"Sette note", spacciavano cocaina anche in comunità. Il coraggio di una madre (NOMI) - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Cosenza

“Sette note”, spacciavano cocaina anche in comunità. Il coraggio di una madre (NOMI)

Avatar

Pubblicato

il

Costretta a subire le vessazioni e le richieste di denaro del figlio per l’acquisto della cocaina e nel frattempo quelle degli spacciatori ai quali doveva circa 2.000 euro.

 

COSENZA – Ancora una madre coraggio che è riuscita, grazie alla sua denuncia a far arrestare spacciatori di cocaina e marijuana. Le ordinanze in carcere sono state emesse per Dimitri Bruno di 30 anni, Maria De Rose, di 48 anni e Riccardo Gaglianese di 25 anni. Le ordinanze agli arresti domiciliari hanno riguardato Giuseppe Cristaldi di 37 anni e Marcello Bennardo di 53 anni, Manuel Esposito, ventiquattrenne. L’obbligo alla presentazione alla Polizia giudiziaria è stato emesso nei confronti di C.Q. di 26 anni. Una persona è irreperibile M.C.

I dettagli dell’indagine

Agli otto indagati, vengono contestati numerosi episodi di cessione di sostanza stupefacente (trenta i casi contestati) in particolare cocaina e marijuana. E sono state le dichiarazioni rese dalla donna alla Polizia Giudiziaria che, tra notevoli difficoltà, in quanto terrorizzata dal timore di incorrere in ritorsioni da parte dei fornitori della droga al figlio, ha raccontato tutta la sua difficile storia e permesso agli inquirenti di ottenere un quadro più ampio e circostanziato della vicenda.

La donna infatti, per evitare al figlio ritorsioni da parte di coloro che gli cedevano la droga e che nel frattempo si erano tramutati in feroci aguzzini, si era fatta carico di debiti contratti dal figlio per importi considerevoli, 2.000 euro -, subendo però, gli avvertimenti di Dimitri Bruno e della mamma, Maria De Rose nonchè del giovane Q.C., che l’avevano pesantemente minacciata qualora non avesse provveduto a saldarli. Pertanto, a partire dal mese di luglio dello scorso anno, in più tranche, la donna si era vista costretta a versare ai “creditori” del figlio la somma di denaro per i debiti contratti per l’acquisto della droga.

Le dichiarazioni rese dalla donna, sono state inoltre corroborate da quelle dell’amministratore di sostegno del giovane tossicodipendente che, analogamente, aveva ricevuto minacce e richieste spropositate di denaro dallo stesso giovane, per potere acquistare la cocaina che aveva provveduto a denunciare e da cui era scaturito altro procedimento penale. Le indagini, svolte nell’arco di quasi un anno dalla prima denuncia, si sono sviluppate secondo i consueti canoni investigativi: intercettazioni telefoniche ed ambientali, pedinamenti e appostamenti che hanno permesso, in taluni casi, di riscontrare l’attività di spaccio posta in essere dagli indagati. Complessa è stata l’attività investigativa della Polizia Giudiziaria che ha dovuto svolgere parte delle indagini in contesti ambientali difficili come nel quartiere di San Vito, diventata piazza di “spaccio” .

La cocaina arrivava anche in comunità

Per sottolineare ulteriormente la pericolosità degli indagati – precisano gli inquirenti – uno di loro, Dimitri Bruno, aveva trovato anche il modo di fare arrivare la “cocaina” all’interno della struttura sanitaria dove il giovane tossicodipendente si trovava sottoposto alla misura di sicurezza della libertà vigilata e ricoverato in “doppia diagnosi” – si tratta di un regime di ricovero per pazienti affetti da disturbi psichiatrici dovuti all’abuso di sostanze stupefacenti. E questo sarebbe stato possibile grazie a Giuseppe Cristaldi, in quanto addetto alla manutenzione della struttura sanitaria. In virtù del rapporto professionale precedentemente instaurato, aveva ampia possibilità di movimento all’interno della struttura stessa.

In cinque occasioni, una delle quali con riscontro immediato e sequestro di droga, sono stati documentati episodi di cessioni avvenutiall’interno della struttura. A seguito dell’ampio quadro probatorio, positivamente valutato dal GIP, sono state accolte le richieste Pm, che ha contestato agli indagati le accuse. L’operazione è stata convenzionalmente denominata “Sette note”, prendendo spunto dalla residenza della principale indagata, Maria De Rose, nei pressi del teatro di tradizione cosentino.

Spagnuolo: “uno spaccato delicato e difficile”

“Il figlio era un assuntore e dialogava con queste persone. Ma è uno spaccato complicato – spiega il Procuratore di Cosenza, il dott. Mario Spagnuolo –  difficile, una situazione che desta allarme. Non è la prima indagine che nasce a seguito di una denuncia di una mamma. Giovanissimi assuntori che si trasformano poi in spacciatori e che diffondono droga sul territorio e non hanno remore ad entrare in luoghi di cura per la tossicodipendenza e rifornire i loro cliente. La Procura sta facendo tante indagini ma il problema è molto più complesso, di prevenzione, sociale…”.

