Cosenza, verso la riapertura dei varchi di Piave e Via Conforti/Isonzo - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Area Urbana

Cosenza, verso la riapertura dei varchi di Piave e Via Conforti/Isonzo

La decisione, frutto degli impegni programmatici assunti in campagna elettorale dal Sindaco Franz Caruso. Proficuo incontro dell’Assessore Covelli con i commercianti dell’area interessata

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – A Cosenza si apre una nuova fase per la viabilità cittadina che rifletterà gli impegni e gli indirizzi programmatici assunti in campagna elettorale dal Sindaco Franz Caruso. A breve saranno, infatti, riaperti alla circolazione i varchi della ZTL di Via Gaspare Conforti/via Isonzo e di via Piave. Attualmente l’ordinanza della Polizia Municipale in vigore prevede che il divieto di transito nei due varchi di via Piave e via Gaspare Conforti/via Isonzo sia attivo dalle ore 10,00 alle ore 13,00 e dalle ore 17,00 alle ore 21,00, dal lunedì al giovedì e, inoltre, dalle ore 14,00 di venerdì alle ore 24,00 di domenica. Nei giorni festivi infrasettimanali, l’ordinanza vigente vieta il transito dalle ore 8,00 alle ore 24,00.

Incontro con i commercianti: come cambia la viabilità

Tra qualche giorno le cose cambieranno. Il riordino della viabilità più volte ribadito durante la campagna elettorale dal Sindaco Franz Caruso troverà a breve attuazione in alcuni primi provvedimenti che tradurranno in fatti concreti l’impostazione programmatica del primo cittadino. Un annuncio in questa direzione è stato fatto in occasione dell’incontro con i titolari delle attività commerciali che gravitano nell’area interessata ai nuovi provvedimenti che la Giunta, guidata dal Sindaco Franz Caruso (impossibilitato a partecipare all’incontro con i commercianti) si appresta a varare. Ad incontrare i commercianti è stato l’Assessore ai Lavori Pubblici, Mobilità, Viabilità e Trasporti, Damiano Covelli, nel salone di rappresentanza di Palazzo dei Bruzi, alla presenza del Dirigente del settore trasporti e mobilità, Walter Bloise, della Vice Comandante della Polizia Municipale, Roberta Iazzolino, e dei consiglieri comunali Concetta De Paola e Massimiliano D’Antonio. La soluzione allo studio del Sindaco Franz Caruso, dell’Assessore Covelli e dell’Amministrazione comunale prevede che, a parte i giorni festivi, vi sia il libero passaggio dai varchi di via Piave e via Gaspare Conforti/via Isonzo tutti i giorni, tranne dalle 18,00 alle 21,00, per salvaguardare il passeggio sull’isola pedonale.

Quando entreranno in vigore i provvedimenti

I nuovi provvedimenti entreranno in vigore nei prossimi giorni, non appena sarà approntata la necessaria segnaletica e sarà adeguato il sistema di rilevazione elettronica posto all’ingresso dei varchi.

Vogliamo mantenere gli impegni presi dal Sindaco Franz Caruso– ha detto Covelli aprendo l’incontro con i commercianti – e, come avevamo già annunciato, vogliamo anzitutto intervenire sulla viabilità nelle due arterie stradali dove insistono quelle attività commerciali che sono state fortemente penalizzate dalle chiusure e poi dalla pandemia. Ci sono interventi che si possono fare a costo zero e noi vogliamo darvi corso subito, senza indugi. La riapertura dei varchi – ha sottolineato ancora l’Assessore Covelli – consentirà una maggiore fluidità del traffico con l’eliminazione di quei fattori di stress per gli automobilisti, costretti a snervanti e continue gimkane”. Il riordino della viabilità voluto fortemente dal Sindaco Franz Caruso e dall’Assessore Covelli poggia su tre principi cardine: decongestionare il traffico, venire in aiuto dei commercianti penalizzati dalle precedenti chiusure e dalla pandemia, salvaguardare il passeggio sull’isola pedonale nelle ore di maggiore affollamento e nei festivi.

Il Sindaco Caruso e l’Amministrazione comunale – ha aggiunto Covelli durante l’incontro – vogliono che le decisioni vengano prese assieme e condivise, perché è importante la collegialità. Oggi i varchi funzionano a singhiozzo. Dobbiamo invece stabilire nuove regole e nuovi orari e farli diventare permanenti. La città, dal punto di vista della viabilità – ha aggiunto Covelli – è messa male. E’ necessario, pertanto, eliminare quelle criticità che hanno generato, nei titolari di attività commerciali, nei residenti e negli automobilisti, situazioni al limite della esasperazione e per fare questo intendiamo scrivere una nuova pagina”. 

