Nasce il comitato Pro Emilio Greco

Il comitato nasce per sostenere il professionista, illustre e sensibile persona ma anche in virtù dei soprusi che tanti nelle stesse condizioni devono subire e a cui oggi si vuole dire basta

 

COSENZA – Il comitato è stato promosso dall’avvocato Antonio Sanvito e sottoscritto da numerosi colleghi ma anche tanti altri cittadini che sono venuti fino in tribunale per sottoscrivere il documento in cui si legge: «E’ stata deliberata la costituzione del comitato spontaneo e volontario denominato “PRO EMILIO GRECO”, al fine di manifestare tutto il nostro sostegno ad EMILIO GRECO, in relazione alla vicenda che lo vede in contrasto con un condomino, nonchè con l’amministratore del condominio dello stabile sito in Cosenza alla Via Galluppi 15, per l’istallazione di una piattaforma elevatrice.

Ed invero, l’avv. Emilio Greco, affetto da BPCO (Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva) trattata con ossigenoterapia a domicilio e farmaci e riconosciuto invalido con totale e permanente inabilità lavorativa al 100% con necessità di assistenza continua, a cagione delle sue condizioni di salute, è impossibilitato, a causa della predetta patologia, a raggiungere la sua abitazione posta al quarto/quinto piano dello stabile sito in Cosenza alla Via Galluppi 15, poichè privo di ascensore, se non a prezzo di un enorme sforzo fisico, che non risulta compensato neppure dall’utilizzo della bombola di ossigeno portatile». Questo è quanto riportato nell’atto costitutivo in cui ancora si legge:

«La presente iniziativa rimane aperta senza alcuna restrizione a chiunque altro condivida i principi ispiratori del comitato, che può sottoscrivere il documento per adesione. I sottoscritto, per il raggiungimento delle finalità del Comitato, si dichiarano intenzionati a promuovere ogni iniziativa utile ed in particolare:

  • organizzare campagne di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e di tutti gli organi istituzionali che abbiano il potere di intervenire in maniera diretta od indiretta;
  • intraprendere azioni legali;
  • collaborare con ogni Ente ed amministrazione interessata alla vicenda».

 

DOCUMENTO DI SOLIDARIETA’ REDATTO E SOTTOSCRITTO DAL COMITATO SPONTANEO E VOLONTARIO DENOMINATO “PRO EMILIO GRECO”

«Quali promotori del comitato spontaneo e volontario denominato “PRO EMILIO GRECO”,  giusta atto di costituzione allegato in copia al presente atto, rappresentano quanto segue.

Si rileva, innanzitutto, che lo scopo principale del presente atto è quello di iniziare una campagna di sensibilizzazione e di sostegno in favore di EMILIO GRECO, in relazione alla vicenda che lo vede in contrasto con un inquilino, nonchè con l’amministratore del condominio dello stabile sito in Cosenza alla Via Galluppi 15, per l’istallazione di una piattaforma elevatrice.

Tale iniziativa parte dalla considerazione che l’avv. Emilio Greco, affetto da BPCO (Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva) trattata con ossigenoterapia a domicilio e farmaci e riconosciuto invalido con totale e permanente inabilità lavorativa al 100% con necessità di assistenza continua, a cagione delle sue condizioni di salute, è impossibilitato, a causa della predetta patologia, a raggiungere la sua abitazione posta al quarto/quinto piano dello stabile sito in Cosenza alla Via Galluppi 15, poichè privo di ascensore, se non a prezzo di un enorme sforzo fisico, che non risulta compensato neppure dall’utilizzo della bombola di ossigeno portatile.

L’avv. Emilio Greco, giusta nota riassuntiva dei termini della questione fatta pervenire dal predetto professionista allo scrivente Comitato, chiedeva la convocazione dell’assemblea condominiale, del predetto stabile, allo scopo di ottenere la favorevole deliberazione all’installazione di una piattaforma elevatrice.

L’assemblea, in data 20.07.2018, deliberava la realizzazione dell’opera ed in ogni caso, l’avv. Greco, non essendo comparsi altri condomini interessati a partecipare alla realizzazione dell’impianto, dichiarava di voler provvedere autonomamente all’installazione dell’impianto di elevazione, accollandosi l’intera spesa necessaria, fatto salvo il diritto di ciascun condomino di subentrare nel diritto di proprietà e di uso dell’impianto e, decorsi i termini per l’impugnazione della delibera, in data 22.10.2018, presentava al Comune di Cosenza SCIA, protocollo n. 83589 del 23.10.2018, con precisa indicazione delle modalità, caratteristiche tecniche e finalità dell’installazione.

I lavori di istallazione dell’impianto iniziavano in data 24.01.2019, previo avviso inviato a mezzo PEC al Condominio, in persona del suo Amministratore con la realizzazione dello scavo destinato ad ospitare il motore della piattaforma e nessuna contestazione di quanto eseguito perveniva,  nè dall’Amministratore, nè da altri condomini, e, pertanto, in data 13.02.2019, gli addetti dell’impresa esecutrice dei lavori (Binetti Lift S.a.s. di Binetti Mario & C.), scaricavano il materiale da montare il giorno successivo, ma, per come da questi riferito, venivano verbalmente invitati dall’Amministratore del Condominio a soprassedere dalle relative attività.

