Nuovo ospedale a Vaglio Lise. Il Consiglio Comunale approva la delibera

Soddisfazione di Mazzuca "scelta strategica". La decisione passa ora al Governatore Occhiuto che dovrà dirimere la questione e decidere la localizzazione definitiva

COSENZA – Luce verde per il nuovo ospedale di Cosenza: sorgerà a Vaglio Lise. Il sì arriva dal Consiglio Comunale di Cosenza con l’approvazione della delibera e 23 voti favorevoli. Astenuta Fratelli d’Italia dopo l’approvazione di una risoluzione. Il parlamento cosentino ha decretato così la localizzazione del nuovo nosocomio, al centro di un acceso dibattito che vede come primo contestatore il Comune di Rende. Marcello Manna e la sua giunta, in questi giorni, hanno polemizzato più volte contestando la scelta dell’Area: no Vaglio Lise bensì il perimetro tra Rende e Montalto Uffugo. La decisione passa ora al Governatore della Calabria, Roberto Occhiuto, che dovrà dirimere la questione e decidere, una volta per tutte, la localizzazione definitiva del nuovo ospedale.

Mazzuca “Vaglio Lise scelta strategica”

- Pubblicità Clikio single-

“Il nuovo ospedale Hub nascerà a Vaglio Lise in continuità con quanto previsto nel programma #Cosenza2050”. Così il presidente del Consiglio Comunale di Cosenza, Giuseppe Mazzuca. “Oggi in Consiglio comunale è stata approvata la delibera di localizzazione del nuovo ospedale di Cosenza e revocata la precedente deliberazione di maggio 2019 con cui veniva indicata come sito la collina di contrada Muoio. Ora procediamo spediti con la realizzazione del nuovo ospedale e della Cittadella della Salute. Non posso che essere soddisfatto per il risultato raggiunto,mi sono speso tanto,insieme al sindaco e a tutta la squadra, per arrivare a questo importante risultato. Un atto importante non solo dal punto di vista sanitario, ma anche urbanistico dato che andrà a riqualificare l’intero quartiere di via Popilia.

Quella di Vaglio Lise è, – prosegue Mazzuca – infatti, un’area strategica e va nella direzione di costruire un percorso che risponde all’intero bacino sanitario della provincia di Cosenza,così come era stato deciso dallo Studio di fattibilità che ha già fatto tutte le verifiche e gli approfondimenti del caso. Una moderna e complessa struttura ospedaliera servirà a garantire e migliorare i livelli essenziali di assistenza, senza dimenticare – conclude – l’importanza della ricerca,infatti,fondamentale sarà il rapporto con l’Università della Calabria e l’integrazione dell’Inrca”.

L’intervento del Sindaco Franz Caruso

“Credo che questa possa – ha detto il sindaco Franz Caruso – essere considerata come la pratica più importante che il consiglio comunale è chiamato a discutere e a licenziare. Per me lo è molto di più, perché afferma il primato della politica, in quanto questo punto non nasce da una decisione avulsa da un contesto politico ed elettorale che ha caratterizzato la presentazione di un programma, una campagna elettorale e un risultato. Il programma “Cosenza 2050” che ha portato al successo della mia coalizione, prevedeva, senza se e senza ma, l’ubicazione del nuovo presidio Hub regionale a Vaglio Lise”.

Il Sindaco ha aggiunto, inoltre, che non ci sono stati riferimenti a valutazioni di natura tecnica fatti in altri luoghi. Abbiamo sempre detto – ha rimarcato il primo cittadino – che il nostro programma parte da dove gli altri non sono mai arrivati e dalla valorizzazione delle periferie. Nel nostro programma non c’è assolutamente nulla che non tenga conto dello sviluppo della città vista dalla parte più periferica. Perché è divisa in distretti: c’è il centro storico, con il distretto della cultura, c’è Vaglio Lise, con l’Ospedale e il distretto della salute, c’è via degli Stadi con il distretto dello sport e via Panebianco con il distretto dei servizi. Non c’è la nostra magnifica isola pedonale perché è già un patrimonio acquisito alla bellezza della città. E se abbiamo pensato allo sviluppo della città nei termini in cui è stato scritto in quel programma – ha aggiunto Franz Caruso – è perché abbiamo ritenuto che la politica dovesse riappropriarsi del ruolo che ricopre e che il Comune dovesse avere la forza e la determinazione per portare avanti le sue scelte. Dal primo momento – ha sottolineato ancora il primo cittadino – abbiamo portato avanti la politica del fare e quella della coerenza e del rispetto del consenso che ci hanno tributato gli elettori”.

