Covid: senza vittime le ultime 24 ore in Calabria. Si contano 544 contagi - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Calabria

Covid: senza vittime le ultime 24 ore in Calabria. Si contano 544 contagi

Negli ospedali resta sostanzialmente stabile il numero dei ricoverai: calano di 1 in area medica (124) e crescono di 1 in terapia intensiva (8)

Avatar

Pubblicato

il

CATANZARO  – Si sono chiuse senza vittime le ultime 24 ore in Calabria sul fronte Covid. I decessi da inizio pandemia sono 3.114. I nuovi contagi sono 544 con un tasso di positività che risale leggermente al 15,69%. Negli ospedali, nel saldo tra ingressi e uscite, resta sostanzialmente stabile il numero dei ricoverai: calano di 1 in area medica (124) e crescono di 1 in terapia intensiva (8). I casi attivi sono 6.968 (-42), gli isolati a domicilio 6.836 (-42) e i nuovi guariti 586. I dati sono comunicati dai Dipartimenti di Prevenzione delle Asp della Regione Calabria. Ad oggi il totale dei tamponi eseguiti è di 3.990.371 con 594.197 positivi.

A livello provinciale la situazione Covid è:

Catanzaro: casi attivi 1765 (18 in reparto, 6 in terapia intensiva, 1741 in isolamento domiciliare); casi chiusi 101385 (100991 guariti, 394 deceduti). Cosenza: casi attivi 2362 (58 in reparto, 0 in terapia intensiva, 2304 in isolamento domiciliare); casi chiusi 173270 (171902 guariti, 1368 deceduti). Crotone: casi attivi 289 (3 in reparto, 0 in terapia intensiva, 286 in isolamento domiciliare); casi chiusi 57256 (56986 guariti, 270 deceduti). Reggio Calabria: casi attivi 1868 (29 in reparto, 2 in terapia intensiva, 1837 in isolamento domiciliare); casi chiusi 197536 (196663 guariti, 873 deceduti). Vibo Valentia: casi attivi 458 (14 in reparto, 0 in terapia intensiva, 444 in isolamento domiciliare); casi chiusi 50771 (50581 guariti, 190 deceduti).

Calabria

Sindacati: «oggi turni scoperti al pronto soccorso, pochi medici e personale in agitazione»

Emergenza sanità allo Jazzolino, oggi turni scoperti al Pronto soccorso: «alto rischio di errori per il super lavoro»

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

VIBO VALENTIA – “E’ davvero un paradosso che il diritto alla salute, garantito dalla Costituzione a tutti i cittadini, venga poi negato proprio a coloro che della loro salute si occupano, e cioè i medici”. E’ questa l’osservazione che le organizzazioni sindacali hanno consegnato ieri alla valutazione della dirigenza dell’Asp, con una lettera inviata al commissario straordinario Giuliano, al direttore sanitario aziendale Galletta, al capo dipartimento emergenza urgenza Talesa, ai direttori dello stesso servizio, Natale, e di presidio, Miceli. I medici oggetto delle preoccupazioni dei sindacati di categoria: Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, sono quelli in servizio al pronto soccorso dello Jazzolino, la cui cronica e grave carenza è stata denunciata numerose volte sia dai medici stessi che dagli utenti. Nella lettera viene anche annunciato lo stato di agitazione del personale fino a quando non verranno assunte misure adeguate. L’oggetto della missiva è chiaro: “Rischio clinico e criticità nell’organico dei medici di pronto soccorso e medicina d’urgenza: richiesta adozione provvedimenti straordinari”.

I sindacati denunciano espressamente «la grave situazione riguardante la carenza di personale medico operante nei pronto soccorso aziendali, e in particolare in quello dell’ospedale spoke di Vibo Valentia”. Il motivo è chiaro: attualmente “sono rimasti solo otto medici, di cui due in malattia e un terzo con limitazioni (per cui si occupa soltanto dei codici bianchi). Ne restano appena cinque i quali non possono coprire i turni h 24, tant’è che giorno 8 dicembre (e cioè oggi, ndr) risulta scoperto“. Le conseguenze di una simile situazione sono facilmente intuibili, argomentano i sindacati confederali: «Il carico di lavoro che grava su di loro e l’intensità dello stesso espongono i medici ad un reale rischio di errore clinico, con conseguenti contenziosi, e i malati ad ovvi rischi per la loro salute. Ironia della sorte – rilevano, con amaro sarcasmo – se la Costituzione tutela il diritto alla salute come universale, proprio la salute è preclusa a chi la dispensa».

Cgil, Cisl e Uil riconoscono che l’azienda ha assunto di recente un’iniziativa mirata a garantire i turni ma, osservano, «evidentemente essa non è sufficiente per cui si rende necessario adottare altre misure urgenti e straordinarie in attesa di una risoluzione strutturale», è cioè i concorsi. Da qui la richiesta di «una urgentissima risoluzione delle problematiche. Inoltre, non potendo più tollerare tale precaria situazione, si annuncia lo stato di agitazione del personale».

