Manoccio a Povia: “io dò uno stipendio, tu il ricavato di un concerto per i minori non accompagnati”

Ha scatenato tante polemiche il brano “Immìgrazia” del cantante Giuseppe Povia, quello dei “bambini che fanno ohh” e di Luca che ‘era’ gay. Un polverone nato da una canzone che risulta essere solo l’ennesima provocazione e che non affronta invece una problematica seria e difficile che sta vivendo l’Italia ed anche la Calabria.

 

COSENZA – Giuseppe Povia torna a far parlare di sé, dopo quella canzone presentata al festival di Sanremo nel 2009 che raccontava la ‘guarigione’ di un omosessuale tornato ad amare le donne. “Luca era gay”, un gay ‘riabilitato’, secondo il testo della sua canzone, all’eterosessualità che aveva sollevato le ire della comunità Lgbt. Ed ecco che Povia torna ad imbracciare la chitarra e a ‘creare’ un brano su un altro tema caldo per il nostro Paese e la nostra regione: l’accoglienza e l’immigrazione. La canzone si intitola “Immigrazia”. Dal testo, riletto diverse volte, non emerge con chiarezza quella che lo stesso Povia ha voluto giustificare come ‘la vicinanza ai migranti’. Il testo ricalca certamente le falle del sistema ‘accoglienza’, ma spazia anche sul concetto che i migranti stiano prendendo il nostro posto in questo Paese.

manoccioAd alcuni piace, ad altri no… tutto normale fin qui!

Ma il delegato per l’immigrazione della Regione Calabria, Giovanni Manoccio, ex sindaco e oggi assessore al comune di Acquaformosa (Cs), che ha definito senza mezzi termini “razzista” la canzone del cantautore milanese: “Indegno”, “incivile” e “razzista” per l’esattezza. Effettivamente le spiegazioni di Povia sono un retaggio tutto italiano sintetizzato in “tutti i politici rubano, gli italiani non vogliono fare il lavoro degli immigrati…” e mancherebbe solo “Aiutiamoli a casa loro” per chiudere al meglio “il festival del populismo”.

Povia “denota grande ignoranza sulla questione immigrazione e il fatto che il suo post sia dedicato a Matteo Salvini è tutto un dire”. Povia che è in tour nella nostra regione “chissà, forse avrà modo di capire come la Calabria è terra d’accoglienza e integrazione, cosa sottolineata con forza nelle ultime ore dal Segretario della Cei, Mons. Galantino. O forse – conclude Manoccio – resterà chiuso nelle sue convinzioni. Da parte nostra non possiamo che rinnovare il nostro impegno alla solidarietà, parola che forse il cantautore non conosce, e il nostro appello: restiamo umani”.

Il Video della canzone Immigrazia

 

Immediatamente Povia ha dato prova di ‘preparazione storica’ ed ha puntato il dito contro Manoccio: “Per forza, è assessore all’accoglienza. A questo proposito azzardo un paio di ipotesi: o Manoccio con l’accoglienza ci guadagna tantissimi soldi, oppure accoglie chiunque a gratis perché è un santo. Come mai in un momento in cui la disoccupazione giovanile in Calabria sfiora il 60% lui si preoccupa degli extracomunitari e non dei suoi cittadini?”

Ecco il video di Povia di ‘replica’ a Manoccio

 

 

Ed ecco il commento di Giovanni Manoccio, intervenuto ai microfoni di Rlb Radioattiva, che oltre ad aver invitato a leggere meglio il testo della canzone, ha lanciato alla fine anche una interessante proposta a Povia: “Io rinuncio ad un mio stipendio, e lui ad un cachet di un suo concerto per donare il tutto ai tanti bambini immigrati, stranieri non accompagnati”.

ASCOLTA L’intervista a Giovanni Manoccio
[audio_mp3 url=”https://www.quicosenza.it/news/wp-content/uploads/2017/08/manoccio-su-povia.mp3″]

Povia subito dopo l’intervista è stato contattato dalla redazione radiofonica di Rlb, al numero presente sulla sua pagina Facebook, ma la sua manager ha risposto che il cantante “non ha tempo di fare interviste, è sempre in viaggio ed ha già detto quello che pensa attraverso i suoi video”.

E’ troppo impegnato insomma, per rispondere (3-4 minuti) alla proposta di Manoccio, ma non per girare un video da 7 minuti e 43 secondi in cui snocciola la storia della Calabria e lezioni di morale. Povia nel video infatti, racconta la storia dell’Italia, declama lodi alla Calabria e spiega che l’accoglienza di cui l’Italia si vanta, è un modo per mettersi in tasca il denaro che arriva dallo sfruttamento del fenomeno.

poviaL’immigrazia dunque, sarebbe il profitto e il suo brano è il racconto di persone che “prendono il nostro posto accettando stipendi bassi e condizioni di vita pessime, sostituendo nel tempo il popolo italiano”.

La canzone, ha spiegato Povia, parla di un’altra immigrazione “quella dei capitali e delle fabbriche italiane che spariscono all’estero, così come la nostra cultura che si sta via via diluendo. È l’Italia e l’italianità che stanno emigrando altrove”. Di certo l’ispirazione non gli è mancata dato che il fenomeno immigrazione e le problematiche collegate sono sotto gli occhi dell’intero Paese. Povia dunque, dice di essere stato frainteso, un pò come per “Luca era Gay?”.

