Sicurezza informatica e intelligenza artificiale, l’Unical seleziona giovani aziende - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Università

Sicurezza informatica e intelligenza artificiale, l’Unical seleziona giovani aziende

L’Ateneo di Arcavacata è tra i partner scelti in tutta Europa per il progetto CyberXcelerator dedicato alle startup del settore

Avatar

Pubblicato

il

ARCAVACATA (CS) – L’Università della Calabria è tra i partner scelti in tutta Europa per il progetto CyberXcelerator, un programma di accelerazione triennale dedicato alle startup che operano nel settore del cybertech e dell’artificial intelligence, sostenuto da investimenti complessivi per 4,5 milioni di euro. Il lancio di questo programma rientra nella strategia della Rete nazionale acceleratori della Cdp Venture Capital Sgr, il fondo nazionale dell’innovazione che opera attraverso fondi di investimento diretti e indiretti a sostegno delle start up. CyberXcelerator sarà gestito da Startup Wise Guys, fra i più attivi acceleratori in Europa, e vede la presenza di Leonardo, tra i principali protagonisti mondiali nel settore dell’aerospazio, difesa e sicurezza, in qualità di main partner e Italgas, come corporate partner. Fanno inoltre parte del programma partner tecnici specializzati come NTT Data, multinazionale con sede principale a Tokyo, che si occupa di system integration, servizi professionali e consulenza strategica facente parte del gruppo Nippon Telegraph and Telephone.

Come candidarsi

Le startup interessate avranno la possibilità di candidarsi al sito www.cyberxcelerator.com, per prendere parte alla selezione del programma, che avrà la durata di 22 settimane e sarà localizzato a Cosenza, negli spazi di NTT Data e in quelli messi a disposizione dall’Università della Calabria, attraverso il suo incubatore TechNest. CyberXcelerator selezionerà 30 startup che intendono aprire una sede in Italia, con la possibilità di accedere a risorse finanziarie e ad un programma di accelerazione con oltre 250 mentori provenienti da tutto il mondo. L’Unical offrirà supporto accademico e scientifico all’iniziativa, in particolare sulle tematiche della cybersecurity e dell’AI, e sarà coinvolta in tutte le iniziative di collaborazione scientifica con le varie azione incubate.

“Occasione per crescere il livello tecnologico”

“Si tratta di una grande opportunità – ha dichiarato il rettore Nicola Leone, scienziato specializzato proprio nel campo dell’AI – per consentire ad aziende del territorio di fare un salto di qualità e proiettarsi su uno scenario globale. Sarebbe straordinario se qualche nostra azienda entrasse nel programma, ma anche che non dovesse essere così, tutte beneficeranno comunque della possibilità di partecipare ad eventi e iniziative, venendo in contatto con una realtà fatta dalle più promettenti aziende europee in tema di cybersecurity e AI. Sarà, dunque, un’occasione unica per accrescere il livello di maturità tecnologica delle nostre aziende e per creare reti e sinergie che possano essere durature nel tempo”.

Nel polo Technest dell’Unical al momento trovano ospitalità 50 spin-off, con circa 180 addetti, per un fatturato di circa 5 milioni di euro.
Il programma di accelerazione è pienamente sinergico all’iniziativa di costituzione di un Polo Europeo per l’Innovazione Digitale sulle tematiche della Cybersecurity e dell’Intelligenza Artificiale che l’Unical sta portando avanti a livello europeo, avendo superato la fase di selezione italiana.
“La scelta della Calabria per questa iniziativa – ha concluso il Rettore – è il risultato della presenza di un forte ecosistema locale dell’innovazione che vede l’Unical come protagonista e che ci vede, sulle tematiche dell’AI, come un riconosciuto punto di riferimento nazionale e internazionale”.

Università

L’Unical svetta al Sud nella valutazione nazionale delle università

Il rapporto Anvur gli attribuisce il voto più alto tra quelli assegnati agli atenei di Calabria, Sicilia e Puglia collocandola nella fascia alta degli atenei italiani

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

ARCAVACATA (CS) – L’Università della Calabria ha superato con valutazione estremamente positiva la verifica dell’Anvur, l’Agenzia nazionale che ha il compito, per conto del ministero, di valutare la qualità delle università italiane e della ricerca. Il rapporto dell’Anvur assegna all’Università della Calabria un giudizio ‘pienamente soddisfacente’ (livello B), collocandola nella fascia alta degli atenei italiani. La relazione diventerà definitiva dopo l’esame delle controdeduzioni dell’ateneo che potrebbe innalzare ulteriormente la valutazione.

