Le migliori diete per perdere peso e proteggere il cuore

La classifica delle diete migliori e peggiori del 2021 è proposta da un gruppo di esperti americani

 

Il team, tra cui nutrizionisti e specialisti in diabete, salute del cuore, comportamento umano e perdita di peso, ha esaminato 39 differenti regimi alimentari e valutato ciascuna dieta considerando sette parametri: perdita di peso a breve termine, perdita di peso a lungo termine, facilità nel seguirla completezza di nutrienti, rischi per la salute, efficacia nella prevenzione delle malattie cardiovascolari ed efficacia nella prevenzione del diabete.
Sul podio la dieta mediterranea, al secondo posto la Dash e terza la dieta flexitariana. Al primo posto troviamo la dieta mediterranea. Povero di carne rossa, zuccheri e grassi saturi, questo regime alimentare si concentra soprattutto sul consumo di grassi monosaturi, che si trovano nell’olio d’oliva e in alcune noci, sostanze benefiche che aiutano a ridurre il rischio di malattie cardiache, cancro, depressione e aiutano anche nella riduzione del peso. Molto utilizzati sono poi legumi, erbe e spezie, frutta e verdura, mentre yogurt e formaggi si consumano con moderazione così come il vino rosso.

La dieta DASH è l’acronimo di Dietary Approaches to Stop Hypertension, un regime alimentare che, come specifica il nome, si concentra non tanto sulla perdita di peso quanto sull’abbassamento della pressione sanguigna. Questa dieta incentiva il consumo di frutta, verdura e cereali integrali, scoraggiando al contempo l’uso di oli tropicali, latticini, dolci zuccherati e alimenti trasformati. Limita inoltre il consumo di sodio a non più di 2.300 mg (1 cucchiaino) al giorno, mentre la versione a basso contenuto di sale incoraggia il consumo di non più di 1.500 mg (3/4 cucchiaio) di sale al giorno.

La dietista Dawn Jackson Blatner ha coniato il termine flexitariano combinando due termini inglesi ( vegetarian e flexible). La dieta flexitariana utilizza quotidianamente cereali integrali, frutta e proteine vegetali e solo sporadicamente carne e pesce.
La chiave di questo regime alimentare, dunque, è non evitare completamente la carne ma passare ad una dieta il più possibile vegetale. Gli esperti concordano sul fatto che, una tale dieta, possa effettivamente aiutare nella perdita di peso e nel ridurre le possibilità di contrarre cancro, malattie cardiache e diabete.

Ultima in classifica, anche quest’anno è la dieta Dukan, che si concentra sulle proteine anziché sul conteggio delle calorie. Ma anche altri regimi alimentari particolarmente restrittivi come la Atkins, la raw food (crudista) e la Paleo dieta, si trovano in fondo alla classifica.