Castrolibero, straniera a terra per tre ore: i sanitari sempre accanto a lei. Ha rifiutato il ricovero - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Castrolibero

Castrolibero, straniera a terra per tre ore: i sanitari sempre accanto a lei. Ha rifiutato il ricovero

Avatar

Pubblicato

il

La donna è stata monitorata per circa un’ora alla presenza dei sanitari del 118 e dei vigili urbani. Poi ha rifiutato il ricovero in ospedale

 

CASTROLIBERO (CS) – I post pubblicati sui social non sempre ritraggono la realtà per quella che è. La donna straniera che qualcuno racconta essere stata abbandonata dai sanitari del 118 per tre ore sul marciapiede, in strada, nel comune di Castrolibero, notizia riportata anche dai quotidiani nazionali online, non corrisponde alla verità. Per fare luce sul caso sono state interpellate le forze dell’ordine presenti sul posto e soprattutto gli stessi sanitari del 118, nonchè il direttore responsabile del Suem 118 di Cosenza, Riccardo Borselli, che con molta tranquillità ha spiegato come si sono svolti i fatti. «Si tenga presente che in centrale tutte le chiamate sono tracciabili – ha sottolineato Borselli – per cui in qualsiasi momento si può verificare ciò che realmente è accaduto».

Il soccorso (documentato, ndc) è stato aperto intorno alle 12. Una chiamata di un cittadino privato ha allertato della presenza di una donna, a terra, che versava in condizioni critiche. Le ambulanze erano tutte impegnate in altri soccorsi, alcuni anche codice rosso, e la centrale operativa ha inviato un’ambulanza dalla postazione di Spezzano Sila, alle porte della città bruzia. L’ambulanza con a bordo i volontari, giunge a Castrolibero trovando la donna visibilmente ubriaca. Tra l’altro, quest’ultima è un volto molto noto alle forze dell’ordine e  ai sanitari perchè soggetto dedito all’alcol e spesso trasportata in ospedale.

I volontari hanno prestato le prime cure e cercato di convincere la donna ad essere trasportata in ospedale. Nel frattempo dalla centrale operativa sono partite più chiamate alle forze dell’ordine, carabinieri e vigili urbani, per recarsi sul posto e fornire assistenza. Per tutto il tempo di attesa dell’arrivo dei vigili urbani, i volontari non hanno mai abbandonato la donna che alternava stati di aggressività a stati soporiferi, ma non incoscienti, in cui rimaneva sdraiata a terra. Dopo circa 50 minuti e con i vigili urbani presenti la donna, all’ennesima richiesta da parte dei sanitari di salire in ambulanza ed essere trasferita in pronto soccorso, ha rifiutato le cure (per legge se il paziente rifiuta non si può costringere ad essere sottoposto a cure). L’ambulanza dalle 12, ora dell’inizio intervento, ha lasciato la donna alle 13.26. Viene comunicato il rifiuto di quest’ultima che, in ogni caso è sempre assistita dalla presenza dei vigili urbani. L’ambulanza viene spostata su un altro soccorso in codice rosso.

Ma dopo dieci minuti un altro cittadino privato chiede un nuovo intervento dei sanitari sempre rivolto alla donna ancora sul marciapiede e con accanto la presenza dei vigili urbani. La centrale operativa invia un’altra ambulanza medicalizzata, ossia con medico a bordo che ritorna sul posto in pochi minuti. Da sottolineare che, nonostante le ambulanze fossero tutte impegnate in soccorsi anche di una certa rilevanza, dalla centrale operativa Suem 118 si è deciso di inviare sul posto l’ambulanza con i sanitari reperibili pur di non lasciare la donna in attesa e da sola. Dopo una trattativa durata diversi minuti tra il medico e la straniera, questa finalmente è stata convinta a salire sull’ambulanza per essere trasportata in Pronto soccorso e ricevere le cure adeguata per lo stato di ubriachezza in cui versava.

IL REFERTO INFILATO NEI PANTALONI

Anche questa notizia non corrisponde alla verità dei fatti. Quando la donna ha rifiutato le cure e i sanitari hanno comunicato con la centrale operativa, hanno dovuto lasciare un documento che attestasse l’avvenuto intervento del 118. Il referto compilato e firmato senza nominativo della donna perchè priva di documenti, i volontari lo avrebbero voluto lasciare ai vigili urbani che, giustamente, non potevano tenerlo. Per cui il referto è stato consegnato nelle mani della donna e non infilato nei pantaloni. Gli stessi volontari hanno sottolineato più volte di avere lasciato il documento nelle mani della straniera rimasta sempre cosciente ed aggressiva per tutto il tempo dell’intervento. Come il referto sia finito nei pantaloni della straniere, se effettivamente l’azione sia accaduta, non è dato saperlo, ma sicuramente non è accaduto ad opera dei sanitari.

