E’ accusato di aver rubato energia elettrica ma non lo sa: Ruffolo assolto con formula piena

Si celebra il processo, ma l’imputato non sa neanche di avere commesso il reato e viene condannato ad un anno e sei mesi di reclusione. Sarà la difesa a renderlo nuovamente un uomo libero e a restituirgli la dignità e l’onestà

 

COSENZA – E’ una vicenda davvero particolare quella che ha visto l’assoluzione di Ruffolo Antonio, 57enne camionista originario di Marano Marchesato, dopo una vera e propria battaglia legale, in Corte di Appello di Catanzaro (Prima Sezione Penale, Presidente Giancarlo Bianchi) dall’accusa di aver rubato, nel 2008, energia elettrica presso un locale commerciale di Amantea. Ruffolo, difeso dall’avvocato Antonella Rizzuto, è stato assolto con formula piena “per non aver commesso il fatto”. Il 5 novembre 2013, era stato condannato dal Tribunale Penale di Paola alla pena un anno e sei mesi di reclusione, con sentenza emessa all’esito di un processo celebrato in assenza dell’imputato che, decorsi i termini di legge, era stata dichiarata irrevocabile e, dunque, esecutiva.

BUSSANO ALLA PORTA: SEI STATO CONDANNATO AL CARCERE

Ragion per cui Ruffolo nell’ottobre del 2014 si era visto recapitare un ordine di esecuzione per la carcerazione con contestuale decreto di sospensione del medesimo, nel quale veniva avvertito che aveva solo 30 giorni di tempo per richiedere la concessione di una misura alternativa alla detenzione, in mancanza della quale sarebbe stata eseguita, appunto, la pena della reclusione in carcere per la durata di 1 anno e 6 mesi così come disposta in sentenza. Ruffolo si affidò alla difesa dell’avvocato Antonella Rizzuto del Foro di Cosenza, specializzata in diritto penale e carcerario, la quale, assunta la difesa dell’uomo, per prima cosa bloccò l’esecuzione della pena con una apposita istanza, diretta alla Procura della Repubblica di Paola Ufficio Esecuzione Penale, avente ad oggetto la concessione dell’affidamento in prova al servizio sociale o, in subordine, quella della detenzione domiciliare. A quel punto bisognava solo attendere che il competente Tribunale di Sorveglianza di Catanzaro fissasse l’udienza per decidere sulla concessione, o meno, di misura alternativa alla detenzione.

NESSUN AVVOCATO D’UFFICIO CONTATTO’ L’IMPUTATO

Nel corso del colloquio con il difensore, tuttavia, Ruffolo precisò subito di non avere mai avuto alcuna conoscenza di un procedimento penale celebrato a suo carico, di non essere mai stato contattato da alcun altro avvocato in merito alla vicenda oggetto dello stesso e di non avere mai ricevuto alcun avviso dal Tribunale. La sincera convinzione espressa dal proprio assistito in ordine alla mancata conoscenza del processo nonché alla completa estraneità rispetto ai fatti allo stesso contestati, determinò quindi l’avvocato Antonella Rizzuto a recarsi subito personalmente anche presso il Tribunale di Paola per chiedere la visione della sentenza di condanna dichiarata irrevocabile e degli atti contenuti nel fascicolo del dibattimento. A quel punto il difensore scoprì come, a prescindere dalla ritualità formale degli atti di notifica succedutisi nel tempo, fosse effettivamente da escludere che l’imputato avesse avuto conoscenza del procedimento a suo carico e della sentenza di condanna, dal momento che non risultava che lo stesso avesse mai avuto alcun rapporto con il difensore d’ufficio nominato sin dalla conclusione delle indagini a suo carico, il quale non risultava essere mai stato presente alle udienze di celebrazione del processo (svolto con il patrocinio di avvocati prontamente reperibili nominati d’ufficio) e, per di più, aveva ricevuto anche la notifica della sentenza come difensore erroneamente indicato “di fiducia” senza informare in alcun modo il condannato.

LA SCELTA DELLA DIFESA, SI APRE LA STRADA VERSO L’ASSOLUZIONE

Stando così le cose, risultava chiaro come Ruffolo, né aveva potuto difendersi presenziando al processo a suo carico e concordando un’adeguata linea difensiva, né tanto meno aveva potuto esercitare pienamente il proprio diritto di difesa proponendo impugnazione della sentenza di condanna, ormai divenuta esecutiva. Senza alcuna esitazione, il legale Antonella Rizzuto si determinava così ad avanzare anche richiesta di procedimento di esecuzione avente ad oggetto specifica “questione sul titolo esecutivo”, risultando evidente che la sentenza emessa a carico del proprio assistito fosse stata erroneamente divenuta irrevocabile e che, pertanto, lo stesso dovesse essere rimesso nei termini per proporre appello. Vi è da dire, però, che tale richiesta veniva proposta ormai nelle more della decisione sull’istanza di misura alternativa alla detenzione, per cui da quel momento iniziarono anche una serie di doverose richieste di rinvio della trattazione del procedimento avanzate al Tribunale di Sorveglianza di Catanzaro e motivate proprio sul presupposto che, contestualmente, pendeva un procedimento di esecuzione per contestata efficacia del titolo esecutivo.