Non solo, in data 14.02.2019, il predetto Amministratore si portava presso lo stabile in questione impedendo tanto l’inizio dei lavori di montaggio della piattaforma, quanto a ricoprire lo scavo già realizzato mediante lo sversamento all’interno di esso di cemento fresco; questi, inoltre, aggrediva verbalmente e fisicamente l’avv. Francesca Bufano, presente sui luoghi in qualità di delegata dell’avv. Emilio Greco, tanto che la stessa, in pari data, era costretta a ricorrere alle cure del pronto soccorso del nosocomio cittadino ed  a presentare lamento penale presso la Questura di Cosenza.

Quanto sin qui esposto è certamente grave, ma lo scrivente Comitato ritiene assolutamente necessario dover intervenire poichè il citato Amministratore ha preannunciato la massima resistenza avverso qualsivoglia tentativo di procedere alla realizzazione dell’opera, benché debitamente deliberata dall’assemblea condominiale e munita di titolo autorizzativo, sebbene totalmente a spese dell’avv. Emilio Greco e soprattutto malgrado sia assolutamente necessaria al predetto professionista per lo svolgimento di una vita dignitosa, così come previsto e disciplinato dalla L. 104/1992 in materia di assistenza, integrazione sociale e diritti delle persone disabili che, nello specifico, all’art. 24, disciplina l’eliminazione e il superamento delle barriere architettoniche negli edifici pubblici e privati.

Sentimenti di solidarietà e di umanità nei confronti dell’avv. Emilio Greco impongono ai sottoscrittori del presente atto di prendere una decisa posizione su questa vicenda ed in particolare di condannare fermamente chiunque stia ostacolando con qualsiasi mezzo la realizzazione della piattaforma di elevazione assolutamente necessaria per raggiungere la sua abitazione, nonchè assolutamente necessaria per far svolgere all’avv. Emilio Greco una vita dignitosa e normale, nei limiti della malattia che purtroppo l’ha colpito.

Lo scrivente comitato assume la medesima forte posizione di condanna nei confronti dell’autore dell’aggressione verbale e fisica nei confronti l’avv. Francesca Bufano, condotta deplorevole ed inqualificabile, comunque già denunciata all’Autorità Giudiziaria.

Si chiede, in conclusione, l’adozione, da parte delle Autorità alle quali il presente atto verrà prodotto, di tutte le azioni al fine di pervenire ad un’immediata risoluzione della vicenda e restituire all’avv. Emilio Greco la necessaria dignità di persona appartenente alla nostra comunità.

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Corigliano Rossano, allarme Schlein (Pd) su tagli ai comuni che hanno fondi Pnrr

CORIGLIANO ROSSANO - La segretaria del Partito Democratico, Elly Schlein, nel corso del suo tour elettorale in Calabria, ha fatto tappa a Corigliano Rossano,...
accoltellato morelli 2

Accoltellato e abbandonato davanti all’ospedale, muore 30enne: l’ipotesi di una rapina andata male

REGGIO CALABRIA - È di Catania l'uomo deceduto ieri davanti all'ospedale "Morelli" di Reggio Calabria. L'identità è stata accertata dalla squadra mobile e dai...
Ospedale di Paola

Ospedale di Paola, il reparto di chirurgia verso la chiusura. Presentato ricorso al Tar

PAOLA (CS) - Il Comitato per la difesa del diritto alla salute ha depositato un ricorso al Tar Calabria contro il piano di riordino...

Cosenza, siglato il protocollo “Codice rosso” fra Uepe e Csm

COSENZA - Siglato protocollo d’intesa fra il Dipartimento Giustizia minorile e di comunità – Ministero della Giustizia, Ufficio locale di esecuzione penale esterna di...
protesta-unical-per-Palestina

Unical, il Senato Accademico prende posizione: «cessate il fuoco in Palestina»

RENDE (CS) - Dopo le forti tensioni che hanno coinvolto diverse università italiane - tra cui anche l'Unical - il Senato Accademico della Calabria...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Trebisacce: “Liberi di volare” al Filangieri, per combattere le dipendenze giovanili

Il progetto, che coinvolge tre province d’Italia, Cosenza, Reggio Calabria e Roma, è promosso dall’associazione di promozione sociale Unipromos                   TREBISACCE  (CS) – Primo appuntamento...

Cosenza, via Rivocati: tentato furto in un cantiere edile, due arresti

I due compagni di "merenda"dopo avere divelto le lamiere della recinzione sono penetrati all'interno dello stabile. Nelle tasche è stato rinvenuto uno spadino   COSENZA -...

Cosenza, mastelli anti randagismo: la municipale multa e il giudice le...

Il giudice ha accolto la richiesta della difesa che ha chiesto l'annullamento in quanto le violazioni sarebbero state commesse da ignoti e pertanto si...

Stige, battute finali per il maresciallo Greco davanti al Gup

La difesa chiede la trasmissione degli atti alla Procura di Salerno per un conflitto di competenza ma la Procura si oppone   LONGOBUCCO (CS) - Si...

Lui vuole lasciarla e lei inscena un sequestro di persona

La moglie chiama con il cellulare i carabinieri dichiarando di essere stata sequestrata. Il marito viene arrestato e parte la querela per simulazione di...

Talpe del clan Rango – Zingari: in aula parlano i pentiti

Secondo la Distrettuale il carabiniere e il poliziotto aiutavano il clan passando informazioni in cambio di denaro e trattamenti di favore    COSENZA - Nuova udienza del...