ASCOLTA RLB LIVE
Search

Nutri – Menti: Dicembre a tavola tra verdura e frutta di stagione

Pur avvicinandosi la stagione invernale più fredda è sempre possibile trovare frutta e verdura fresca di stagione, ricca di vitamine e sali minerali e caratterizzata da colori caldi e da sapori gradevoli.

Vediamo allora quale frutta e verdura scegliere per rallegrare le serate di questo mese di dicembre.

VERDURA

Barbabietola Rossa

barbabietole-rosse-2Pianta dalle molteplici proprietà nutrizionali, la barbabietola, stranamente non molto consumata nel nostro Paese, è ricca di fibre solubili e insolubili, utili all’intestino, zuccheri, sali minerali (ferro, sodio, potassio, calcio, magnesio e iodio), vitamine del gruppo B, come B1, B2, B3 e B6, vitamina C e A, antocianosidi, ossia antiossidanti e moltissima acqua (91%). Possiede, inoltre, proprietà dietetiche (solo 20 Kcal per 100 grammi), facilita l’eliminazione delle tossine dall’organismo, è depurativa, ricostituente, favorisce la digestione e rafforza la mucosa gastrica. Può essere consumata fresca in insalata o cotta in zuppe.

Broccoli e cavoli

Il broccolo, insieme al cavolo, appartiene alla famiglia delle crocifere. È una fonte ricca di vitamina A, vitamina C, carotenoidi e flavonoidi e sali minerali, in particolare ferro (ne contiene più della stessa carne), che può essere assimilato più facilmente in
presenza di cibi con vitamina C (come il limone) e calcio vegetale. Possiede proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, è ricco di fibre, di acidi grassi cavolfiore-broccoli-2(Omega 3 e Omega 6), ed è un antiossidante naturale (45 tipi di flavonoidi, tra cui la quercitina).

È stato provato scientificamente che il consumo di cavoli si rivela efficace per ridurre il rischio di contrarre alcuni tipi di cancro, con particolare riferimento a quello al seno, alla vescica, alle ovaie, al colon e alla prostata. È un ottimo alleato contro l’ipertensione a causa della presenza dell’acido glutammico, un aminoacido che contribuisce ad abbassare la pressione sanguigna. La cottura al vapore permette di conservare le importanti sostanze nutritive presenti e a non alterare troppo la qualità delle fibre vegetali presenti.

Cicoria

cicoria-1La cicoria comune, conosciuta fin dai tempi antichi dagli Egizi, dai Greci e dai Romani, è depurativa, disintossicante, diuretica, leggermente lassativa e le sue radici, sono in grado di stimolare l’attività del fegato e dei reni. Possiede, inoltre, proprietà digestive, poiché ha la capacità di stimolare la produzione della bile, capacità di regolare il battito cardiaco, di ridurre alcuni tipi d’infiammazioni e di controllare la glicemia. Dalla cicoria sono ricavati degli estratti erboristici considerati utili in caso di meteorismo, stitichezza e colon irritabile. La cicoria contiene sali minerali (potassio, calcio e ferro), acido cicorico, che le conferisce il sapore amaro e vitamine (vitamina C, vitamina B, e le vitamine P e K).

 

FRUTTA

Arancia

Frutto dall’aspetto solare, che esprime le sue qualità alimentari soprattutto in inverno, può essere utilizzata in moltissimi modi, dal dolce e nutriente succo a salse, condimenti e dolci. Di origine cinese e giapponese si comincio a coltivare in Italia nel XIV secolo, in particolare in Sicilia, per iniziativa degli arabi. arancia-2Le arance rappresentano un’importante fonte di vitamine (la C, la A, una buona parte di quelle del gruppo B).
La vitamina C in essa contenuta contribuisce a rafforzare il sistema immunitario, a prevenire la fragilità capillare, a favorire l’assorbimento del ferro, mentre i bioflavonoidi, presenti in grande quantità, sono importanti per il rafforzamento delle ossa, dei denti, delle cartilagini, tendini e legamenti.

Le arance sono particolarmente ricche di terpeni che, assunti regolarmente, si sono dimostrati efficaci nella prevenzione dei tumori del colon e del retto. La vitamina B invece aiuta a superare l’inappetenza e favorisce la digestione, mentre i caroteni (precursori della vitamina A) sono utili per la salute degli occhi, della pelle e nella prevenzione delle infezioni. La qualità “rossa” delle arance, inoltre, è molto ricca di antocianine in grado di contrastare gli stati infiammatori. Le innumerevoli proprietà benefiche delle arance, unite alla loro elevata digeribilità e al loro modesto apporto calorico, ne consigliano l’uso dal punto di vista di una sana e corretta alimentazione.

Mandarino

Frutto caratterizzato dalla polpa zuccherina e succosa, è ricco di limonane (antiossidante presente nella buccia) che contribuisce a ritardare l’invecchiamento della pelle, di vitamina C (utile per prevenire le malattie da raffreddamento), di molte vitamine del gruppo B, vitamina A, vitamina P (che contrasta la ritenzione idrica e favorisce la diuresi), mandarino-2sali minerali (ferro, magnesio) e acido folico. La notevole quantità di fibre presenti in questo frutto, poi, lo rende particolarmente indicato per il benessere dell’intestino e nelle diete. I suoi semi, a differenza di altri agrumi, apportano vitamine e possono essere masticati e mangiati. Esistono, infine, due ibridi di questo frutto:

– il mandarancio, dalla polpa dolce e ricca di succo;
– le clementine, coltivate per la prima volta in Algeria dal frate missionario Clemente Rodier, che costituiscono un misto tra mandarino e mandarancio.