UNICAL: combattere anoressia e bulimia con l’informazione

ARCAVACATA – Uno studio accurato, sulle problematiche della Bulimia e dell’Anoressia, è stato dato in Calabria dal lavoro sinergico tra Aba e UNICAL. In Calabria sono solo due le strutture che si occupano di queste problematiche contro le 20 della Lombardia.

Gli effetti dei disordini alimentari sono molto pesanti, sia sotto il profilo fisico che quello psicologico. Dal punto di vista fisico, gli effetti della malnutrizione comportano ulcere intestinali e danni permanenti ai tessuti dell’apparato digerente, disidratazione, danneggiamento di gengive e denti, seri danni cardiaci, al fegato e ai reni, problemi al sistema nervoso, con difficoltà di concentrazione e di memorizzazione, danni al sistema osseo, con accresciuta probabilità di fratture e di osteoporosi, blocco della crescita, emorragie interne, ipotermia e ghiandole ingrossate.
Le ripercussioni psicologiche, invece, comportano depressione, basso livello di autostima, senso di vergogna e colpa, difficoltà a mantenere relazioni sociali e familiari, sbalzi di umore, tendenza a comportamenti manichei e maniacali, propensione al perfezionismo.
L’Aba, l’associazione Bulimia e Anorresia, in un incontro a Cosenza ha evidenziato come “ 3 milioni di persone in Italia soffrono di disturbi alimentari. Le fascie d’età più colpite sono l’adolescenza e la giovinezza, 12- 25 anni.”
L’invito è di rivolgersi in maniera seria a specialisti che siano in grado di indirizzare verso il benessere fisico e psichico l’alimentazione.