Smaltimento illecito di rifiuti speciali: sequestrata ‘Villa Aurora’. Indagato imprenditore cosentino

La misura è stata eseguita dalla Squadra mobile. Nell’inchiesta risulta indagato l’amministratore della casa di cura Giorgio Crispino

REGGIO CALABRIA – E’ stata posta sotto sequestro clinica “Villa Aurora” per smaltimento illecito di rifiuti speciali. L’indagine è partita quando gli agenti di una volante, intervenuta il 19 febbraio durante un casuale incendio di rifiuti nelle vicinanze della struttura sanitaria, si sono accorti della presenza di materiale sanitario. Segnalato l’episodio alla Procura, gli ulteriori accertamenti, eseguiti dalla Squadra mobile, avrebbero svelato una sistematica violazione delle norme circa la gestione dei rifiuti speciali. Il gip ha nominato due amministratori giudiziari, gli avvocati Francesco Aricò e Giovanni Melissari.

Nell’inchiesta sono indagati l’amministratore della casa di cura “Villa Aurora” Giorgio Crispino, di 59 anni di Cosenza, la moglie Bruna Scornaienchi (59), di Cosenza e il responsabile amministrativo Maria Grazia Germanò (64), di Reggio Calabria. Tutti e tre, si legge nel capo di imputazione, «davano disposizioni affinché il personale dipendente effettuasse, in modo sistematico e continuativo, attività di abbandono e deposito incontrollato di rifiuti sanitari pericolosi (anche a rischio infettivo) che erano mescolati (al fine di occultarli) a quelli non pericolosi prodotti ordinariamente alla casa di cura, destinandoli alla raccolta ordinaria posta in essere dall’impresa che operava per conto del Comune di Reggio, all’interno dei mastelli e dei sacchi riposti lungo via Petrara, retrostante l’accesso principale della struttura».

«Ritenendo inverosimile che gli operatori della struttura potessero autonomamente decidere di effettuare l’abbandono dei rifiuti, anche pericolosi», i responsabili di Villa Aurora avrebbero gestito l’invio e lo smaltimento degli stessi «in sistematica violazione delle norme penali». Per la Procura, decidere di effettuare in questo modo l’abbandono dei rifiuti, anche pericolosi, sarebbe stata «una scelta imprenditoriale strutturale».

 Rettifica su posizione Bruna Scornaienchi

L’avvocato Paolo Perrone in merito alla posizione della sua assistita scrive alla nostra redazione con richiesta di rettifica ai sensi dell’art. 8 della l. n. 47 del 1948 e chiede di precisare: «Contrariamente a quanto sostenuto dagli organi di stampa, come si avrà modo di chiarire davanti ai competenti organi giurisdizionali, la dott.ssa Bruna Scornaienchi non ha alcun ruolo direttivo nell’organigramma della casa di cura “Villa Aurora”. Questo al netto della consistenza del merito delle accuse che riteniamo infondate».

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Landini-e-Occhiuto

Calabria, terra fragile. Occhiuto: «stiamo tentando di far restare i giovani calabresi, processo lungo»

LAMEZIA TERME (CZ) - "In questa regione abbiamo un precariato straordinario. Un precariato per la verità che non ho creato io, perché il mio...
studenti-aula-lezione-unica

Unical: al via l’ammissione anticipata ai corsi di laurea per 4mila studenti

RENDE (CS) - È stato pubblicato il bando per l’ammissione anticipata ai corsi di laurea triennale e a ciclo unico (quinquennale) dell’Università della Calabria...
posto blocco guardia di finanza

Sequestrati oltre 11 mila prodotti non sicuri: articoli destinati anche a minori

SELLIA MARINA (CZ) - Oltre 11.000 articoli non sicuri e privi delle indicazioni di provenienza e delle caratteristiche informative minime relative alla loro composizione...

Derby, Associazione nazionale funzionari polizia: “deliberato attacco, colpito alla testa dirigente”

COSENZA - " Ieri sera, al termine della disputa calcistica Cosenza-Catanzaro si sono registrati disordini, ed in particolare i tifosi del Catanzaro si sono...
vincenzo chindamo sabrina garofalo

“Donne, violenza e ‘ndrangheta”, a Rende il fratello di Maria Chindamo «siamo qui per...

RENDE - Lea Garofalo, Simona Napoli, Maria Concetta Cacciola, Giuseppina Pesce, Denise Cosco, Barbara Corvi e Maria Chindamo. Donne che hanno provato ad alzare...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Depurazione e inquinamento: blitz tra Catanzaro, Vibo e Cosenza

CATANZARO - Un'operazione dei carabinieri è scattata all'alba con l'impiego di decine di carabinieri per l'esecuzione di diverse misure cautelari nei confronti di soggetti...

Scontri Cosenza-Catanzaro: triste epilogo di una giornata di sport – VIDEO

COSENZA - E' finita nel peggiore dei modi la giornata del derby tra Cosenza e Catanzaro vinto dalla squadra giallorossa per 2-0. A Quattromiglia...

Troppe morti sul lavoro: a gennaio 2024 già 45 vittime, Calabria...

ROMA - “Nel primo mese del nuovo anno l’emergenza rimane e anzi si aggrava con due vittime in più rispetto a gennaio 2023 e...

Rende: “100 passi verso il 21 marzo”. Dibattito su donne, violenza...

RENDE - Con l’approssimarsi del 21 marzo, Giornata della Memoria dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, il Presidio Libera di Cosenza “Sergio...

Cosenza: Tridico presenta il suo libro “Il lavoro di oggi, la...

COSENZA - L'assessore al welfare del Comune di Cosenza, del M5S, Veronica Buffone invita i cittadini a partecipare alla presentazione del libro "Il Lavoro...

“Insicurezza alimentare”: per il 10% dei calabresi metà del bilancio familiare...

COSENZA - «Il 10% della popolazione calabrese vive una condizione di insicurezza alimentare». A far emergere il dato è il portavoce nazionale del Banco...