Falsi esami all’università, prescritti tutti i reati

Il giudice ha accolto la richiesta avanzata dal pubblico ministero. L’ipotesi era di corruzione e falso a carico quattro dipendenti dell’Ateneo, due docenti e diversi studenti

 

CATANZARO – L’inchiesta scaturita nel 2007 dalla denuncia di un docente, che aveva portato la procura ad ad aprire un fascicolo d’indagine sui presunti esami falsi all’università Magna Grecia di Catanzaro, si è conclusa con la prescrizione di tutti i reati. Il giudice ha accolto la richiesta avanzata dal pubblico ministero. L’ipotesi era di corruzione e falso a carico di quattro dipendenti dell’Ateneo, due docenti e diversi studenti. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, infatti, nell’ateneo catanzarese numerosi studenti non avrebbero mai sostenuto gli esami bypassati attraverso un sistema che consentiva di apporre firme false sui documenti universitari.