popolazione; il passaggio di questi aerei ha creato nella popolazione di Cosenza e della sua provincia molta paura e scompiglio, soprattutto in anziani e bambini, e in uno degli episodi è stato talmente dirompente da arrivare ad infrangere i vetri di una scuola.

E’ già stata svolta un’attività di controllo negli anni scorsi, ma il problema continua a persistere e benché l’Aeronautica militare operi nel rispetto delle procedure standard di volo, l’effettuazione di tali passaggi aerei crea forte preoccupazione e un notevole disturbo alla popolazione dei territori interessati. Ho chiesto dunque al Ministro nell’interrogazione se non ritenga opportuno adottare le misure necessarie per garantire che durante l’effettuazione di attività di addestramento al volo supersonico si possano evitare alla popolazione disagi e preoccupazioni e se non si ritenga necessario valutare la possibilità di modificare le rotte dell’attività addestrativa pianificata dell’Aeronautica militare in modo tale da evitare ulteriori episodi di bang sonico che, da anni, allarmano la popolazione della piana di Sibari”.

Continua a leggere

Provincia

Minorenne violentata in auto dall’uomo che conosceva: bloccato e arrestato nel cosentino

I carabinieri, impegnati in un giro di pattuglia sulla provinciale Sibari-Villapiana, si sono insospettiti e dopo un controllo hanno arrestato un 35enne

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CASSANO ALLO IONIO (CS)  – I carabinieri della Compagnia di Cassano allo Ionio hanno arrestato un 35enne con l’accusa di violenza sessuale ai danni di una minorenne. La ragazza, secondo l’accusa, sarebbe stata costretta a subire un rapporto sessuale con l’uomo che conosceva e con il quale era in automobile per tornare a casa. I militari di una pattuglia della Compagnia, impegnati in un normale controllo del territorio, transitando sulla provinciale Sibari – Villapiana hanno notato la vettura ferma e qualcosa di strano che ha richiamato la loro attenzione. Una volta fermati e compiuti gli accertamenti hanno arrestato l’uomo.

Continua a leggere

Provincia

Mirto Crosia, ottima partenza per la rassegna dei mercatini natalizi 2022

L’iniziativa non è caratterizzata soltanto dalla vendita dei tradizionali oggetti di Natale, ma anche dall’opportunità di creare un momento di concreta socializzazione nella centralissima piazza Dante

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CROSIA (CS) – E’ stato tagliato formalmente ieri il nastro della dodicesima edizione, avviata nel 2010 (un anno in stand-by a causa della pandemia) strutturata dalla Gg eventi, con il patrocinio dell’Assessorato al Turismo del Comune di Crosia. Un’azione laboriosa, che ha richiesto tanta abnegazione. Un’iniziativa che la gente della cittadina ionica e dell’hinterland attende ogni anno con gioia. D’altronde, i mercatini natalizi, quest’anno programmati fino al 26 dicembre, non sono caratterizzati soltanto dalla vendita dei tradizionali oggetti di Natale, ma anche dall’opportunità di creare un momento di concreta socializzazione nella centralissima piazza Dante. L’opportunità, quindi, di vivere concretamente l’agorà, assistendo, al contempo, a numerose iniziative, fra cui spettacoli e momenti di interazione per adulti e piccini. Infatti, sono tanti gli eventi programmati lungo l’arco dell’intera rassegna, fra cui laboratori creativi per bambini, giochi, giostre, manifestazioni canore, di ballo, recitazione, attività informative e di sensibilizzazione. Partecipazione attiva di istituzioni, associazioni, artisti e autori vari.

Il taglio del nastro, da parte dei bambini, alla presenza del responsabile della Gg eventi, Giuseppe Greco, del sindaco di Crosia, Antonio Russo, del presidente del Consiglio comunale, Francesco Russo ha sancito ufficialmente l’apertura dell’edizione 2022, la cui benedizione è stata impartita dal parroco della parrocchia “Divin Cuore” di Mirto, don Umberto Pirillo. A seguire Greco e gli amministratori locali hanno visitato le singole casette e salutato gli espositori, quindi dal palco hanno proferito parole di saluto verso la folta platea. Piacevole e apprezzato dal pubblico il concerto d’apertura del gruppo musicale “Quelli del magazzino dei ricordi”. Dunque, una piacevole serata, quella d’apertura, presentata da Giusy Flotta, che, fra l’altro, ha avuto il compito di illustrare nei dettagli la programmazione della rassegna.

“Nonostante le difficoltà economiche che attanagliano tutta l’Italia – ha commentato Giuseppe Greco – c’è stata un’ottima risposta. Oltre all’arte presepiale, nei mercatini natalizi si trovano anche prodotti per l’hobbistica e l’oggettistica di Natale, l’arte lignea e varie forme di artigianato, oltre a stand relativi al gusto e altre tipologie. Soddisfazione è stata espressa dagli organizzatori, ma anche dai visitatori che, in occasione della serata inaugurale, hanno avuto l’opportunità di apprezzare numerosi prodotti, alcuni anche unici, realizzati a mano. Da sottolineare che sarà interessante, non solo visitare, ma anche rivisitare i mercatini perché, oltre alle manifestazioni programmate giornalmente, muteranno anche vari espositori. Alcune casette, infatti, ogni 3-4 giorni ospiteranno nuovi standisti. Ben 19 giorni di attività, dunque, che riscalderanno le fredde giornate di dicembre, creando la giusta atmosfera del periodo: quella natalizia.

Continua a leggere

Di tendenza