Uccise la compagna: condanna ridotta

COSENZA – Abbuono di Stato. A Nicola Sorgato, reo confesso dell’omicidio di Tiziana Falbo, la compagna con cui viveva a Montalto

e che uccise una domenica di novembre di un anno fa, i giudici della Corte d’Appello di Catanzaro, hanno deciso di fare un regalo: abbonandogli sei anni di quella condanna (a sedici) per omicidio volontario, rimediata in primo grado. Per i giudici di Catanzaro, dieci anni, sono sufficienti. Una sentenza che ha lasciato esterefatti i familiari della 37enne che, tra dolore ed incredulità, si sono chiesti ieri alla lettura della sentenza e si chiederanno ancora per molto, com’è possibile concedere uno sconto di pena a chi s’è preso il diritto di eliminare dal mondo qualcuno. E non un qualcuno a caso, ma quella donna con cui il 50enne di Padova aveva deciso di vivere insieme. Per i giudici d’Appello, quelle attenuanti generiche avanzate dall’avvocato Maurizio Nucci, legale di fiducia di Sorgato, nei confronti del suo assistito sono state ritenute convincenti. L’omicidio della 37enne, descritta da tutti come una persona solare, allegra, determinata, matura in un contesto familiare e psicologico particolare. Sorgato, infatti, quella maledetta domenica, così com’era capitato altre volte, aveva violentemente litigato con la sua compagna. I motivi dei litigi erano sempre gli stessi: gelosia, rimbrotti comportamentali, ma soprattutto quello stato “inerme” in cui Sorgato viveva, all’indomani della perdita del posto di lavoro e che mandata su tutte le furie la 37enne. Un mix esplosivo di rabbia, insoddisfazione, frustrazione covato da tempo e che è deflagrato nel peggiore dei modi. Il 50enne, infatti, nel corso della lite, afferrò la compagna per il collo, stringendole le mani così forti intorno alla gola da toglierle il respiro. Poi le avrebbe infilato un cacciavite in bocca, finendo per far soffocare la donna con il suo stesso sangue. Compiuto il delitto, il 50enne salì in auto e cominciò a macinare chilometri su chilometri. Il piede pigiato forte sull’acceleratore, quasi con la voglia di allontanarsi il più possibile dalla scena del crimine, Viaggiò per ore ed ore, fino a quando non decise di fermare la sua corsa in Emilia, precisamente a Bologna, quando gli agenti della stradale di Bologna gli intimarono l’alt. Ai poliziotti dichiarò di aver ucciso la sua compagna, ricostruendo la dinamica del delitto, per così dire d’impeto, e fornendo anche un movente per giustificare il fatto di sangue. Un omicidio che i giudici della Corte d’Assise ricostruirono sulla base delle valutazioni del consulente Marco Marchetti che, incaricato dalla Corte d’Assise di effettuare una perizia sull’imputato, parlò di una dinamica intensamente conflittuale tra Sorgato e la sua vittima, con minacce di abbandono da parte di lei e con derisione, sempre da parte di lei, del ruolo maschile del 50enne. Insomma questa condizione sarebbe stata la causa scatenante di quell’omicidio brutale, violento, cieco. Un delitto che, come detto, Sorgato pagherà con dieci anni di carcere. Forse le sue attenuanti generiche meritano più attenzione di una vita cancellata.

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Landini-e-Occhiuto

Calabria, terra fragile. Occhiuto: «stiamo tentando di far restare i giovani calabresi, processo lungo»

LAMEZIA TERME (CZ) - "In questa regione abbiamo un precariato straordinario. Un precariato per la verità che non ho creato io, perché il mio...
studenti-aula-lezione-unica

Unical: al via l’ammissione anticipata ai corsi di laurea per 4mila studenti

RENDE (CS) - È stato pubblicato il bando per l’ammissione anticipata ai corsi di laurea triennale e a ciclo unico (quinquennale) dell’Università della Calabria...
posto blocco guardia di finanza

Sequestrati oltre 11 mila prodotti non sicuri: articoli destinati anche a minori

SELLIA MARINA (CZ) - Oltre 11.000 articoli non sicuri e privi delle indicazioni di provenienza e delle caratteristiche informative minime relative alla loro composizione...

Derby, Associazione nazionale funzionari polizia: “deliberato attacco, colpito alla testa dirigente”

COSENZA - " Ieri sera, al termine della disputa calcistica Cosenza-Catanzaro si sono registrati disordini, ed in particolare i tifosi del Catanzaro si sono...
vincenzo chindamo sabrina garofalo

“Donne, violenza e ‘ndrangheta”, a Rende il fratello di Maria Chindamo «siamo qui per...

RENDE - Lea Garofalo, Simona Napoli, Maria Concetta Cacciola, Giuseppina Pesce, Denise Cosco, Barbara Corvi e Maria Chindamo. Donne che hanno provato ad alzare...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Cosenza, per la strage di Via Popilia in appello confermati due...

La Corte d’Assise d’Appello ha parzialmente riformato la sentenza della Corte di Assise ai presunti autori del duplice omicidio Tucci-Chiodo

Cosenza, all’Annunziata l’obesità “si cura” con i robot

Il commissario Filippelli: "Da PNRR forte aggiornamento tecnologico per l'Azienda sanitaria"

Baby rapinatori, minorenne affidato a comunità

Assicurato alla giustizia l'ultimo componente del gruppo di minorenni, accusati di rapina, violenza e lesioni

Deteneva 15 cani in pessime condizioni, denunciata

Cani tenuti in pessime condizioni e alcuni anche malati. I carabinieri hanno denunciato una donna e sequestrato gli animali

“Povero Parco Robinson, come sei ridotto. Le ultime paperelle agonizzanti in...

La Federazione Riformista di Rende all'attacco sulla situazione di degrado in cui versa soprattutto il laghetto del Parco Robinson

Città unica Cosenza-Rende-Montalto: Strazzulli (FdI) “va realizzata al più presto”

"I passaggi importanti sono: un referendum consultivo, delibere dei consigli comunali e una legge che prepari a questa procedura"