“Chi inquina paga”, da oggi chi violenta l’ambiente se ne assume le responsabilità (VIDEO)

Responsabilità ambientale: sì da Strasburgo al testo dell’eurodeputata Ferrara per ampliare e rafforzare la disciplina per la prevenzione e la riparazione del danno ambientale.

- Pubblicità Clikio single-

 

BRUXELLES – “Il concetto del ‘Chi inquina, paga’, da oggi, diventa più reale e possibile. E a beneficiarne sono tutti i cittadini europei, che potranno vedersi riconosciuto il diritto a vivere in luoghi più tutelati, dove chi violenta l’ambiente viene chiamato ad assumersene le responsabilità e a risponderne“. Questo il commento dell’eurodeputata del Movimento 5 Stelle, Laura Ferrara, vicepresidente della commissione giuridica (JURI) del Parlamento Europeo, al voto favorevole che la commissione Juri ha dato a Strasburgo, alla sua relazione per implementare e rafforzare l’efficacia della direttiva europea sulla responsabilità ambientale. Ora, la palla passa alla seduta plenaria del Parlamento Europeo che potrebbe votare il testo definitivo già nella settimana dal 23 al 26 ottobre. “Si è trattato di un grande lavoro di studio e di ascolto di cittadini ed esperti – ha sottolineato Ferrara – e su questo lavoro mi sono basata per scrivere la mia relazione sull’attuazione della direttiva europea sulla responsabilità ambientale in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale. Il mio e nostro scopo era quello di rendere più efficace la disciplina comune per la prevenzione e la riparazione del danno ambientale, così che abbia costi ragionevoli per la società e che si basi sul principio del ‘chi inquina paga’“. 

 

 
La proposta Ferrara intende da un lato estendere all’inquinamento atmosferico la nozione di danno ambientale, ora circoscritto alle specie, agli habitat naturali protetti, alle acque e al terreno; dall’altro fare in modo che il danno ambientale tenga conto dei nuovi e sempre maggiori fattori inquinanti causati da attività industriali e di come questi influiscono sull’organismo umano. Uno spettro ben più ampio di quello attuale, quindi, che permetterebbe di garantire il controllo dell’ambiente a 360 gradi. Ma non solo. La relazione propone sia l’obbligatorietà degli strumenti di garanzia finanziaria, come le assicurazioni a carico degli operatori, sia la creazione di un Fondo europeo per la protezione dell’ambiente dai danni causati dall’attività industriale al fine di garantire la reale copertura dei costi di risanamento. Inoltre, viene istituito un registro per gli operatori che svolgono attività pericolose e un sistema di monitoraggio finanziario per assicurare che gli operatori siano solvibili, così da evitare che, come spesso accade, gli inquinatori, una volta causato il disastro, dichiarino fallimento ed evitino di risarcire il danno causato, situazioni purtroppo frequenti soprattutto in Calabria.Ma il testo non prevede solo un inasprimento del comportamento verso chi inquina.

Responsabilità ambientale

Viene stabilito, infatti, che la Commissione Europea migliori il suo programma di formazione degli amministratori locali, anch’esso uno dei problemi maggiormente riscontrati in Calabria, così da arrivare ad una omogeneità dell’applicazione delle regole comunitarie. Inoltre, vengono messi in cantiere sistemi di premialità come “sgravi fiscali o altre iniziative per le aziende che si impegnano con successo nella prevenzione dei danni ambientali. Questo perché – continua l’europarlamentare calabrese – ogni sforzo in questa direzione sarà una sicura garanzia per l’integrità dell’ambiente“.”Dall’ex area Legnochimica di Rende alle aree industriali di Crotone e Cassano, alle diverse discariche abbandonate, sono innumerevoli gli esempi di danni ambientale nella nostra regione, così come non si contano i danni non riparati anche e soprattutto alla salute delle persone. L’approvazione di tale relazione – conclude la Ferrara- rappresenta dunque uno step fondamentale per dare finalmente la giusta concretezza al principio “chi inquina paga” ed alla tutela ambientale”

- Pubblicità sky-

Correlati

Volo d’urgenza dalla Calabria per salvare un 44enne in pericolo di vita

ROMA -  Si è concluso nel primo pomeriggio il volo salva-vita effettuato da un velivolo Falcon 50 del 31° Stormo dell’Aeronautica Militare, decollato dall’aeroporto...

