Blackjack: le regole, i fondamentali del gioco - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Magazine

Blackjack: le regole, i fondamentali del gioco

Un’analisi dei parametri da seguire per poter fare più punti dell’avversario, in un gioco cui nulla viene lasciato al caso

Avatar

Pubblicato

il

Non tutti i giochi di carte pretendono che i partecipanti gareggino direttamente tra loro. Nel blackjack, ad esempio, è il mazziere a doversela vedere di volta in volta contro ogni giocatore. Non si tratta di creare combinazioni di carte dal valore differente come nel poker: nel blackjack bisogna semplicemente fare più punti dell’avversario, rimanendo comunque entro certi parametri. Niente di trascendentale, alla fin fine: la soglia massima di punteggio consentita è pari a 21. Il blackjack condivide molti tratti con sette e mezzo, ma se in quest’ultimo la “matta” può agevolare facilmente la vittoria, questo non è possibile nel blackjack. Stiamo parlando pur sempre di due giochi diversi.

Originariamente noto come “21”, il blackjack è nato in Francia, ma è in America che ha conosciuto la sua massima diffusione. Per giocare servono 2 mazzi di carte francesi. Gli assi possono valere un punto o 11, ogni figura ne vale 10 e le carte rimanenti conservano il loro valore nominale. Se si superano i 21 punti, si “sballa” e si perde la mano in automatico. Dopo che ogni giocatore ha indicato la propria puntata, il banco consegna ai partecipanti una carta scoperta, agendo in senso orario. Come dimostra il sistema Martingala nel blackjack, esistono anche indicazioni specifiche sulla sequenza di presentazione delle puntate. Nulla viene lasciato al caso.

Analogamente al sette e mezzo, è possibile chiedere una carta aggiuntiva alla volta per aumentare il punteggio. Se si ottengono i 21 punti con le prime 2 carte, allora si effettua il blackjack. Se il banco, che gioca sempre per secondo, arriva almeno a 17 punti, non può più servirsi carte aggiuntive. Se il mazziere sballa è tenuto a pagare tutte le puntate. In caso di pareggio, il banco non prevale sul giocatore come accade invece in altri giochi. Una regola che differenzia notevolmente il blackjack dal sette e mezzo è quella relativa allo “split”. Ricevendo 2 carte di pari valore, è consentito “dividerle” per giocarle come se fossero state ricevute in mani diverse, a patto che la puntata del giocatore di turno venga raddoppiata. L’interpretazione della regola dello split varia a seconda dei parametri imposti dalle sale. In alcuni casinò, infatti, è possibile applicare questa regola solo una volta nel caso degli assi, mentre le altre carte possono essere “splittate” anche 3 volte.

Ciò che è sicuramente vietato è il conteggio delle carte, motivo per il quale le abilità mnemoniche fanno la differenza in questo gioco. Ne sono state un chiaro esempio le storiche imprese del MIT Blackjack Team, raccontate nel film “21”: ricordarsi quali carte sono già uscite permette di capire quali sono rimaste e quindi le probabilità di successo. Una volta che le carte finiscono nella pila degli scarti, non possono più essere toccate dai giocatori, pena l’esclusione dal gioco o, nelle situazioni più gravi, l’allontanamento dall’intera sala. Va da sé che in un gioco come il blackjack non basta affidare tutto ai calcoli: la fortuna ricopre pur sempre un ruolo fondamentale. In alcuni casi si può finire con lo “sballare” forzatamente, perché magari si ritiene troppo basso un punteggio che diventa subito dopo eccessivamente elevato a furia di richiedere carte.

Un’altra regola importante è quella sull’”assicurazione”. Quando il mazziere si serve un asso come prima carta e ha quindi buone chance di eseguire un blackjack, gli altri giocatori hanno il diritto di richiedere che il valore della puntata venga dimezzato. Se il mazziere realizza effettivamente il blackjack il giocatore assicurato perde l’intero ammontare della puntata e viene risarcito con il doppio dell’assicurazione, altrimenti quest’ultima viene persa.

Italia

Messina: il viaggio tra mito, storia e natura incontaminata

Nella contemporaneità, viaggiare non equivale soltanto a spostarsi da un punto all’altro

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Quando, durante la bella stagione, si parte con la famiglia alla volta di una meta turistica, lo si fa per vivere un’esperienza a 360 gradi.

Così, online ed offline, ha inizio la ricerca di una località estiva che sappia valorizzare ogni istante del soggiorno. Per le roventi giornate da giugno a settembre, c’è bisogno di un mare limpido e di spiagge pulite ben attrezzate. Magari, anche di suggestivi locali dove poter fare un aperitivo a due passi dal mare.

Per i pomeriggi e le serate, è da valutare soprattutto la presenza di alcuni punti d’interesse da visitare. Il riferimento implicito è diretto agli edifici storici, ai parchi archeologici, alle basiliche ma può trattarsi anche di sentieri, di grotte o di un parco naturale. Insomma, qualcosa di interessante che vada ad arricchire il personale bagaglio culturale.