Area Urbana

Orto Matera, incendio minaccia abitazioni e capannoni. In fiamme un furgone

L’incendio ha interessato questa mattina la zona di Orto Matera. Sul posto i vigili del fuoco e gli agenti della polizia municipale

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CASTROLIBERO (CS) – Un incendio è divampato stamattina nella zona di Orto Matera, ricadente nel territorio del Comune di Castrolibero. Le fiamme, alimentate anche dal vento hanno minacciato abitazioni, villette e alcuni capannoni. Sul posto, dopo aver ricevuto l’allarme, sono arrivati immediatamente i vigili del fuoco e gli agenti della polizia municipale. L’incendio ha interessato un vasto canneto, ma sono andati in fiamme anche arbusti, alberi e sterpaglia. Le fiamme hanno anche avvolto un furgone parcheggiato nelle vicinanze che ha preso fuoco. La situazione comunque, sembra essere sotto controllo.

Continua a leggere

Area Urbana

Castrolibero, Concetta Ambrosio nominata assessore

Il sindaco Giovanni Greco ha mantenuto per se la delega al Bilancio

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CASTROLIBERO – Si sono rivelate fondate le voci riguardanti la nomina di Concetta Ambrosio come assessore esterno della giunta guidata dal sindaco Giovanni Greco. Il sindaco, però, ha mantenuto per se la delega al Bilancio. L’ufficializzazione arriva direttamente dal primo cittadino che ha inviato un messaggio alle testate giornalistiche. Ambrosio subentra a Marco Porcaro, consigliere di maggioranza, che ad inizio settimana aveva protocollato le proprie dimissioni dalla carica di assessore.

“Nel ringraziare il consigliere comunale dr. Porcaro, – è scritto nella nota – per il lavoro svolto in modo esemplare, con competenza e dedizione nella gestione delle deleghe assessorili al bilancio e programmazione economica e finanziaria, settori determinanti di questa amministrazione, in anni particolarmente difficili per la P.A. e gli Enti locali in particolare, ho il piacere di comunicare che la Giunta comunale di Castrolibero si arricchisce di una nuova presenza: in data odierna ho conferito l’incarico di assessore alla dott.ssa Concetta Ambrosio, professionista affermata di questo territorio, conosciuta anche per il suo impegno sociale nell’area urbana. Al nuovo assessore ho delegato le seguenti funzioni: Attività Economiche e Produttive/SUAP, Servizi demografici, Associazioni e Comitati di Quartiere. Alla dott.ssa Ambrosio va il mio personale benvenuto e gli auguri di buon lavoro”.

Continua a leggere

Area Urbana

Comune di Castrolibero, nuovi problemi all’interno della maggioranza

Raffaella Ricchio ha rimesso le deleghe nelle mani del sindaco Giovanni Greco

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CASTROLIBERO – Dopo le dimissioni dell’assessore Marco Porcaro dalla carica di assessore al Bilancio, ieri anche Raffaella Ricchio ha rimesso le deleghe nelle mani del sindaco Giovanni Greco e contestualmente ha palesato il proprio passaggio nel Gruppo Misto. Vigilanza, sicurezza e tutela della comunità, pari opportunità, politiche della famiglia e della terza età e servizi sociali, le deleghe fino a ieri gestite dalla consigliera Ricchio. Nelle prossime ore, da indiscrezioni trapelate dall’interno della casa comunale, il sindaco Greco potrebbe nominare un nuovo assessore al Bilancio in sostituzione del dimissionario Porcaro. La scelta potrebbe ricadere su una figura esterna individuata in Concetta Ambrosio. 

Dubbi sulla necessità di una nomina di un assessore esterno sono stati sollevati dal consigliere di minoranza Francesco Calvelli. “Con il passaggio della consigliera Ricchio al Gruppo misto è ormai evidente la crisi interna alla maggioranza – dichiara il consigliere Calvelli – e credo che il Consiglio debba riunirsi il prima possibile perché ci sono in sospeso importanti temi da affrontare, uno su tutti certamente la situazione economica dell’Ente. Inoltre, apprendo dell’ipotesi di una nomina esterna alla quale affidare la delega al bilancio, scelta che personalmente ritengo inopportuna considerato che all’interno della maggioranza sono presenti altre due donne che potrebbero ricoprire tale ruolo”.

Continua a leggere

Di tendenza