Studenti e lavoratori bloccati al nord, Italia Viva e Diritti civili chiedono rientro - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Calabria

Studenti e lavoratori bloccati al nord, Italia Viva e Diritti civili chiedono rientro

Avatar

Pubblicato

il

Italia Vive chiede che la Regione Calabria “valuti il rientro di tanti giovani studenti e lavoratori rimasti bloccati al nord”. Corbelli ritiene “giusto e doveroso far rientrare adesso i nostri ragazzi”

 

COSENZA – “Sono tantissimi i giovani calabresi che si sono ritrovati loro malgrado bloccati nelle città universitarie di tutta Italia, facendo fronte all’emergenza coronavirus sempre più difficile per la nostra nazione e sopratutto per l’economie di ogni famiglia”. Italia Viva chiede alla Presidente della Regione Calabria Jole Santelli di creare un corridoio, programmando il rientro di tanti ragazzi nelle loro abitazioni , per un emergenza che non ha una data certa per la fine. Rientri programmati e verificati tramite opportuna richiesta, adottando tutte le misure sanitarie di sicurezza , test sierologici alla partenza e quarantena obbligatoria per loro stessi e per le loro famiglie all’arrivo nelle proprie case”.

“Tanti anche i giovani lavoratori rimasti – prosegue la nota di IV – senza lavoro e senza cassa integrazione, costretti a vivere con le poche risorse mandate da casa. Sono rimasti nelle loro piccole stanze, perché corretti e rispettosi delle regole che il Governo e la Regione hanno decretato, ma ora in troppi si trovano in grande difficoltà. Non stiamo parlando di “mammoni”, ma di lavoratori e studenti che si trovano da oltre 50 giorni fuori sede, senza poter svolgere la loro funzione naturale, per la maggior parte condividendo stanze con più persone ed adattandosi al meglio in un periodo dove gli spostamenti sono limitati allo stretto necessario. Molti di loro non hanno più risorse, figli di genitori che vivono con apprensione e con pochi mezzi questo distacco. L’appello lanciato in questi giorni da tanti, non può essere sottovalutato diamo una soluzione ai nostri conterranei. Diamo loro modo di tornare con buon senso, ma non aspettiamo che passi l’emergenza per ricordarci di questi ragazzi corretti, ragazzi che non hanno deciso di scappare al sud ma che vogliono sentirsi al sicuro in Calabria nelle loro case e con le loro famiglie”.

Corbelli alla presidente Santelli: “Giusto e doveroso farli rientrare”

Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, ha chiesto alla Presidente della Regione, Jole Santelli, di “affrontare subito, adesso che, come dimostrano i dati quotidiani, l’emergenza coronavirus in Calabria, per fortuna, sta per essere superata, il problema del rientro dei nostri giovani e dei tanti lavoratori che, con grande senso di responsabilità e sacrifici personali, sono rimasti al Nord, non hanno preso d’assalto i treni, nelle sciagurate e folli nottate dei grandi rientri, e che giustamente adesso chiedono di poter ritornare nella loro regione e nelle loro case”. Corbelli informa che Diritti Civili continua a ricevere numerose richieste di aiuto da parte di genitori, ragazzi e lavoratori rimasti bloccati al Nord. “Basta leggere alcuni di questi dignitosi messaggi per capire la loro sofferenza e, in alcuni casi, il loro dramma” afferma Corbelli.

La lettera di un papà a Corbelli

“Sono uno dei tanti papà che hanno i figli bloccati al Nord colpevoli di aver rispettato le leggi e osservato quanto impartito dagli esperti sanitari. Ora molti di loro hanno serie difficoltà. Possiamo contare sull’aiuto di Diritti Civili? Grazie. Da Torino una signora mi manda questo messaggio: Le scrivo dal monolocale angusto di Torino dove sono rinchiusa dal 24 febbraio pur avendo al residenza e domicilio in Calabria… E tanti altri messaggi più o meno sullo stesso tenore. Ho segnalato subito questo urgente problema alla nostra Governatrice che sono certo farà tutto il possibile per dare una risposta immediata a queste legittime e sacrosante richieste e alla soluzione di questo problema” continua Corbelli.

“Questi ragazzi e lavoratori/ci vanno fatti subito rientrare, è giusto e doveroso farlo, perché ne hanno tutto il diritto, perché possono farlo oggi sotto controllo e in condizione di assoluta sicurezza. E anche come giusto riconoscimento al loro comportamento esemplare e responsabile. Sarebbe un cattivo segnale se queste giuste richieste venissero disattese. Per questo bisogna fare di tutto per esaudirle il più presto possibile. Il Governo nazionale deve supportare la Regione Calabria per organizzare immediatamente questi rientri dei nostri giovani e lavoratori e non lasciarli più in regioni del Nord dove purtroppo anche, e forse soprattutto (come Diritti Civili, che non appartiene certo al mondo degli scienziati, ha sostenuto sin dall’inizio e che oggi dicono autorevolmente anche tanti scienziati), per colpa dell’inquinamento e delle polveri sottili(record d’Europa quelli presenti in Val Padana) il coronavirus ha dilagato con quella forza devastante. Non è un caso infatti se la Calabria è stata tutto sommato toccata solo marginalmente dal virus. Il clima particolare, l’ambiente pulito, la mancanza di inquinamento e di polveri sottili, le misure adottate e il comportamento dei calabresi spiegano perché la Calabria e il Sud sono stati di fatto toccati assai marginalmente dal coronavirus. La Calabria, sono, sin dall’inizio di questa terribile epidemia, fortemente convinto di questo, ha un forte alleato naturale contro il coronavirus ed è la sua natura pulita, incontaminata e salutare. E’ giusto anche per questo che oggi, in questo momento per loro difficile e ancora a rischio al Nord, i nostri ragazzi ritornino nella loro terra”.