Il voto puntuale riportato dall’Unical – 6.73 – è il più alto tra quelli finora assegnati agli atenei di Calabria, Basilicata, Puglia e Sicilia ed è il secondo miglior risultato della Penisola a sud di Roma. A livello nazionale, tra le università che rientrano nella stessa fascia dimensionale dell’Unical (20mila-40mila iscritti), solo Parma ha ottenuto una valutazione superiore al livello B.

La verifica viene condotta da commissioni di esperti di valutazione (Cev) altamente qualificati, attraverso l’esame di una approfondita documentazione, predisposta dagli atenei secondo le linee guida dell’Anvur, e la visita della sede. Si tratta di un processo complesso, che scandaglia ogni settore dell’attività universitaria. L’obiettivo è quello di concedere l’accreditamento alle università e ai corsi di laurea per il quinquennio successivo: una bocciatura comporterebbe la chiusura  dell’ateneo.

«Risultato che appariva irraggiungibile»

«Il programma di valutazione è stato avviato dall’Anvur alla fine del 2014 ed è la prima volta che l’Unical affronta questo importante esame – spiega il rettore Nicola Leone – Sono molto soddisfatto dell’ottimo giudizio espresso dalla commissione. Un risultato di questa portata appariva irraggiungibile a inizio mandato e premia il lavoro svolto quotidianamente con tutta la comunità universitaria. Sono particolarmente orgoglioso del fatto che gli esperti, nella relazione, rimarchino a più riprese il proprio apprezzamento per misure e iniziative volute dalla nuova governance e introdotte in questi primi due anni di attività».

Per l’Unical la procedura di valutazione è iniziata nel mese di marzo, è durata circa 5 mesi e si è conclusa con l’invio, il 7 settembre, della relazione.

L’Unical non solo ha ricevuto l’accreditamento della sede e di tutti i corsi di laurea interessati dalla verifica per il prossimo quinquennio, ma ha ottenuto un giudizio molto lusinghiero.

I punti promossi

Sul piano della didattica viene promossa la recente riforma dell’offerta formativa, con riferimento sia al lavoro di accorpamento e attivazione di corsi innovativi, sia all’aumento di lauree internazionali. Valutato positivamente, tra le iniziative messe in campo dall’attuale Governance, anche il piano di reclutamento dei docenti che punta sull’apertura nazionale e internazionale dell’ateneo e che ha visto la pubblicazione di una prima call. «È apprezzabile la progettualità volta ad implementare la qualificazione scientifica del corpo docente attraverso il reclutamento di docenti di elevato profilo scientifico provenienti da ruoli o da percorsi di ricerca esterni alla sede» rileva la commissione. Si sottolinea anche «l’impulso maggiore che si è avuto con l’insediamento della nuova Governance» per definire strategie adeguate a garantire il miglioramento della qualità per le attività di ricerca e Terza Missione.

In più punti emergono gli sforzi dell’ateneo e l’efficacia delle misure previste dal nuovo piano strategico, a fronte anche del contesto territoriale. «Il territorio e il contesto socio-economico in cui opera l’Ateneo rappresenta un elemento di forte fragilità – si legge in un passaggio – che si ripercuote in modo considerevole sul tasso di occupazione dei laureati, ma la Governance e l’intera comunità accademica è pienamente consapevole di tale situazione e alcune azioni previste dal piano strategico, come la revisione dei percorsi formativi, l’istituzione di comitati d’indirizzo, lo sviluppo delle competenze trasversali, il potenziamento del tirocinio, sono indirizzate al miglioramento di questo rapporto».

La Cev ha espresso inoltre apprezzamento per i servizi dedicati agli studenti e le iniziative connesse al diritto allo studio. «Ottimo è in generale lo stato dei servizi agli studenti, ad esempio per quello che riguarda la situazione degli alloggi e delle mense. Il 65% degli studenti rientra nel diritto allo studio; ciò rispecchia, da un lato, una situazione non rosea dal punto di vista economico, dall’altro mette in evidenza lo sforzo dell’Ateneo per assicurare il diritto allo studio», rilevano gli esperti.

Altri punti di forza segnalati sono il piano di potenziamento tecnologico e infrastrutturale di aule e laboratori, l’impegno su sostenibilità, inclusività e apertura internazionale, il numero di spin-off, la presenza di strutture come Centro sanitario e asilo nido, il «forte senso di appartenenza del personale tecnico-amministrativo» dell’ateneo.

«L’apprezzamento espresso dagli esperti dell’Agenzia nazionale di valutazione, soggetti terzi e altamente qualificati – conclude Leone – ci ripaga dell’impegno profuso e ci induce a proseguire su questo cammino per portare l’Unical verso traguardi sempre più prestigiosi».