Bisogna convincere i cittadini della bontà delle proprie tesi, perché chi governa deve avere anche la capacità di convincere i cittadini che le scelte che propone sono quelle più utili per la città. E una volta che ha conseguito il consenso deve, però, realizzarle. E le cose che abbiamo detto in questi pochi mesi di governo, le abbiamo realizzate. Ci siamo dovuti occupare – come sapete – di altre vicende. Però abbiamo anche trovato lo spazio per realizzare le cose che oggi stiamo portando avanti. E lo facciamo soprattutto stasera con un punto qualificante. La discussione di stasera ha fatto emergere tutta la sua portata determinante, non solo per lo sviluppo della città, ma per la tutela della salute di tutti i cittadini. Noi non stiamo gettando le basi per creare un manufatto importante che possa dare lustro alla nostra città, ma stiamo facendo qualcosa di molto più importante”.

Stiamo gettando le basi – ha aggiunto Caruso – per realizzare una struttura efficace, efficiente, moderna e funzionale, in grado di garantire il diritto primario di ogni cittadino, quello alla salute. Lo sanno tutti che il Sindaco non è il responsabile della sanità della città, ma della salute dei suoi cittadini. E io mi sono posto da subito il problema di cosa fare per tutelare fino in fondo i nostri concittadini e tutti quanti noi, avendo un sistema sanitario inefficiente e una struttura ospedaliera assolutamente carente che non garantisce un minimo di assistenza sanitaria. Crediamo che sia fondamentale e indispensabile, dopo tutti questi lustri che si sono persi, dare un segnale finalmente di inversione di rotta, per evitare quella migrazione sanitaria che caratterizza ancora oggi, nel 2022, la nostra realtà territoriale. Oggi, per qualsiasi intervento che superi l’ordinario, si è costretti ad andare fuori. E’ arrivato il momento di dire basta”.

“Quando penso alla realizzazione di un’importante struttura in quell’area, che è molto più vicina a Rende rispetto a Cosenza, non penso all’interesse solo della mia città, ma a quello di un’area molto più vasta che va oltre quella che è l’area urbana come è stata individuata in alcune delibere della Regione Calabria. Io penso ad un’area che guarda veramente a Nord , alla Sibaritide, non che guarda a Montalto, Rose o Luzzi, perché sarebbe miope. Sappiamo bene quanto è importante un Ospedale regionale qualificato che vedrà impegnare sicuramente la Regione e l’Azienda Ospedaliera ad implementare il materiale umano e che deve essere riempito con 704 posti letto, con strutture all’avanguardia che abbisognano di alte professionalità, dal punto di vista medico , infermieristico e paramedico. La sfida del futuro è questa: basta ad una sanità in mano alla politica che ha determinato con le assunzioni clientelari una situazione di degrado quale quella che oggi dobbiamo combattere”.

“Da domani in poi inizia l’interlocuzione con il Presidente della Regione che, come è stato ricordato, essendo peraltro commissario della sanità, ha una visione del problema a 360 gradi e conosce la realtà cosentina perché è di Cosenza. Quella del nuovo Ospedale – ha aggiunto Franz Caruso – non è un’esigenza solo della città capoluogo, ma di un’area molto più vasta che abbraccia tutta la provincia e che sicuramente non lo vedrà inerme nelle scelte che dovrà fare. Non esiste un problema legato allo studio di fattibilità. Noi ci siamo riferiti nella delibera allo studio di fattibilità perché abbiamo uno strumento che ci consente tecnicamente anche di andare oltre. La nostra è stata una scelta politica che prescinde dallo studio di fattibilità perché il Comune è chiamato a fare scelte politiche nell’interesse del suo territorio e dei suoi concittadini. Nel momento in cui si realizzerà l’ospedale, quella parte di città finora discriminata ne diventerà il fiore all’occhiello. Basti pensare allo sviluppo che avrà quell’area dal punto di vista economico, commerciale e sociale. Un Hub sanitario che si sposa con la presenza del Comando provinciale dei Carabinieri e con un hub dei trasporti, che vede la stazione delle Ferrovie dello Stato, le Ferrovie della Calabria, l’Amaco ed il progetto dell’hub provinciale con i mezzi extraurbani che si fermeranno in quell’area da dove si potrà raggiungere il centro città grazie a navette elettriche evitando l’inquinamento ambientale ed acustico. Pensate a cosa diventerà quell’area quando quest’opera sarà realizzata o alla viabilità che unisce quell’area al Tirreno, passando dall’Università che è lì, non altrove. Da aggiungere – ha continuato il Sindaco – che non ci sarà l’abbandono della zona a Sud. Abbiamo sempre privilegiato una visione che guardasse a Sud. Il centro storico deve essere centro della città e non essere città vecchia. E’ una posizione strategica facilmente accessibile da tutte le parti di una vasta area”. E sull’Università il Sindaco ha aggiunto che l’Unical è patrimonio di tutti i cosentini. E noi dobbiamo fare di più perché l’Università entri nella nostra città e possa viverla, perché solo così si può creare un’integrazione che stiamo cercando di portare avanti con i fatti, non con le teorie o le parole. E se a questo aggiungiamo che non c’è studio al mondo che collochi oggi ospedali di questa portata in montagna o in collina, laddove tutta l’urbanistica sanitaria colloca queste strutture in pianura, significa veramente contrastare le logiche e le tecniche che presidiano queste scelte.