Per compiere un magnifico viaggio tra mito, storia e natura incontaminata, in Italia, c’è la Sicilia, una terra dalla bellezza sconfinata. Inoltre, si giunge rapidamente in Sicilia con l’aiuto di un traghetto da Villa San Giovanni a Messina.

A beneficio delle giovani coppie e delle famiglie con bambini vedi le informazioni per acquistare il biglietto del traghetto Villa San Giovanni Messina prezzo imbarco della macchina su cui poter caricare i bagagli, i giochi da spiaggia e tutto quanto si consideri necessario per la vacanza in Sicilia.

Messina: i luoghi d’interesse storico-culturale

Lasciato alle spalle il porto di Messina, vale sicuramente la pena restare in città per almeno una mezza giornata. D’interesse storico e culturale, a breve distanza dal centro città, si scopre Piazza Duomo. L’ampio complesso è composto dal Duomo di Messina, dalla Fontana di Orione e dall’Orologio Astronomico.

Il Duomo di Messina, intitolato a Santa Maria, si presenta ben diverso dalla costruzione originaria sulla quale hanno inciso diversi eventi (la trasformazione del duomo in moschea, i terremoti, i bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale).

Invece, tutt’oggi conserva la sua forma originaria la cinquecentesca Fontana di Orione, considerato il mitico fondatore di Messina. Il consiglio è di ammirare la fontana da più angolature, prestando la massima attenzione ai tanti dettagli.

La Fontana di Orione, voluta dal Senato Messinese nel 1547, celebra la costruzione del primo acquedotto in grado di convogliare il flusso dei due torrenti cittadini ossia il Camaro ed il Bordonaro.

Messina: la leggenda della Fontana di Nettuno

Durante la passeggiata tra i vicoli di Messina, non può certo mancare una breve sosta per ammirare la bellissima Fontana di Nettuno. In questa occasione, il dio del mare è rappresentato mentre stringe il tridente in una mano, indicando con l’altra il popolo siciliano.

Ad alimentare la leggenda, è la posizione di Nettuno concedente le spalle al mare. Si narra che sia stato proprio il dio degli abissi a portare il mare a Messina, offrendolo in dono alla popolazione.

Secondo un’altra tradizione popolare, Nettuno, emerso dagli abissi dove si era ritirato, concesse solo le spalle al popolo calabrese ritenuto non alla pari di quello siciliano. Ancora oggi, si dibatte molto sulla corretta interpretazione del racconto leggendario.

Continua a leggere

Italia

Quattro cose da includere nel tuo budget promozionale

Le piccole e medie imprese investono sempre di più nel digitale, ma i budget variano da azienda ad azienda e da settore a settore

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Stabilire un budget per il marketing e la promozione in generale è molto importante. Le piccole e medie imprese investono sempre di più nel digitale, ma i budget variano da azienda ad azienda e da settore a settore.

Dato che gli investimenti nel mondo digitale non sono adatti a tutte le aziende e spesso richiedono budget importanti, le aziende da sempre investono nella promozione offline. Buoni sconto per gli acquisti in negozio, gadget aziendali, eventi dal vivo e molte altre tecniche vengono utilizzate ogni giorno per sponsorizzare attività con budget ristretti.

Se la creatività e le capacità sono in grado di fare la differenza in un piano marketing, senza un budget sostanzioso è difficile promuovere un’azienda nel modo adeguato.

Il budget promozionale, come dice lo stesso nome, è il totale di fondi da destinare alla promozione e al mantenimento del branding tra pubblico e dipendenti.

Ecco cosa tenere in conto durante la creazione del tuo budget promozionale.

  1. Eventi 

Organizzare un piccolo evento nel modo corretto aiuta a ottenere contatti, vendite e altri benefici.

Se organizzare un evento è costoso, allora si può noleggiare uno stand alla fiera annuale di settore più importante della zona.

I dipendenti sono lo staff migliore quando si ha un budget ridotto, mentre i gadget personalizzati sono un must da distribuire a tutti coloro che sostano al vostro stand.

Personalizza alcuni oggetti per il tuo cliente tipo, e risparmia su grandi quantità su siti come https://www.pens.com/it/.

  1. Promozioni

Sconti e benefici per i clienti migliori per generare più vendite e nuovi clienti.

Le promozioni servono a creare passaparola, visibilità e maggiori vendite. Esistono molte tecniche – dagli sconti per particolari occasioni ai programmi di affiliazione – tutte valide e capaci di creare maggiore interesse.

Cerchi un esempio originale, che sia differente dal solito e funzioni in tutti i sensi? Se il tuo brand è attento alle tendenze più attuali e vicino ai propri clienti, lancia un contest attraverso i canali social mettendo in palio dei prodotti come caricabatterie o auricolari bluetooth wireless, e altri gadget low-tech come penne e abbigliamento da regalare ai vincitori.

  1. Consulenza 

Gli esperti di marketing e branding possono cambiare le sorti di un’azienda.