Continua a leggere

Università

Nessun disagio da Green Pass all’Unical. In 7 giorni oltre 5mila controlli

Partenza senza scossoni per gli esami in presenza. Il rettore lancia un monito ai docenti No Vax:«sospesi e senza stipendio »

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

ARCAVACATA (CS) – Partenza senza scossoni per gli esami in presenza all’Università della Calabria. L’obbligo di possesso del Green pass è stato gestito senza ripercussioni sull’andamento dell’organizzazione, il tutto in maniera digitale grazie all’app Smart Campus. Si tratta di una piattaforma creata in house che consente di gestire accessi nei locali e verifiche della certificazione verde, senza impegnare i docenti in laboriosi controlli individuali, come invece sta succedendo in altre università italiane creando qualche disagio. Smart Campus era già stato adottato lo scorso anno per la gestione delle presenze nelle aule, contingentate secondo le disposizioni ministeriali, e da qualche settimana ha avuto un upgrade che ha inglobato anche la verifica di validità del Green pass o il possesso di altra certificazione che consente l’accesso in ateneo. L’app funziona sia per gli studenti che per i docenti che, prima di entrare in aula per esami o lezioni, scansionano un Qr code che autorizza o nega l’accesso nei locali. Il docente, poi, sempre sull’app potrà controllare l’elenco nominativo dei presenti in possesso di Green pass.

Docenti senza green pass: «sospensione dopo 5 giorni di assenza»

Il rettore Nicola Leone, inoltre, ricorda che gli atenei sono in attesa della piattaforma ministeriale che consentirà di avere l’elenco puntuale di chi non ha ancora il Green pass. «Nelle more – ribadisce il Rettore – tutti i docenti hanno l’obbligo, alla stregua degli studenti, di effettuare il check-in con SmartCampus, check-in che viene consentito solo in presenza di Green pass». In aggiunta alla procedura dell’app, l’ateneo in questa fase effettua anche controlli a campione. I dati registrati finora sono positivi: tutti i docenti che hanno tenuto esami avevano effettivamente seguito la procedura e possedevano regolarmente la certificazione. Oltre 5mila in 7 giorni sono stati i Green pass già verificati dall’app e attualmente validi. Le verifiche continueranno per tutta la sessione degli esami e poi, da fine mese, per l’inizio dei corsi, che si terranno in presenza, con la trasmissione delle lezioni in streaming per le classi particolarmente numerose.

Anche i docenti firmatari del manifesto contro l’obbligo del certificato verde negli atenei, pur sposando il principio di presunta discriminazione alla base dell’appello, hanno comunque seguito le norme previste dal decreto legge sul possesso della certificazione obbligatoria. In caso contrario, il mancato rispetto dell’obbligo di Green Pass è considerato come assenza ingiustificata e dal quinto giorno è prevista la sospensione dal lavoro e dalla retribuzione.

«La prudenza e la sicurezza dei nostri studenti e del personale sono la nostra bussola, tanto che stiamo andando anche oltre le prescrizioni ministeriali – assicura il rettore Leone –. Nonostante il Governo non lo richieda come vincolo, abbiamo infatti previsto il mantenimento del distanziamento di un metro tra gli studenti e ridotto la capienza delle aule al 50%. Questo per garantire un doppio livello di sicurezza: il Green pass, da un lato, e il distanziamento con uso della mascherina dall’altro».

Massimo rigore nel controllo degli accessi sarà adottato anche per le sedute di laurea che sono tornate in presenza. L’Unical ha infatti previsto che ogni candidato potrà avere un massimo di 5 accompagnatori, provvisti di Green pass. Il possesso di tali requisiti sarà accertato, per i visitatori, da personale appositamente incaricato dal Rettore.

Continua a leggere

Università

All’Unical 3 studenti dall’Afghanistan. Il rettore: “pronti ad accogliere”

Altri 5 hanno presentato domanda di ammissione. Nicola Leone si è detto disponibile a collaborare con l’ambasciata

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Anche l’Università della Calabria ha, tra i suoi iscritti, degli studenti di origine afghana: si tratta di tre giovani, di cui uno in Italia già da diversi anni, ai quali se ne aggiungeranno altri 5 che hanno presentato domanda di ammissione. Il rettore dell’Unical, Nicola Leone, come comunicato all’AGI, ha dato massima disponibilità all’accoglienza anche per i nuovi iscritti e tramite gli uffici universitari è in contatto con l’ambasciata per conoscere la loro situazione attuale.

Continua a leggere

Di tendenza