Continua a leggere

Calabria

In Cittadella riunione operativa per la rete emergenza-urgenza della Regione

Prevista una simulazione del funzionamento di 112 e 118. In quest’ambito avverrà la presentazione della Telecardiologia e della rete di Refertazione ECG

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – Lunedì 12 dicembre, con inizio alle 11, nella Sala Verde della Cittadella di Catanzaro, si terrà una riunione operativa dedicata alla rete di emergenza-urgenza della Regione e alla formazione degli operatori degli enti del Terzo Settore. Dopo l’apertura dei lavori da parte del presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, seguirà la simulazione di funzionamento delle Centrali Numero Unico Europeo per le Emergenze (NUE 112) e della Sala Operativa Regionale Emergenza-Urgenza (SOREU 118) e la presentazione degli Interventi Strutturali per la creazione della Rete dell’Emergenza-Urgenza extra-ospedaliera della Calabria.Durante l’incontro verranno trattate le principali tematiche sulla Rete Emergenza-Urgenza: il nuovo assetto delle centrali Operative NUE 112 e SOREU 118 (Dr. Riccardo Borselli); Telecardiologia e refertazione ECG in emergenza-Urgenza (Dr. Giovanni Bisignani); Rete pediatrica STEN e STAM (Dr. Gianfranco Scarpelli); Rete Stroke (Dr. William Auteri e Dr. Rosario Iannacchero); Elisoccorso Calabria (Dr. Pasquale Gagliardi).

Dalle 14:30 prenderà il via, nella Sala Turchese della Cittadella, un incontro riservato ai rappresentati legati degli Enti del Terzo Settore sul tema: Istituzione Consulta degli Enti del Terzo Settore in materia di Emergenza-Urgenza e Maxiemergenza – regolamento per la composizione, le competenze ed il funzionamento della consulta degli Enti, Organismi, Associazioni di Volontariato e delle Cooperative Sociali. Dalle ore 15, invece, nuovamente presso la Sala Verde, si terrà un incontro dedicato ai componenti del tavolo regionale emergenza-urgenza e dei tavoli tecnici delle reti tempo-dipendenti riuniti in modalità congiunta.

In quest’ambito avverrà la presentazione della Telecardiologia e della rete di Refertazione ECG in emergenza-Urgenza (Dr. Giovanni Bisignani); la presentazione della Bozza di Rete STEN e STAM in Calabria (Gruppo Regionale di Lavoro per la Rete dell’Emergenza Pediatrica) a cura del Dr. Gianfranco Scarpelli e la Presentazione della Bozza di Rete Stroke in Calabria (Gruppo Regionale di Lavoro per la Rete Stroke) da parte del Dr. Rosario Iannacchero.
I lavori della mattinata saranno aperti alla stampa, che potrà seguire gli interventi dei relatori e la simulazione di funzionamento delle Centrali Numero Unico Europeo per le Emergenze (NUE 112) e della Sala Operativa Regionale Emergenza-Urgenza. Nel cortile esterno della Cittadella saranno presenti mezzi e squadre che simuleranno le operazioni di soccorso con l’ausilio delle nuove tecnologie del 112, che permettono l’identificazione e la precisa localizzazione GPS del luogo dell’incidente.

Continua a leggere

Calabria

Cane di salvataggio visita i bambini dell’ospedale: «davvero tanti i sorrisi in corsia»

I cani con la loro capacità di ridurre situazioni di stress e ansia emozionale riescono ad entrare in relazione con i pazienti e dare loro stimoli positivi

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – La scuola in ospedale si configura come “un’offerta formativa decisamente peculiare per destinatari e modalità di erogazione e, l’IC Manzoni nord est di Catanzaro, presieduto dalla dirigente Giovanna Bruno, conta fra i suoi plessi anche quello della scuola in ospedale”.

La finalità principale di questo plesso è quella di “creare un collegamento fra l’ambiente ospedaliero e la realtà esterna, riducendo in tal modo l’isolamento dei pazienti e fornendo loro un aiuto in una difficile situazione di stress. La dirigente Bruno vuole assicurare agli alunni ricoverati pari opportunità, mettendoli in condizione, quando possibile, di proseguire lo sviluppo di capacità e competenze al fine di facilitare il loro reinserimento nei contesti di provenienza”. A questo proposito prosegue il progetto, inserito nell’area educazione civica, di far conoscere il lavoro dei cani di salvataggio ai bambini ricoverati e il 7 dicembre, Giancarlo Silipo e la sua Mae hanno potuto visitate il reparto pediatria del presidio Pugliese Ciaccio diretto dal dottor Giuseppe Raiola e quello di chirurgia pediatrica diretto dal dottor Domenico Salerno.

All’Istituto comprensivo Manzoni “il primato di aver concretizzato un simile evento la cui dirigente Bruno tiene a sottolineare quanto la scuola in ospedale sia e dia lustro all’intero IC e di quanto sia fondamentale offrire, nonostante le oggettive difficoltà, la stessa linea di programmazione dell’IC nel suo complesso. Un ringraziamento doveroso va alla direzione sanitaria del nosocomio, dottor Gianluca Raffaele, che ha dimostrato una particolare sensibilità nel consentire una simile iniziativa e alle capo sala Rosanna Santoro e Teresa Iacoi che hanno saputo riconoscere quanta capacità abbiano alcuni animali di mettersi in relazione con i pazienti più fragili, soprattutto, i bambini.

Alla referente del progetto educazione civica Daniela Cannistrà e a Giancarlo Silipo, Vigile del Fuoco e Unità Cinofila di Salvataggio A. N. P. A. S Croce Verde Catanzaro, la riconoscenza dei bambini per aver potuto conoscere la dolce Mae, che offrendo una piccola gioia, ha contribuito a farli sentire meglio. I cani, infatti, con la loro capacità di ridurre situazioni di stress e ansia emozionale riescono ad entrare in relazione con i pazienti e dare loro stimoli positivi; il cane non giudica, non rifiuta, si dona, stimola sorrisi e non ha pregiudizi… e di sorrisi questa mattina in corsia se ne sono visti veramente tanti”.

Continua a leggere

Di tendenza