Gli altri progetti in cantiere

Nel corso dell’incontro sono stati più volte ribaditi gli impegni presi dal Sindaco Franz Caruso durante la campagna elettorale e cioè la riapertura di via Roma, la restituzione dell’unico senso di marcia in Piazza Bilotti (direzione viale degli Alimena) con l’eliminazione del doppio senso di circolazione e, inoltrel’eliminazione della rotatoria di via Pasquale Rossi. Gli uffici stanno lavorando alacremente per individuare le risorse necessarie per realizzare questi interventi.

Sulle piste ciclabili, delle quali Covelli si è dichiarato sostenitore (“un sempre più diffuso utilizzo delle due ruote garantirebbe minore inquinamento”) l’Assessore ha poi messo in evidenza “l’improvvisazione con la quale sono state realizzate. Sono del parere che le piste ciclabili vadano addirittura raddoppiate in città – ha aggiunto Covelli – ma tutto questo va equilibrato con la riapertura di alcune strade che sono fondamentali per migliorare la viabilità sul territorio cittadino”.

 L‘Assessore Covelli ha, inoltre, assicurato il massimo sforzo, da parte degli uffici competenti, per recuperare il tempo perduto nella realizzazione della bretella di collegamento di via Reggio Calabria (il collegamento viario Via Giovambattista Lupia-Ponte San Francesco di Paola, meglio conosciuto come Ponte di Calatrava). L’incontro è stato apprezzato da tutti i partecipanti, soprattutto per il nuovo metodo adottato dal Sindaco Franz Caruso e dall’Amministrazione comunale, che è quello della concertazione e condivisione delle scelte e la stessa proposta alla base della nuova regolamentazione delle ZTL è stata ritenuta positiva. L’Assessore Covelli, nel ringraziare tutti i partecipanti per la collaborazione, ha rivolto un invito agli uffici a fare più in fretta possibile, “per liberare la città dagli imbuti che sono stati creati negli anni”.

Area Urbana

Fotografo bullizzato al Marulla, il Cosenza Calcio sospende lo steward

La società rossoblù rende nota la sospensione dello steward che si è reso protagonista dello “spiacevole” episodio nei confronti del fotografo “aspettiamo Pasquale per la prossima gara”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “Pasquale Golia è il benvenuto allo stadio San Vito – Gigi Marulla”. Così esordisce sui social la società Cosenza calcio prendendo posizione in merito alla denuncia di Pasquale Golia, il fotografo bullizzato per il suo aspetto fisico.

“Il fotografo, – scrive il Cosenza calcio – ha denunciato uno spiacevole episodio avvenuto in occasione dell’ultima gara di campionato, è stato ricevuto dal Cosenza Calcio e gli è stata consegnata una maglia a lui dedicata dall’intera squadra. La Società si è sin da subito impegnata per fare chiarezza sull’accaduto e ha provveduto a sospendere dalle proprie mansioni lo steward che si sarebbe reso protagonista dell’episodio. Noi lo aspettiamo per la prossima gara del Cosenza, al suo solito posto, per scattare le foto dei nostri lupi”, conclude la società rossoblù.

Pasquale Golia ringrazia con un post dalla propria pagina Facebook il Cosenza Calcio “ancora una volta si è dimostrato in prima linea contro possibili soprusi e discriminazioni”

Continua a leggere

Area Urbana

Piazza Fera, inutilizzabili le intercettazioni “ora assicurare incolumità dei cittadini”

Così scrive il Movimento civico “Nuovi Orizzonti Cosenza” commentando la notizia nell’ambito del processo su Piazza Bilotti a Cosenza “intercettazioni molto gravi”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “Abbiamo appreso che nei giorni scorsi sono state dichiarate inutilizzabili le intercettazioni telefoniche che riguardano i lavori di piazza Fera. Su di esse poggia l’intero impianto accusatorio del procedimento contro diversi soggetti coinvolti e per questo motivo costituiscono le prove, presunte, dei reati da loro commessi”. Così scrive il Movimento civico “Nuovi Orizzonti Cosenza” dopo la notizia nell’ambito del processo su Piazza Bilotti a Cosenza.