In Calabria medici del 118 esclusi dai ‘ristori covid’: cresce la rabbia

COSENZA - Per Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti-Fismu l'esclusione dai ristori covid dei sanitari del 118, nella Regione Calabria, è inaccettabile dal punto di...

Auditorium Calipari, chiusa l’inchiesta sul crollo del tetto. Ci sono 15 indagati

REGGIO CALABRIA - La Procura della Repubblica di Reggio Calabria ha chiuso l'inchiesta sul crollo del tetto dell'auditorium "Nicola Calipari" al Consiglio regionale della...

Sisma devastante in Turchia e Siria, cordoglio di Occhiuto «nessuna conseguenza per Calabria»

CATANARO - Il presidente della Regione ha espresso "cordoglio per le vittime del catastrofico terremoto che ha colpito Turchia e Siria, e vicinanza a...
- Pubblicità -
- Pubblicità adsense 1-

Ultimi Articoli

Il procuratore Spagnuolo lancia l’allarme: «è emergenza droga a Cosenza»

COSENZA - "La droga e la sua diffusione tra i giovani, e non solo, è la prima emergenza che c'è a Cosenza". Lo ha...

Volo d’urgenza dalla Calabria per salvare un 44enne in pericolo di vita

ROMA -  Si è concluso nel primo pomeriggio il volo salva-vita effettuato da un velivolo Falcon 50 del 31° Stormo dell’Aeronautica Militare, decollato dall’aeroporto...

Cosenza, in arrivo 4 finanziamenti di oltre 2milioni per le politiche sociali

COSENZA - "Abbiamo ottenuto 4 nuovi importanti finanziamenti, per un importo complessivo pari a circa 2milioni e 700mila euro, dal PNRR per progetti a...

In Calabria medici del 118 esclusi dai ‘ristori covid’: cresce la rabbia

COSENZA - Per Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti-Fismu l'esclusione dai ristori covid dei sanitari del 118, nella Regione Calabria, è inaccettabile dal punto di...

Montalto Uffugo, ristrutturato un edificio destinato alle associazioni di volontariato

MONTALTO UFFUGO - A Santa Maria La Castagna di Montalto Uffugo, un vecchio edificio scolastico in disuso è stato riefficientato dall’amministrazione comunale guidata dal...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti
- Pubblicità Cickio sidebar-
- Pubblicità adsense 2-

Categorie

Leggi ancora

Meteo Cosenza, sabato instabile con piogge sparse. Ma carnevale sarà bello...

Una perturbazione nord Atlantica scivolerà velocemente verso sud, provocando per oggi rovesci sparsi un pò ovunque. Ma domenica si rafforzerà nuovamente l'anticiclone che garantirà...

Primarie PD 2019 si vota domani. Gazebo, liste e candidati nei...

Le elezioni primarie del Partito Democratico per la scelta del segretario a dell'assemblea nazionale. Seggi aperti domani 3 marzo 2019, dalle 8:00 alle 20:00....

Multe auto dal Comune? Ecco cosa fare per annullare verbali e...

Qualora il destinatario della sanzione non riceva la notifica del verbale di accertamento dell’infrazione dall'Amministrazione, la multa e l'eventuale cartella esattoriale non sono più...

Cosenza, fanno pipì nelle fontane di via Arabia. Si costituiscono e...

La foto del gesto, compiuta da due ragazzi e pubblicata sui social network, aveva fatto il giro della città. I due, dopo essersi presentati...

Ecotassa 2019: da domani stangate le auto inquinanti. I modelli e...

La norma sarà regolata da un sistema di bonus-malus che premia chi acquista vetture meno inquinanti e tassa le auto che rilasciano anidride carbonica superiore...

Baraccopoli di San Ferdinando. Il Sindaco firma l’ordinanza di sgombero

Dopo l'annuncio del Ministro Salvini, il primo cittadino Andrea Tripodi, ha firmato l'ordinanza per lo smantellamento della baraccopoli e l'immediato sgombero dell'area   SAN FERDINANDO (RC)...