Cosenza: residenti del centro storico denunciano «danni alle auto, furti e strade al buio, abbiamo paura»

Nel centro storico della città, da mesi si registrano danneggiamenti alle auto e la situazione è resa ancora più pericolosa dalla mancanza dell'illuminazione pubblica

COSENZA – Da mesi il centro storico della città, ed in particolare la zona tra corso Telesio, Spirito Santo, l’Arenella e San Francesco, è diventato teatro di danneggiamenti da parte di un soggetto, con evidenti problemi psichiatrici che, in particolare di notte, se ne va in giro a spaccare lunotti posteriori e vetri delle auto posteggiate. Sono decine le vetture prese di mira nei mesi scorsi e l’ultimo episodio si è verificato proprio questa notte (in foto l’auto presa di mira). Sul posto sono intervenuti i carabinieri che ancora una volta, non hanno potuto fare altro che constatare il danno e raccogliere la segnalazione.

Il problema infatti, è che la persona che compie tali danneggiamenti, conosciuta sia dai militari che nel quartiere, più volte è stata sottoposta a Tso ma di fatto, dopo un breve periodo, che può durare al massimo 7 giorni, ritorna nel quartiere e continua a compiere danneggiamenti. Nella zona di Cosenza Vecchia addirittura si è arrivati a raccogliere le firme per chiedere un intervento mirato.

«Come se non bastasse – ci racconta un cittadino che vive su corso Telesio – da un mese circa abbiamo un altro problema, quello della mancanza totale di illuminazione pubblica. E la sera qui, è letteralmente buio pesto. Stanotte, dopo l’ennesimo danneggiamento di un’auto, quando sono arrivati i carabinieri, si vedeva solo la luce dei loro lampeggianti. Soprattutto per le ragazze, le donne, c’è molta paura nel tornare a casa di sera, e se piove è ancora peggio. Ma a rischio c’è la sicurezza di tutti. Alcune ragazze che frequentano la città vecchia per motivi di studio o lavoro, se ne vanno in giro ‘armate’ di spray al peperoncino perché questa persona, a volte, diventa anche aggressiva».

Abbiamo sentito l’assessore Francesco De Cicco che, in merito al problema dell’illuminazione pubblica, ha spiegato «è stata nuovamente bandita una gara per ripristinare l’impiantistica nel centro storico, alla luce – ha spiegato – dei danneggiamenti che sarebbero stati compiuti persino alle cassette dell’elettricità, manomesse più volte. Ora saranno messe in sicurezza – spiega De Cicco – e già da oggi, l’illuminazione pubblica tornerà attiva e i tecnici sono al lavoro. Ovviamente rafforzeremo i controlli per evitare manomissioni alle centraline, ma in quella zona il problema è anche legato agli episodi di danneggiamento che stanno creando paura tra i cittadini”.

A tal proposito, rispetto agli atti vandalici, il comandante della caserma Paolo Grippo di Cosenza, il maresciallo Renato Morrone spiega che la situazione «è già all’attenzione della Procura rispetto a questo soggetto, che conosciamo, e abbiamo provvedimenti giudiziari a suo carico al fine di condurlo in una struttura protetta. A breve dovremmo avere la collocazione in una struttura fuori regione».

«Questa situazione ci sta molto a cuore – spiega il comandante – e stiamo cercando di risolverla. L’unica cosa che possiamo fare noi è richiedere il Tso quando il soggetto è in escandescenza, ma il ricovero ha una durata di breve tempo. Queste persone che hanno problemi di tossicodipendenza e psichiatrici, hanno bisogno di strutture cosiddette ‘a doppia diagnosi’ dove possono trovare collocazione solo con un provvedimento del giudice. Lo dico per rassicurare i cittadini e perché conosciamo bene la situazione: stiamo chiedendo con forza l’applicazione di questa misura di sicurezza».