“La figura della madre ha avuto un ruolo importante – ha spiegato invece la d.ssa Marisa Manzini, sostituto procuratore di Cosenza – perchè dopo essere stata soggetta a minacce e intimidazioni da parte del figlio, ha deciso di denunciarlo per cercare di fare un’ampio squarcio in quella che vedeva in verità il figlio, vittima della situazione perchè assoggettato alla droga. La caratteristica di questo territorio è che gli assuntori sono giovani e questo deve far alzare il livello di attenzione di tutte le istituzioni”.

 

LEGGI ANCHE:

Spaccio di droga ed estorsioni in città, 8 misure cautelari. A denunciare una ‘madre coraggio’ – VIDEO

Cosenza

Al via le celebrazioni per il 210° anniversario della Camera di Commercio

Il Presidente Klaus Algieri riceve dalle mani del Prefetto il Decreto a firma Draghi e Mattarella che riconosce ufficialmente lo Stemma storico dell’Ente del 1812

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Nella Sala “Petraglia” della Camera di Commercio di Cosenza, si sono svolte le celebrazioni dei 210 anni dell’Ente camerale, nel corso del primo Consiglio del 2022. Un Consiglio tenutosi in forma aperta, dove oltre al Prefetto di Cosenza, Vittoria Ciaramella, hanno partecipato numerosi rappresentati istituzionali comunali, provinciali e regionali. In rappresentanza del Cerimoniale di Stato e per le onorificenze della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Capo Ufficio Vicario, Enrico Passaro, e lo Storico Araldista, Rita Raffaella Russo. il Prefetto di Cosenza, Vittoria Ciaramella, ha consegnato poi ufficialmente al Presidente Klaus Algieri lo Stemma e il Gonfalone raffiguranti l’emblema storico della Camera di Commercio di Cosenza, concessi con Decreto del Presidente della Repubblica del 22 aprile 2021. Con l’occasione è stata scoperta la targa dei Presidenti della Camera di Commercio ed è stato sottoscritto il protocollo tra il presidente dell’Ente camerale Klaus Algieri e il Presidente del Tribunale di Cosenza, Maria Luisa Mingrone, in materia di Risoluzione alternativa delle controversie.

Continua a leggere

Cosenza

Rimossi gli spartitraffico in Piazza Bilotti. Caruso: “Strada percorribile e senza ingorgo”

Caruso: “Ripristinare in questa zona il senso unico non significa, incrementare l’uso delle auto, bensì evitare quell’ ingorgo costante che si creava con la circolazione a doppio senso “

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Proseguono i provvedimenti dell’amministrazione comunale di Cosenza in materia di viabilità. Infatti dopo la dopo la regolamentazione della ZTL di via Piave e via Isonzo e dopo la riapertura di via Roma, con la rimozione degli spartitraffico in Piazza Bilotti, si ritorna al senso unico di circolazione. Con questa ulteriore decisione, il piano di viabilità previsto dall’amministrazione comunale del sindaco Caruso, comincia a prender ulteriormente forma. “Questo provvedimento ha dato risposte adeguate alle necessità dei cittadini”. Ha dichiarato il sindaco. “Siamo stati eletti per questo motivo ed è quello che faremo, dando concretezza agli impegni assunti, che per quanto mi riguarda non rimarranno mai inevasi. Il nostro obiettivo sulla viabilità è quello di ritornare alla normalità di strade percorribili e sicure, senza rinunciare alla sostenibilità. Ripristinare in questa zona il senso unico non significa, infatti, incrementare l’uso delle auto, bensì evitare quell’ ingorgo costante che si creava con la circolazione a doppio senso e che provocava inquinamento acustico ed ambientale. Questa è la circolazione che dobbiamo creare in tutta la città per cui bisogna ora procedere con gli altri interventi già in cantiere ed attuare un serio Piano urbano del traffico”.

Continua a leggere

Cosenza

Presentata l’edizione cosentina 2022 di “Fatti di Musica”. Quattro i concerti previsti

Si partirà il 2 agosto dal Teatro dei Ruderi di Cirella in Diamante, con il concerto-evento di Riccardo Cocciante con l’Orchestra diretta dal Maestro Leonardo De Amicis della Rai

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

La trentaseiesima edizione dell’importante evento musicale, “Fatti di Musica”, anche quest’anno vedrà la partecipazione di prestigiosi artisti. Sono 4 gli eventi che si svolgeranno nella provincia di Cosenza, come ha sottolineato il suo ideatore, Ruggero Pegna. Si partirà il 2 agosto dal Teatro dei Ruderi di Cirella in Diamante, con il concerto-evento di Riccardo Cocciante con l’Orchestra diretta dal Maestro Leonardo De Amicis della Rai. Cocciante si esibirà soltanto in otto prestigiose location italiane, fra le quali appunto quella ricca di storia e suggestioni naturali del sito di Diamante. L’8 agosto sarà invece la volta del live di Franco 126 che è fra i cantautori più amati della musica italiana. Il 12 agosto,  l’Anfiteatro romano di Acri  ospiterà, l’unica tappa in Calabria del Summer Tour 2022 di RKOMI. Il 20 agosto infine si ritorna ai Ruderi di Cirella con Irama, protagonista all’ultimo Festival di Sanremo. L’evento è patrocinato dalla Provincia di Cosenza.

Continua a leggere

Di tendenza