 

L’avvocato penalista Antonella Rizzuto

 

LA CASSAZIONE ANNULLA L’ORDINANZA

A parere dell’Avvocato Rizzuto, infatti, il procedimento di sorveglianza nell’interesse del Ruffolo non poteva assolutamente essere trattato prima della decisione sull’istanza di rimessione in termini, poiché in tal caso sarebbe stata resa ingiustamente eseguibile la pena comminata al proprio assistito. Tanto più che lo stesso aveva richiesto un procedimento di esecuzione proprio perché non aveva avuto conoscenza effettiva del procedimento, non vi si era sottratto volontariamente né aveva rinunciato volontariamente a proporre impugnazione avverso la sentenza ormai irrevocabile. Ebbene, il procedimento di esecuzione richiesto si concluse, in prima battuta, il 21 aprile 2017 allorquando il Tribunale di Paola, adito in funzione di giudice dell’esecuzione, dichiarò “inammissibile la richiesta di restituzione nel termine formulata nell’interesse di Ruffolo Antonio”.

Tanto determinò il legale del Ruffolo a portare la questione al vaglio della Suprema Corte di Cassazione denunciando inosservanza o erronea applicazione della legge penale poiché il giudice dell’esecuzione, lungi dal soffermarsi e pronunciarsi prima di tutto sulla validità o meno del titolo esecutivo, aveva valutato solo l’esistenza dei presupposti e delle condizioni per la restituzione nel termine ex art. 175 c.p.p., dando unicamente conto dei motivi per cui ha ritenuto la stessa inammissibile poiché, a suo dire, tardiva. Il giudice dell’esecuzione, in sostanza, aveva letteralmente confuso la questione sul titolo esecutivo con la restituzione nel termine e per tale motivo la Corte di Cassazione, Sezione 4 Penale, in accoglimento del ricorso (proposto con il patrocinio dell’avvocato cassazionista Pietro Sammarco del foro di Cosenza), con sentenza del 24 Novembre 2017 annullò l’ordinanza impugnata rispedendo gli atti al Tribunale di Paola perché provvedesse ad un nuovo esame delle richieste avanzate nell’interesse di Ruffolo Antonio.

INESECUTIVITA’ DELLA SENTENZA

In tutto questo, la condanna alla pena di 1 anno e 6 mesi di reclusione comminata nel 2013 a carico e all’insaputa del Ruffolo diventava ogni giorno più vicina, aumentando così anche le preoccupazioni dell’uomo di non poter mantenere l’occupazione lavorativa di camionista (peraltro incompatibile con prescrizioni limitative della libertà) nel caso in cui si fosse dovuto assentare dal posto di lavoro per la durata della pena stabilita in sentenza, nonostante i numerosi rinvii concessi dal Tribunale di Sorveglianza di Catanzaro che, per verità, non ha mancato di dimostrare interesse e “comprensione” dinanzi alle motivazioni e agli aggiornamenti sulla vicenda Ruffolo, puntualmente esposti dall’avvocato Rizzuto. Sta di fatto che, finalmente, con provvedimento del 9 Gennaio 2018, il Tribunale Penale di Paola in funzione di giudice dell’esecuzione, in accoglimento dell’istanza avanzata in favore di Ruffolo, veniva dichiarata l’inesecutività della sentenza emessa il 5 Novembre 2013 dal Tribunale di Paola, rimettendo lo stesso nei termini per proporre appello, che infatti veniva proposto dall’avvocato Rizzuto nei termini di legge.

Dinanzi a tale evenienza, il 5 Luglio 2018 il Tribunale di Sorveglianza dichiarava il non luogo a provvedere sull’esecuzione della pena, essendo venuto meno in titolo in esecuzione. Il 24 Giugno u.s. è stato così celebrato il giudizio di secondo grado nei confronti dell’imputato Ruffolo Antonio, nel corso del quale l’Avvocato Rizzuto non ha mancato di evidenziare la grossolanità con cui era stata dichiarata irrevocabile la sentenza emessa a carico del proprio assistito, del tutto pari a quella dimostrata dal giudice di prime cure per ritenere provata la responsabilità penale dello stesso in ordine al grave delitto ascritto. Ovviamente, l’estraneità del Ruffolo rispetto ai fatti contestati è emersa in tutta la sua evidenza nel corso del giudizio di secondo grado, tanto che la Corte di Appello, accogliendo le argomentazioni difensive esposte, ha riformato la sentenza impugnata mandando assolto l’imputato dal delitto allo stesso ascritto per non aver commesso il fatto, con ciò ponendo fine alle tribolazioni di Ruffolo che, nel corso di questi ultimi lunghi anni vissuti in uno stato di vera e propria preoccupazione, si era visto pesare sempre di più come macigno l’ingiusta pena di 1 anno e 6 mesi di carcere. Ciò a dimostrazione di come, purtroppo, a volte imputati privi di difensore di fiducia siano trattati come “imputati di serie B” e di come, comunque, non bisogna mai arrendersi per far valere la propria innocenza. Pienamente soddisfatta l’Avvocato Antonella Rizzuto che ha portato avanti fino in fondo questa battaglia legale.