Presentato anche un esposto

Argia Morcavallo è la presidente del KAEP – Komitato Attività Economiche e Produttive – del centro storico ed ha la sua attività commerciale nel centro storico. “Abbiamo presentato un esposto sia in Prefettura che in Questura con tre pagine di firme di residenti e operatori commerciali. Qui la situazione è diventata spaventosa perchè questa persona, probabilmente nel tentativo di rubare, non solo sfonda i lunotti delle auto e fa razzia di ciò che trova, ma entra nei bar e nei negozi per chiedere soldi, infastidisce passanti, residenti, clienti. Il centro storico già non è più molto frequentato da anni, ma il rischio è che ora non venga più nessuno. Anche gli avventori dei locali si sono ritrovati vittime di danneggiamenti e furti per non parlare del fatto che gli operatori economici sono in gran parte donne e siamo tutte spaventate. Se va avanti così non ci resta che chiudere bottega e andare via”.

Anche i servizi sociali del Comune di Cosenza sono allertati e hanno avviato tutte le attività e le procedure, coinvolgendo le altre istituzioni, l’Asp e la Questura, per aiutare questa persona che ad oggi però richiede un intervento di tipo sanitario. L’assessore al Welfare, Veronica Buffone, spiega “siamo in attesa della convocazione dell’udienza e oggi stesso abbiamo ulteriormente sollecitato la cancelleria”.

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Ponte stretto messina

Espropri Ponte, il neo sportello nel caos: «operatori non in grado di dare informazioni»

REGGIO CALABRIA - Gli operatori dello sportello istituito dalla società "Ponte sullo Stretto" nel Comune di Villa San Giovanni "non sono in grado di...
Scuola estate

Scuole aperte anche in estate. Firmato il decreto con 400 milioni per le attività...

COSENZA - Scuole aperte anche in estate. Il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, ha firmato il decreto che stanzia 400 milioni di...
universita_magna_grecia_catanzaro-

Epilessia, il progetto di ricerca della ‘Magna Grecia’ scelto tra 300 in tutta Italia

CATANZARO - "Un progetto di ricerca dell'Università Magna Graecia di Catanzaro, finalizzato all'identificazione di nuovi biomarcatori del microbiota intestinale che possono essere d'ausilio nella...
parco-robinison_eco-avventura

Rende, ‘Eco avventura’: l’evento gratuito rivolto a bimbi e famiglie al Parco Robinson

RENDE (CS) - L’agenzia di animazione ”Le Sorelle Mastrosimone “ dopo il successo della scorsa stagione annuncia la seconda edizione di “Eco avventura” ....
Sorianello

Scomparso da Sorianello si rifà vivo: «non cercatemi più, rientro quando sarò pronto»

VIBO VALENTIA - É un allontanamento volontario quello di Marco Stramondinoli, il fabbro 39enne di Sorianello di cui non si avevano notizie da ieri...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Cosenza: uccise il vicino di casa, le chat tra Tiziana Mirabelli...

COSENZA - Udienza questa mattina in Corte d'Assise a Cosenza, del processo per l'omicidio di Rocco Gioffrè, pensionato di 75 anni, ucciso con oltre...

Centro protesi Inail Lamezia: un’eccellenza per restituire una nuova vita dopo...

LAMEZIA TERME - Il mondo della disabilità comprende anche i pazienti sottoposti ad amputazione, sia per asportazione chirurgica che in caso di perdita accidentale...

‘Ndrangheta, concessi i domiciliari all’avvocata Bagalà: era in carcere da oltre...

AOSTA - Il tribunale di Lamezia Terme ha disposto nei giorni scorsi la scarcerazione dell'avvocata Maria Rita Bagalà, concedendole gli arresti domiciliari presso la...

Giornate FAI di Primavera all’Unical: ecco i luoghi aperti da visitare...

RENDE (CS) - In occasione della XXXII edizione delle Giornate FAI di Primavera, che si svolgerà su tutto il territorio nazionale sabato 23 e...

Cosenza: Onco Med lascia il centro storico, troppe aggressioni e danni

COSENZA - Rabbia e rassegnazione nelle parole di Francesca Caruso, presidente dell'associazione Onco Med che ad ottobre del 2019 inaugurò l'ambulatorio, uno studio medico...

Cosenza, non solo stand alla Fiera di San Giuseppe: tradizione, musica...

COSENZA - Iniziative collaterali e legate alla tradizione per impreziosire il tradizionale appuntamento della Fiera di San Giuseppe che sta per aprire i battenti....