 

 

- Pubblicità sky-

Correlati

La scuola entra al Parlamento europeo: c’è anche il Pezzullo di Cosenza

COSENZA - Continua il progetto "La scuola entra al Parlamento" promosso dall'eurodeputata Laura Ferrara e che ha permesso agli studenti di quattro istituti d'Istruzione...
IKEA

IKEA, primi passi in Calabria. Apre a Rende un Plan&Order Point

RENDE - IKEA Italia annuncia di aver chiuso l’accordo per l’apertura in Calabria di un Plan&Order Point all’interno del Centro Commerciale Metropolis di Rende....

Cosenza, il nuovo Pronto Soccorso disegnato da De Salazar: «ci prendiamo responsabilità»

COSENZA - Il nuovo commissario dell'azienda ospedaliera di Cosenza, Vitaliano De Salazar, ha illustrato stamattina il nuovo programma di rilancio dell'Annunziata e in primis...

Pronto soccorso, ‘Cosenza Futura’ «gravità della situazione va affrontata subito»

COSENZA - «La gravità della situazione al Pronto Soccorso dell'ospedale di Cosenza va affrontata subito». E' quanto dichiara Fabrizio Falvo, già consigliere comunale di...
- Pubblicità -
- Pubblicità adsense 1-

Ultimi Articoli

Anci Calabria, la sfida alla presidenza: in corsa i sindaci Caruso e Limardo

CATANZARO - Si avvicina l'elezione del nuovo presidente dell'Anci Calabria, che si terrà venerdì prossimo a Feroleto Antico. In corsa per conquistare la carica...

‘Ndrangheta, assassinio dell’avvocato Pagliuso: chiesta la conferma degli ergastoli

LAMEZIA TERME (CZ) - - Il sostituto procuratore generale Marisa Manzini ha chiesto la conferma dell'ergastolo per i presunti boss Pino e Luciano Scalise,...

In arrivo venti forti e neve a bassa quota. Scatta l’allerta gialla in Calabria

COSENZA - Masse d'aria fredde provenienti dai Balcani investiranno l'Italia portando nevicate fino a quote basse su Meridione e regioni del medio adriatico. Contemporaneamente...

La scuola entra al Parlamento europeo: c’è anche il Pezzullo di Cosenza

COSENZA - Continua il progetto "La scuola entra al Parlamento" promosso dall'eurodeputata Laura Ferrara e che ha permesso agli studenti di quattro istituti d'Istruzione...

Fermato in auto con un fucile clandestino: arrestato

REGGIO CALABRIA - La Polizia Metropolitana di Reggio Calabria, nel corso di controlli anti bracconaggio tra Palizzi e Bova, ha arresto un soggetto già...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti
- Pubblicità Cickio sidebar-
- Pubblicità adsense 2-

Categorie

Leggi ancora

Sgarbi querela imprenditore di Acri, giudice dichiara improcedibilità penale

Il sottosegretario alla cultura aveva chiesto 11mila euro per un evento che non si è svolto

Amaco, chiesto il concordato preventivo. Caruso: «per salvare l’azienda fatto di...

Durante il consiglio straordinario al Comune erano presenti i dipendenti di Amaco e il nuovo amministratore Michelangelo Mastrolorenzo. Il Tribunale prenderà in esame l’istanza di concordato

Nuova vita ai pneumatici usati: è in Calabria l’azienda green tra...

Una brillante realtà industriale che lavora la materia recuperata dalle gomme usate per produrre calcestruzzo e altri nuovi prodotti

Malena spegne le polemiche e arriva ad Acri: “Ho semplicemente accettato...

In un'intervista rilasciata ai microfoni della nostra radio RLB smorza i toni e ci racconta del suo libro "Pura - il sesso come liberazione"

Cosenza, genitori preoccupati al Don Milani-De Matera: “acqua nelle aule, intervenite”

Diversi gli appelli lanciati anche dalla preside e dalla responsabile prevenzione della scuola al Comune affinché si trovi una soluzione

Giornata di incendi in Calabria. Roghi anche nel cosentino

Fiamme a Bisignano e su tutto il territorio calabrese, nuovamente alle prese con l'emergenza roghi da Reggio Calabria a Catanzaro al Vibonese