“Alcune delle conversazioni riportate nel Decreto di sequestro preventivo della piazza, risalente a fine aprile 2020, sono molto gravi perché da esse si evince, senza ombra di dubbio, la responsabilità dei tecnici, degli amministratori comunali, della Questura e dell’ex sindaco Occhiuto nell’aver voluto a tutti i costi aprire al pubblico un’opera senza collaudo. Non solo, era ben risaputo anche il problema relativo alle travi d’acciaio nello spazio multimediale, ignorato pure questo. Tanto che oggi, a distanza di molti mesi, la piazza è stata dissequestrata, ma risulta ancora transennata la parte del museo”.

“Perché il decreto di sequestro non è avvenuto prima?”

“Quello che ci chiediamo – incalza il Movimento civico – è: le intercettazioni risalgono al 2016, prima dell’inaugurazione di dicembre, quindi chi ha ‘scritto’ il Decreto di sequestro preventivo era a conoscenza del pericolo che la piazza costituiva, ma non ha impedito lo svolgimento di manifestazioni che hanno messo in pericolo la vita di migliaia di persone. Perché? Il giudice che ha firmato il Decreto di cui si parla, ad aprile 2020 scrisse: “L’utilizzo di piazza Bilotti soprattutto da parte di un numero considerevole di utenti… potrebbe determinare un cedimento strutturale o un crollo della stessa con la conseguenza che deve essere sottoposta a sequestro l’intera area“.  Di ciò si era a conoscenza da quattro anni, perché non lo ha fatto prima?

Ci chiediamo anche come mai ai tecnici, agli amministratori coinvolti, ai consiglieri di opposizione e a tutti coloro che sapevano del pericolo che si correva su piazza Fera, non è mai importato nulla della vita di tante persone che ignare hanno partecipato ai concerti? Quanto vale la vita di un essere umano per chi ci amministra?

Ora, al di là della questione formale che ha fatto dichiarare inutilizzabili le intercettazioni, riteniamo rimanga in essere un fatto sostanziale, cioè il pericolo, risaputo da tutti, derivante dal mancato collaudo e dai difetti delle travi d’acciaio. Pericolo – puntualizza il movimento civico – che nessuno ha mai voluto considerare, ma sul quale sono state fatte indagini (quindi non era ignorato), come dimostra la perizia della Sismlab, la società incaricata dal comune (quando era sindaco Occhiuto), la quale ha rilevato nello scorso mese di settembre che le travi sono difettose e che c’è l’urgenza di intervenire subito. Siamo a dicembre e tutto ciò che è stato fatto è dichiarare inutilizzabili le intercettazioni”.

“Perché Gratteri e Morra non sono intervenuti sullo scandalo della piazza?”

“Ma c’è di più e ci poniamo un’altra domanda – prosegue Nuovi Orizzonti Cosenza – perché Gratteri e Morra non sono mai intervenuti sullo scandalo della piazza, altrimenti detta “piazza della mafia”, dopo i sequestri del 2017 e del 2020?

Anche il nuovo sindaco Caruso dovrebbe intervenire per assicurare l’incolumità ai cittadini e per tentare di che giustizia faccia il suo corso.

Il quadro è chiarissimo: tutti sanno da anni che la piazza è pericolosa, ciò è stato accertato dalla perizia della Sismlab (incaricata da Occhiuto che voleva un risultato diverso) ed è stato sbandierato telefonicamente dai tanti tecnici coinvolti nel completamento dell’opera. La magistratura è al corrente del pericolo e degli intrallazzi dal 2016, ma latita. Gratteri e Morra idem. I cosentini continuano a frequentare la piazza, costata fior di milioni, a loro rischio e pericolo, e tutto quello che viene fatto è ridurre in polvere le intercettazioni. Più chiaro di così…”

Continua a leggere

Area Urbana

Cosenza, modifiche alla raccolta rifiuti per la festa dell’Immacolata

Cambia il conferimento dei rifiuti in città in occasione della giornata della festività dell’Immacolata

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – L’Amministrazione comunale comunica che in occasione della festa dell’Immacolata, mercoledì 8 dicembre, l’eco calendario relativo al servizio di raccolta dei rifiuti subirà delle variazioni, rispetto alla consueta doppia raccolta dell’organico e del vetro, prevista solitamente per il mercoledì.

La sera di martedì 7 dicembre i cittadini potranno esporre solo la frazione organica, mentre la frazione vetro dovrà essere esposta, nell’apposito mastello verde, la sera di giovedì 9 dicembre, unitamente al mastello dell’organico.

Anche le utenze del centro storico e dell’isola pedonale (zona rossa) nella giornata di mercoledì 8 dicembre potranno esporre solo la frazione organica, rinviando l’esposizione del vetro a venerdì 10 dicembre negli orari prestabiliti.

Continua a leggere

Di tendenza