Calabria

Ricerca: torna in Calabria Roberto Crea, dirigerà il “Renato Dulbecco Institute”

Scienziato di fama mondiale, Roberto Crea, è considerato il padre delle biotecnologie. Tornerà in Calabria per dirigere il Renato Dulbecco Institute dopo aver trascorso 40 anni in California

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

LAMEZIA TERME – Reggino di nascita, Roberto Crea andrà incontrerà Giuseppe Nisticò, commissario dell’Istituto che porterterà il nome del premio Nobel per la medicina nato a Catanzaro per visitare con il presidente della Regione Nino Spirlì e l’assessore all’Agricoltura Giancarlo Gallo i locali della Fondazione Terina e conoscere lo stato dell’arte del progetto esecutivo per la realizzazione dei laboratori del nascente Renato Dulbecco Institute.

Si tratta di un centro di eccellenza scientifica a respiro internazionale per lo studio e la produzione di nanoanticorpi – detti anche pronectine – in grado di debellare il covid e le sue varianti, nonché forme di cancro resistenti alle terapie attuali. Dopo 40 anni di successi internazionali, Roberto Crea, che ha conquistato oltre 100 brevetti scientifici, ritorna nella sua Calabria per dare un contributo con la sua eccezionale esperienza al progresso scientifico, tecnologico e sociale della regione, ricca di risorse umane e del territorio ma troppo spesso trascurata e dimenticata.

«Si tratta – ha dichiarato all’Agi Nisticò – di un centro di eccellenza scientifica a respiro internazionale per lo studio e la produzione di nanoanticorpi (detti anche pronectine) in grado di debellare il Covid e le sue varianti, nonché forme di cancro resistenti alle terapie attuali. Dopo 40 anni di successi internazionali (è detentore di oltre 100 brevetti scientifici), Roberto Crea ritorna nella sua terra per dare un contributo con la sua eccezionale esperienza al progresso scientifico, tecnologico e sociale della Calabria. Una regione ricca di risorse umane e del territorio, però da sempre trascurata e dimenticata».

La struttura di Lamezia Terme «darà a centinaia di ricercatori delle Università di Cosenza e di Catanzaro, di poter crescere, formarsi e lavorare nella propria terra su progetti di biotecnologia che il mondo intero vorrà adottare nella lotta alle pandemie e alle patologie ancora incurabili. Il prof. Crea – continua Nisticò – è il simbolo, il modello del cosiddetto “rientro” dei cervelli italiani in patria: un emigrato partito 40 anni fa in cerca di lavoro e che ritorna, forte della sua esperienza e della sua professionalità, a dare il proprio contributo al Paese e, soprattutto, alla sua Calabria».

 

Continua a leggere

Calabria

Regionali: al via la campagna elettorale di Occhiuto con Salvini, Tajani e Meloni

Al via ufficialmente martedì la campagna elettorale a sostegno del candidato Roberto Occhiuto con i ‘big’ del centrodestra

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – Si apre martedì in Calabria la campagna elettorale del candidato del centrodestra in Calabria per le prossime regionali con una convention al T-Hotel di Lamezia Terme in programma alle 11. La coalizione presenterà in conferenza stampa, il candidato alla presidenza della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, e il candidato indicato per la vice presidenza, Nino Spirlì.

All’incontro con i giornalisti parteciperanno i leader di Forza Italia, Lega e Fratelli Italia, Antonio Tajani, Matteo Salvini e Giorgia Meloni (in collegamento via Zoom), e la responsabile azzurra per i rapporti con gli alleati, Licia Ronzulli. Saranno, inoltre, presenti i coordinatori regionali dei tre partiti, Giuseppe Mangialavori (Forza Italia), Giacomo Francesco Saccomanno (Lega), e Wanda Ferro (Fratelli d’Italia), ed esponenti delle altre formazioni politiche del centrodestra: Udc, Noi con l’Italia e Coraggio Italia.

 

Continua a leggere

Calabria

Anziano disperso ritrovato in fondo ad una scarpata. La gioia dei soccorritori

VIDEO – È stato ritrovato e affidato ai sanitari del 118, l’83enne del quale si erano perse le tracce da venerdì quando era uscito di casa per gettare i rifiuti

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO –  E’ stato affidato al personale del 118 giunto sul posto con un’ambulanza dopo il ritrovamento stamattina intorno alle 10.15 da parte di una squadra dei vigili del fuoco Cesarino Pristerà di 83 anni scomparso da Catanzaro da venerdì. L’uomo era uscito di casa per buttare la spazzatura e di lui si erano perse le tracce. Subito erano partite le ricerche dei vigili del fuoco e del Soccorso Alpino Calabria. L’uomo sta bane e al momento del ritrovamento ha anche risposto alle domande dei soccorritori che dopo averlo raggiunto gli hanno prestato le prime cure. L’anziano è stato notato in fondo ad una scarpata in una zona impervia a monte della Statale 280 e della galleria Sansinato, area nella quale da ieri si erano concentrate le ricerche.

Continua a leggere

Di tendenza