Sanità: in Calabria 40 mila persone affette da glaucoma, 1 su 2 non lo sa

Sono 40mila i calabresi che soffrono di glaucoma, malattia neurodegenerativa che colpisce più di 1 milione 200 mila persone in Italia 

CATANZARO – La malattia è caratterizzata principalmente da un aumento della pressione intraoculare che, a lungo andare, danneggia il nervo ottico, limitando il campo visivo dalla periferia verso il centro. I principali campanelli d’allarme sono piuttosto evidenti: si comincia ad inciampare, a sbattere frequentemente contro gli angoli o ad accorgersi in ritardo della presenza di un ostacolo quando si cammina o si guida. “Il 50% dei pazienti non sa di avere il glaucoma – afferma il prof. Vincenzo Scorcia, direttore della U.O. di Oculistica dell’Università “Magna Graecia” di Catanzaro – perché si arriva tardi alla diagnosi e il 20% è esposto al rischio concreto di perdere la vista. Coinvolge entrambi gli occhi determinando danni permanenti al nervo ottico, che nel tempo possono portare a ipovisione e cecità”.

A partire dai 40 anni è buona norma sottoporsi regolarmente a controlli oculistici, che includano la misurazione della pressione intraoculare così da poter scoprire la malattia nelle fasi iniziali quando ancora non presenta sintomi evidenti. In questo senso sarebbe auspicabile rafforzare ulteriormente il network tra medicina del territorio e centro ospedaliero specialistico per gestire al meglio il percorso di diagnosi e cura dei pazienti affetti da glaucoma”.

Diagnosi precoce con screening mirato per identificare precocemente le categorie a rischio possono salvare la vista e preservare la qualità di vita nella maggior parte delle persone con glaucoma. “La pandemia ha inciso e sta incidendo fortemente – prosegue Scorcia – sui percorsi oculistici di diagnosi e cura, poiché chi è affetto da patologie croniche, come il glaucoma, ha necessità di fare controlli ed essere seguito secondo un calendario di visite prestabilito. Fortunatamente la situazione è in via di miglioramento e questo ci ha permesso di poter riprendere la nostra attività di diagnosi e trattamento, intervenendo in prima battuta sui casi più gravi e poi a pioggia su tutti gli altri”.

“Nel nostro centro, come nelle altre strutture specialistiche, cerchiamo di gestire al meglio il percorso di cura del paziente, valutando tutte le opzioni disponibili, sia mediche che chirurgiche. Di recente abbiamo introdotto nuove tecniche chirurgiche mini invasive che permettono di ridurre la pressione intraoculare, quando le gocce non sono più sufficienti. Essendo mini invasive, la procedura è meno complicata, non richiede punti di sutura e la gestione del post operatorio è più semplice rispetto alla chirurgia tradizionale, con un recupero della vista più rapido”. “Si tratta di una chirurgia mini invasiva – sottolinea ancora Scorcia – che ha come ideale un paziente che non riesce più ad avere una pressione oculare compensata con la terapia medica, ossia le gocce. Questo nuovo dispositivo permette d’intervenire anche in anestesia locale, riducendo il decorso post operatorio. I risultati finora sono molto buoni e i pazienti sono soddisfatti”.

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

naufragio-cutro

Naufragio di Cutro, i familiari delle vittime: «dal governo solo parole, si vergogni»

CROTONE - "Non è facile tornare. È una cicatrice che si riapre. Siamo qui a chiedere verità e giustizia che non abbiamo visto per...
Lucano-naufragio-Cutro

Lucano: «a un anno dal naufragio di Cutro il mondo è peggiorato»

CROTONE - "La causa principale di quello che accade nel Mediterraneo è del neocolonialismo e di chi obbliga le persone a intraprendere questo viaggio,...
auto carabinieri

Ancora intimidazioni a Pannaconi: dopo il parroco presa di mira un’operatrice culturale

CESSANITI (VV) - Una lettera anonima contenente insulti e minacce è stata fatta recapitare a Pannaconi, frazione di Cessaniti, in provincia di Vibo Valentia,...
Granata_Caracciolo

Granata attacca il sindaco di Montalto: «dica ai cittadini cosa ha fatto sulla depurazione»

MONTALTO UFFUGO (CS) - "Pietro Caracciolo deve dire ai cittadini cosa ha fatto sulla depurazione in questi anni". Così esordisce Maximiliano Granata, presidente del...
insieme-per-il-futuro-castrovillari

Centro per l’impiego, anche da Castrovillari l’accordo per avvicinare gli studenti al lavoro

CASTROVILLARI (CS) – É stato presentato presso l’Aula Magna dell'Istituto Tecnico Industriale "E. Fermi" di Castrovillari il protocollo d’intesa "I Network Territoriali per le...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Rende: seminario sul “Codice Braille: tradizione, innovazione e versatilità”

RENDE – Sarà la città di Rende ad ospitare l’evento principale della 17ª Giornata Nazionale del Braille che celebra la sua importanza e la...

Imboscati in sanità: Opi Cosenza «una mortificazione, c’è bisogno di una...

COSENZA - «“Imboscati” è un termine che onestamente mortifica qualunque tipologia di lavoratore. Generalizzare non fa altro che porre tutto sullo stesso piano. Semmai...

Asp Cosenza: dichiarato illegittimo l’incarico di sostituzione di Direttore della UOC...

COSENZA - Il Tribunale di Castrovillari, con sentenza depositata oggi, in accoglimento delle tesi difensive dell’avvocato Claudio Roseto, ha dichiarato l’illegittimità dell’incarico di sostituzione...

Tifosi in trasferta danneggiano e rubano all’autogrill sull’A2, scatta il Daspo

VIBO VALENTIA - Una cinquantina di tifosi siciliani, lo scorso 3 dicembre, mentre erano in transito sulla corsia nord dell’autostrada A2, si fermarono all'autogrill...

Scoperto un nascondiglio per la droga, arrestato un sessantunenne

ROCCELLA JONICA (RC) - I carabinieri nel corso di una perquisizione domiciliare in un'abitazione nel cuore del centro storico del paese hanno individuato una...

Orrore a Fuscaldo, l’appello di Animal Protection «c’è una persona armata...

FUSCALDO (CS) - Simba ucciso brutalmente e poi un altro povero cane, investito e avvelenato. E' accaduto a Fuscaldo e nella stessa zona. Nel...