Richiedere una consulenza su come migliorare il proprio logo, campagna marketing, sito web, oppure il negozio fisico e i prodotti, può aiutare a risolvere seri problemi che bloccano i guadagni.

Online si possono trovare e assumere, anche su base oraria, migliaia di freelancer in base al proprio budget e obiettivo.

  1. Nuovo packaging

Quale modo migliore di promuovere l’azienda se non delle nuove confezioni?

Se vendi dei prodotti reali e non digitali, rifai il look del packaging con l’aiuto di un grafico professionista e sorprendi i clienti con qualcosa di interessante e innovativo.

Puoi creare confezioni eco-sostenibili e riciclabili da riutilizzare, o utilizzare delle borse in tessuto per consegnare i prodotti ai clienti in negozio.

Puoi destinare anche solo il 5% delle vendite annuali al budget promozionale, ma dovrai sempre tracciare i risultati delle campagne per assicurarti che i risultati siano in linea con i tuoi obiettivi.

Continua a leggere

Italia

Forex: ecco le strategie più gettonate per investire sulle valute nonostante l’inflazione

Il forex online è una tipologia di investimento sempre più gettonata in Italia e i clienti sono alla costante ricerca delle migliori tecniche

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Il forex online è una tipologia di investimento sempre più gettonata in Italia e i clienti sono alla costante ricerca delle migliori tecniche da impiegare per trasformare le loro posizioni finanziarie in una fonte di entrate economiche extra. La compravendita di coppie di valute non è un investimento semplice e per evitare di mettere eccessivamente a rischio il proprio capitale iniziale è bene dedicare del tempo allo studio dei mercati e delle strategie che si possono sfruttare.

Strategie per investire con il forex online

I clienti italiani stanno diventando sempre più consapevoli dell’importanza di seguire una strategia di investimento per gestire in maniera ottimale il capitale di cui si dispone e le posizioni finanziarie aperte. Questa consapevolezza li spinge ad informarsi riguardo le migliori strategie di forex, alcune delle quali sono piuttosto semplici da seguire e possono portare a un netto miglioramento della performance.

Price action

Una delle strategie di trading maggiormente utilizzate è quella conosciuta come price action. Questa strategia si basa sull’individuazione di livelli di prezzo che potrebbero essere vantaggiosi per effettuare dei nuovi ingressi sul mercato, o che potrebbero essere significativi per far pensare a una chiusura parziale o totale delle posizioni aperte.

I principali vantaggi di questa strategia sono la possibilità di impiego in tutte le tipologie di trading forex – dal forex intraday agli investimenti a medio-lungo termine – e la possibilità di sfruttare diversi indicatori di trading per rendere più semplice l’individuazione dei livelli di prezzo.

Strategia breakout

Tra gli esperti del settore la strategia breakout è una delle più gettonate. Questa strategia può essere impiegata per il forex online, ma in generale può essere sfruttata con qualsiasi tipologia di asset finanziario. Come intuibile dal nome, questa strategia si basa sullo sfruttare i cosiddetti breakout, ovvero le rotture di una tendenza e dunque l’inversione dell’andamento del prezzo.

Osservando il grafico di un asset, nel caso specifico del forex osservando l’andamento del valore di una moneta rispetto alla valuta con cui viene messa a confronto, è possibile notare un trend crescente o decrescente. Il breakout si ha nel momento in cui dal grafico si evidenzia un’inversione di tendenza. In questa fase si può operare aprendo o chiudendo le posizioni finanziarie, a seconda della propria esposizione e del movimento che si intende sfruttare.

Strategia trendline

Opposta alla strategia breakout si ha invece la strategia trendline. Questa è basata sul seguire la tendenza, aprendo delle nuove posizioni per sfruttare il movimento di prezzo in corso. Questa strategia viene utilizzata in genere dai traders che decidono di operare nel breve termine, solitamente con un orizzonte temporale di alcuni giorni.

Chi sceglie di sfruttare questa strategia per il forex online deve fare attenzione però a non operare sul mercato in prossimità del breakout, altrimenti l’inversione di tendenza potrebbe portare a una perdita di parte del capitale investito.

Non solo strategia: attenzione alla scelta della piattaforma

Per investire con successo con il forex online non è sufficiente seguire una strategia di investimento, ma è indispensabile creare il proprio conto con una piattaforma di trading affidabile. Tutte le piattaforme di trading legali in Italia offrono in catalogo un gran numero di valute con cui operare e sono dunque perfette per chi vuole fare forex digitale.

Prima di scegliere la piattaforma è consigliabile informarsi sulle principali caratteristiche, sugli strumenti disponibili, sui costi di investimento e sulle recensioni dei clienti che l’hanno già testata in prima persona. Se oltre che con le valute si ha intenzione di investire anche con altri assets è preferibile optare per una piattaforma che consenta di operare con un unico account con tutti gli assets desiderati, così da semplificare la gestione delle posizioni finanziarie.

 

Continua a leggere

Di tendenza