Elezioni studentesche all’Unical, studentessa segnala irregolarità fuori dai seggi

Una studentessa dell'UniCal ha scritto alla nostra redazione per segnalare quelli che ritiene degli 'illeciti' nel corso delle elezioni studentesche in corso nell'ateneo

RENDE – “Sono una studentessa dell’UniCal. Da oggi sono iniziate le elezioni studentesche, e vorrei segnalare il clima di totale illegalità nel quale si stanno svolgendo”. Inizia così la missiva trasmessa alla nostra redazione e corredata da alcune foto di ragazzi che – secondo quanto racconta – compilano fac-simile elettorali sul muro del seggio.

“Candidati di diverse liste, una in particolare, nota a tutti e tutte per essere la lista appoggiata dal rettore e dalla governance, forniscono ai candidati fac-simile con i loro nomi nei pressi dei seggi, dando palesi indicazioni di voto. Si vedono sin dal primo momento studenti entrare nei seggi con i fac-simile in mano oppure candidati con mazzi di fac-simile di fronte alle porte dei seggi e i presidenti di seggio, consapevoli perfettamente di tutto ciò, non intervengono minimamente. Anzi, gli studenti e le studentesse che hanno provato, a più riprese, a segnalare ciò che sta accadendo in diversi seggi, non sono stati per nulla presi in considerazione, le loro segnalazioni sono state ignorate o ritenute poco rilevanti”.

“I candidati e gli appartenenti alle varie associazioni studentesche, che fondamentalmente sono i componenti delle liste – scrive ancora la studentessa – si rivolgono gli studenti che vogliono segnalare quanto accade, dicendo che ‘bisogna stare tranquilli e calmi e che non c’è bisogno di litigare‘. Lo fanno perché sperano di ammazzare la volontà di chi ritiene che le elezioni devano svolgersi secondo le norme, timorosi – a parer mio – anche del fatto che le loro azioni si sappiano al di fuori dell’università”.

“Fortunatamente c’è ancora una minima parte di componente studentesca che ha una determinata idea di rappresentanza, che di certo cozza con quella di chi vede le elezioni studentesche come un trampolino di lancio per entrare nel mondo becero della politica clientelare al quale assistiamo in Italia ormai da anni, e che pretendono che le elezioni, in quanto momento fondamentale di democrazia all’interno di un ateneo, vengano svolte rispettando dei minimi principi di legalità”.

“Il voto, in quanto principale diritto politico di ogni persona, deve essere assolutamente libero e consapevole: vedo invece che si invita quasi a votare inconsapevolmente, sulla base di questo o quel favore promesso, e ritengo fondamentale che si apra un dibattito sul valore della rappresentanza e sulla democraticità all’interno dell’ateneo. Queste pratiche, che comprendono anche una sorta di “minacce” agli studenti del primo anno, che si trovano catapultati in questo mondo senza saperne nulla, lasciamole a quei partiti politici abituati a lucrare sulla vita delle persone e lasciamole fuori da un ambiente come quello universitario, che deve garantire pari opportunità a tutti e tutte, comprendendo dunque rispetto delle norme elettorali”.

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Rende, brucia la discarica a cielo aperto su viale Principe: in fiamme l’ammasso di...

RENDE - Nuovo incendio intorno alle 13, nell'area di viale Principe dove da tempo, è presente una vera e propria discarica di rifiuti a...

Tragico incidente sulla Statale 106 Jonica, muore un giovane di 24 anni

CROPANI (CZ) - Ennesimo incidente stradale sulla Strada Statale 106 jonica. Secondo quanto emerso, nell'impatto che ha visto coinvolte due auto e una motocicletta,...

A Montalto Uffugo bassa l’affluenza alle 12 al ballottaggio: 12,3% degli aventi diritto

MONTALTO UFFUGO (CS) - Si sono regolarmente aperte stamattina le operazioni di voto nei tre comuni della Calabria interessati al turno di ballottaggio per...

“Valli dell’innovazione”: l’Unione europea premia 16 regioni, anche la Calabria

BRUXELLES - Piemonte, Liguria, Lombardia, Abruzzo, Molise, Puglia, Calabria, provincia autonoma di Bolzano e di Trento, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Marche e...

Si Cobas Calabria esulta per le assunzioni a tempo indeterminato della figura di Oss

CATANZARO - Il Si Cobas Calabria rappresentato dai coordinatori regionali Roberto Laudini e Simone Scandale esprime soddisfazione per le assunzioni a tempo indeterminato della...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Rende: revisione toponomastica e cambio di sezione. “Nessuno ci ha avvisato,...

RENDE  - Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione giunta in redazione da parte di alcuni cittadini di Rende, in particolare di Arcavacata, che non hanno...

Cosenza, guarita da un tumore con un delicato intervento di plastica...

COENZA – Riceviamo e pubblichiamo la lettera di una donna residente a Corigliano-Rossano che ha voluto esprimere i suoi ringraziamento al reparto di oculistica dell’Annunziata...

Montalto: concordato ‘Villa Sorriso’, ex lavoratori «abbiamo una dignità, basta rinvii»

MONTALTO UFFUGO (CS) -  "Siamo gli ex lavoratori e le ex lavoratrici di Villa Sorriso S.R.L. e a distanza di due anni dalla richiesta...

Cosenza: il sogno di aprire un ristorante e l’esperienza negativa con...

COSENZA - "Una vicenda che purtroppo mi ha arrecato gravi danni economici". Inizia così la lettera trasmessa alla nostra redazione da parte di una...

Concorso per 2 posti da vigile urbano a Luzzi, partecipanti «grottesco...

A scrivere alla nostra redazione una lunga lettera, alcuni dei candidati al concorso Pubblico per due posti di agente di Polizia municipale LUZZI (CS) -...

“Gruppi Santa Croce di Cosenza” contro il vescovo: «vuole chiudere il...

COSENZA - L'Associazione "Gruppi Santa Croce di Cosenza", tramite il suo presidente Enrico Spadafora, annuncia l'avvio di una raccolta firme per chiedere al Santo...