 

Il testo della canzone

Immigrazia Immigrazia
l’Immigrazia è una follia
Voluta da chi vuole che
Tu vada via, tu vada via
Immigrazia Immigrazia

Immigrazia portami via
Che per mandare aventi il pil
Vogliono i nuovi schiavi qui
Gli immigrati di domani saranno i nuovi italiani
Immigrazia Immigrazia

Un tempo i figli crescevano duri
È perché i genitori erano duri
Oggi i figli sono molli
È perché stiamo tutti molli
Se non vuoi fare quel lavoro lo fanno loro, lo fanno loro
E mentre fissi il lampadario ti fregano il salario
Ma non è mica colpa loro
C’è un disegno molto chiaro
Il potere veterano
Con la scusa del razzismo
Vuole fare fuori l’italiano

Immigrazia Immigrazia
l’Immigrazia è una follia
Voluta da chi vuole che
Tu vada via tu vada via
Immigrazia Immigrazia
Immigrazia portami via
Che per mandare avanti il pil
Vogliono i nuovi schiavi qui
Gli immigrati di domani
Saranno i nuovi italiani
Immigrazia Immigrazia

Ma se dici queste cose
Sei soltanto un incivile
E sei poco tollerante
C’è chi scappa dalla guerra
Sulla barca in mezzo al mare
C’è chi perde anche la vita
Ma il governo cosa fa
Italiano chiacchierone
Tu sei fuori come un balcone
O meglio, fuori come un barcone devi stare solo zitto
E politico corretto

E’ l’italiano è cotto bene
Sembra proprio un maccherone
Vuole fare la rivoluzione
Con le rate e il macchinine
l’Italiano alternativo
Vuole fare l’antirazzista
“Accogliamo tutti qua” disse il figlio di papà
Nel frattempo l’immigrato
Mentre tu stai sulla sedia
Si, mentre tu stai sulla sedia
piano piano lui si insedia
Nel frattempo l’immigrato
Con l’aiuto del governo
Mentre noi litighiamo
Lui si prende il nostro posto
E ci cambia pure il padreterno

Immigrazia Immigrazia
l’Immigrazia è una follia
Voluta da chi vuole che
Tu vada via tu vada via
Immigrazia Immigrazia
Immigrazia portami via
Che per mandare avanti il pil
Vogliono i nuovi schiavi qui
Gli immigrati di domani
Saranno i nuovi italiani
Immigrazia Immigrazia

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

municipio comune tropea

Sciolto il Comune di Tropea, la relazione del ministro Piantedosi «sostegno della cosca a...

TROPEA (VV) - Per il ministro dell'Interno, il Comune di Tropea è un ente permeabile "ai condizionamenti esterni della criminalità organizzata" con "concreti, univoci...
Graziano Asp - Grispino sindaco mandatoriccio

Residenza per anziani a Mandatoricco, Asp concede immobile in comodato d’uso per 99 anni

MANDATORICCIO (CS) – Per la residenza per anziani di località Savuco, è stato ufficialmente sottoscritto insieme al Direttore Generale dell’Asp, Antonello Graziano, il contratto...
Lavori marina laghi cassano 01

Cassano Ionio, lavori bitumatura per Marina e Laghi di Sibari e Bruscata-Fuscolara-Millepini

CASSANO IONIO (CS) - Sono stati consegnati i lavori di risistemazione e di bitumatura delle strade di accesso per Marina e Laghi di Sibari...
carcere di paola

Momenti di follia nel carcere di Paola, detenuto ingoia lamette e si scaglia contro...

PAOLA (CS) - Escalation di episodi di violenza nelle case circondariali. L'ultimo sarebbe avvenuto nel carcere di Paola dove un detenuto - secondo quanto...

Aggredisce moglie e suocera violando il divieto di avvicinamento, arrestato

VIBO VALENTIA - Era sottoposto alla misura del divieto di avvicinamento che gli era stato imposto e nonostante ciò, si è recato a casa...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Omicidio Gioffrè: il corpo “avvolto e non coperto”. Mirabelli chiede di...

COSENZA - Nuova udienza questa mattina in Corte d'Assise a Cosenza per l'omicidio di Rocco Gioffrè, (i cui familiari i figli Francesca, Giovanna e...

Processo Mirabelli, i video precedenti l’omicidio di Gioffrè “dormiva con un’ascia...

COSENZA - Nuova udienza oggi in Corte d'Assise a Cosenza del processo per l'omicidio di Rocco Gioffrè, 75 anni, ucciso con quaranta coltellate in...

Cosenza: uccise il vicino di casa, le chat tra Tiziana Mirabelli...

COSENZA - Udienza questa mattina in Corte d'Assise a Cosenza, del processo per l'omicidio di Rocco Gioffrè, pensionato di 75 anni, ucciso con oltre...

Centro protesi Inail Lamezia: un’eccellenza per restituire una nuova vita dopo...

LAMEZIA TERME - Il mondo della disabilità comprende anche i pazienti sottoposti ad amputazione, sia per asportazione chirurgica che in caso di perdita accidentale...

‘Ndrangheta, concessi i domiciliari all’avvocata Bagalà: era in carcere da oltre...

AOSTA - Il tribunale di Lamezia Terme ha disposto nei giorni scorsi la scarcerazione dell'avvocata Maria Rita Bagalà, concedendole gli arresti domiciliari presso la...

Giornate FAI di Primavera all’Unical: ecco i luoghi aperti da visitare...

RENDE (CS) - In occasione della XXXII edizione delle Giornate FAI di Primavera, che si svolgerà su tutto il territorio nazionale sabato 23 e...