Corigliano Rossano: incendio in un capannone abbandonato, una vittima - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Ionio

Corigliano Rossano: incendio in un capannone abbandonato, una vittima

Il corpo dell’uomo è stato trovato carbonizzato. L’incendio sarebbe divampato per cause accidentali

Avatar

Pubblicato

il

CORIGLIANO ROSSANO (CS) – Un migrante di nazionalità moldava é morto a Corigliano Rossano nell’incendio scoppiato nel capannone abbandonato in cui dormiva. Le fiamme, secondo quanto é emerso dalle indagini dei carabinieri del locale Reparto territoriale, sarebbero state provocate da cause accidentali, presumibilmente per una cicca di sigaretta non spenta. L’incendio é stato spento dai vigili del fuoco. A trovare il cadavere carbonizzato del moldavo sono stati i carabinieri, che hanno sentito come testimone un altro migrante che dormiva nel capannone insieme alla vittima. Sul posto i militari hanno trovato alcune bottiglie di alcolici vuote. Si esclude, in ogni caso, che l’incendio sia stato appiccato volontariamente da qualcuno e che quindi, per quanto é accaduto, possano esserci responsabilità di terzi.

Ionio

Sibari: rapina una dipendente delle Ferrovie, arrestato 42enne

L’uomo avrebbe finto di avere una pistola e dopo aver minacciato la vittima le ha intimato di consegnarli quanto aveva con sè

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CASSANO ALLO IONIO (CS) – I carabinieri di Cassano hanno arrestato un 42enne, G.C., di Taranto, ritenuto responsabile di una rapina compiuta domenica mattina ai di una dipendente delle Ferrovie nei pressi dello scalo ferroviario di Sibari. Secondo la ricostruzione dell’accaduto fatta dai militari, l’uomo, a volto scoperto, avrebbe bloccato la macchina di servizio su cui si trovava la ragazza di 22 anni.

L’uomo avrebbe minacciato la giovane con un oggetto avvolto in un indumento e impugnato in maniera tale da sembrare la canna di una pistola. Le ha poi intimato di consegnare tutto ciò che aveva con sè ed è fuggito. Subito rintracciato, il presunto rapinatore è stato trovato in possesso dell’oggetto utilizzato per perpetrare la minaccia oltre a quanto sottratto poco prima alla ragazza.

Continua a leggere

Ionio

Tragedia a Trebisacce, anziano muore in casa travolto dalle fiamme

Il dramma si è consumato questa notte. La vittima dopo aver lavorato per anni all’estero aveva deciso di ritirarsi nella casa che un tempo condivideva con i genitori e le sorelle

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

TREBISACCE (CS) – Perde la vita tra le fiamme della sua stessa casa a Trebisacce comune dell’alto ionio cosentino. La tragedia si è consumata questa notte. La vittima è un 80enne pensionato che dopo una vita di lavoro all’estero e non pochi sacrifici aveva deciso di ritirarsi nel tepore della sua umile dimora che, un tempo condivideva con i genitori e le sorelle.  In soccorso, all’uomo arso vivo dalla fiamme, è stato un vicino di casa che ha tentato di salvarlo, ma purtroppo invano.

Sulla tragedia indagano i carabinieri intervenuti sul posto. Si tenta di risalire ancora alle cause dell’incendio ma secondo le prime ipotesi si pensa che all’origine del rogo ci sia un braciere che abbia dato vita a un incendio divampato in maniera violenta poi nella notte. L’abitazione è stata posta sotto sequestro.

Continua a leggere

Ionio

Amendolara, un giardino per ricordare i bimbi ebrei morti​ nell’Olocausto

La scuola ha aderito al The Crocus Project, con il si promuove l’insegnamento sull’Olocausto e la memoria della Shoah

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

AMENDOLARA (CS) – Nasce il giardino della Memoria ad Amendolara per ricordare il​ milione e mezzo di bambini ebrei che morirono​ nell’Olocausto, e le migliaia di altri bambini che furono vittime delle atrocità naziste. Gli allievi della scuola primaria amendolarese in collaborazione con l’Amministrazione comunale hanno piantano i bulbi gialli, nell’ambito del noto progetto​ Crocus, iniziativa nata in Irlanda e ormai estesa a molti Paesi europei, per l’Insegnamento sull’Olocausto​ (HETI – Holocaust Education Trust Ireland). Il colore del fiore rievoca il giallo della Stella di Davide, che gli ebrei furono costretti a cucire sui propri abiti​ durante il dominio nazista.

I crocus, sbocciano tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio proprio intorno alla data del Giorno della Memoria. Nell’atrio dello storico plesso in Corso Umberto I, alla presenza del dirigente scolastico Alfonso Costanza, dei docenti, dell’assessore comunale alla pubblica istruzione e cultura Ilaria Gentile e della collega Paola Murgieri titolare dell’assessorato alle pari opportunità e comunicazione, gli alunni hanno realizzato l’Aiuola della memoria, mettendo a dimora i bulbi, e​ contestualmente attraverso striscioni e slogan, hanno riflettuto su alcune citazioni e testimonianze sull’ Olocausto.

Soddisfazione è stata espressa dall’ ingegnere Costanza, dal suo corpo docente e dagli stessi amministratori. Gli assessori Gentile e Murgieri anche a nome del sindaco Pasquale Aprile, hanno voluto ringraziare per l’importante iniziativa, tutto il personale scolastico, “con il quale il Comune mantiene da sempre rapporti di reciproca e fattiva collaborazione, a tutela dell’ istruzione e per favorire la crescita e la formazione dei nostri studenti”, per aver aderito al The Crocus Project, con il quale la​ Fondazione irlandese per l’insegnamento sull’Olocausto, promuove la memoria della Shoah.

Continua a leggere

Di tendenza