- Pubblicità -

Correlati

Mendicino fiamme

Mendicino, a fuoco un intero appartamento. Dichiarato inagibile

COSENZA - Questa mattina i vigili del fuoco di Cosenza, sono intervenuti a Mendicino nella frazione Basso La Motta per domare le fiamme divampate...

Cosenza, inchiesta Reset: il sindacalista Gianluca Campolongo lascia i domiciliari

COSENZA - La seconda sezione penale della Corte di Cassazione ha accolto ieri, 31 gennaio 2023, il ricorso proposto da Gianluca Campolongo, difeso dall'Avvocato...

Castrovillari, attivate le sale operatorie dopo undici anni

CASTROVILLARI (CS) - Erano state inaugurate nel 2012, ma non erano mai entrate in funzione. Oggi, finalmente, l'ospedale di Castrovillari può contare sul nuovo...

Marchio DOP per il Cedro di Santa Maria del Cedro, Occhiuto: ‘dopo 30anni ci...

COSENZA - «Ero un ragazzo, così come lo era l’assessore Gallo, quando insieme partecipavamo ai convegni organizzati dal professor Galiano sulla necessità di creare...
- Pubblicità -
- Pubblicità adsense 1-

Ultimi Articoli

Staine incontra Trenitalia Calabria: entro marzo 4 nuovi treni di ultima generazione

CATANZARO - Si è svolto oggi pomeriggio un incontro tra il direttore di Trenitalia, direzione Business Regionale, Sabrina De Filippis, e l'assessore regionale ai...

Anziana strattonata e rapinata in mezzo alla strada, denunciati due diciottenni

REGGIO CALABRIA - Due giovani, entrambi diciottenni, sono stati denunciati in stato di libertà dalla Polizia di Stato con l'accusa di essere i responsabili...
Mendicino fiamme

Mendicino, a fuoco un intero appartamento. Dichiarato inagibile

COSENZA - Questa mattina i vigili del fuoco di Cosenza, sono intervenuti a Mendicino nella frazione Basso La Motta per domare le fiamme divampate...

Cosenza, inchiesta Reset: il sindacalista Gianluca Campolongo lascia i domiciliari

COSENZA - La seconda sezione penale della Corte di Cassazione ha accolto ieri, 31 gennaio 2023, il ricorso proposto da Gianluca Campolongo, difeso dall'Avvocato...

‘Ndrangheta, evaso dai domiciliari killer ergastolano: uccise anche un carabiniere

MILANO - Massimiliano Sestito, ritenuto affiliato alla 'ndrangheta catanzarese e condannato per mafia, è evaso nella serata del 30 gennaio dall'abitazione dove stava scontando...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti
- Pubblicità adsense 2-

Categorie

Leggi ancora

Cosenza, spaccio a scuola e all’autostazione: pusher minorenni tornano liberi

Quattro minori finiscono in manette accusati di 62 episodi di cessione di droga tra i coetanei a scuola, nelle villette e per strada. Una...

Cosenza, cocaina e armi in via degli Stadi: 77enne ai domiciliari

Tre pistole e un chilo e mezzo di cocaina in una soffitta in piazza Thurium, in uso ad un 77enne. Il Gip convalida l'arresto...

Cosenza, rapina cruenta “per amore”: in appello pena ridotta per Papaianni

Condannato a tre anni dal Tribunale dei minori, la Corte di Appello di Catanzaro accoglie le motivazioni della difesa rideterminando la pena a due...

Amantea, auto in fiamme nel cortile del politico La Rupa

Due le auto completamente distrutte nella notte tra sabato e domenica all'interno del cortile dell'abitazione della famiglia del politico     AMANTEA (CS) - Incendio ai danni...

Fiumefreddo Bruzio, estate con i rifiuti in strada: il degrado avanza

I villeggianti e non solo non ce la fanno più e a segnalare con una mail lo stato di degrado che vivono giornalmente è...

Cosenza, investito il ciclista Pozzovivo. Sarà operato stasera, addio Vuelta

Investito mentre si allenava in bici è stato prontamente soccorso dai sanitari del 118, stabilizzato e trasferito presso il Pronto soccorso dell'Annunziata. Per il...