Vaccini ai docenti e al personale dell'Unical. Inoculate le prime dosi - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Università

Vaccini ai docenti e al personale dell’Unical. Inoculate le prime dosi

Sono stati circa 200 i primi a sottoporsi alla somministrazione. In tutto si stima una platea di 2500 persone interessate nella campagna che proseguirà nei prossimi giorni, nelle tre postazioni allestite.

Avatar

Pubblicato

il

ARCAVACATA (CS) – È partita oggi all’Università della Calabria la campagna di vaccinazione contro il Covid19. Sono stati circa 200 i primi a sottoporsi alla somministrazione della dose del vaccino AstraZeneca, per come previsto dai protocolli sanitari che coinvolgono, in questa fase, il personale delle università, quello delle scuole e le forze dell’ordine. Per i dipendenti esterni abituali (personale delle mense, del servizio manutenzione e pulizie), saranno invece le aziende a comunicare gli elenchi per la vaccinazione, che saranno attentamente verificati prima dell’accettazione. In tutto si stima una platea di 2500 persone interessate.

Le vaccinazioni hanno preso il via questa mattina e andranno avanti presumibilmente per una decina di giorni. La seconda somministrazione, secondo gli attuali protocolli, è prevista nel corso della dodicesima settimana e comunque ad una distanza di almeno dieci settimane dalla prima.

Il rettore tra i primi a ricevere il vaccino

Il rettore Nicola Leone è stato tra i primi a ricevere il vaccino.  “Sin dall’inizio della pandemia – ha dichiarato – l’Unical ha messo in campo tutte le forze necessarie per la prevenzione e il contrasto del Covid-19. Oggi, grazie al vaccino, intravediamo una luce di speranza che potrà portarci fuori da mesi di emergenza, costretti ad attivare a distanza tutte quelle attività che facevano parte della nostra quotidianità.  Anche in questo caso, l’Unical si è resa protagonista attiva, con l’avvio della campagna di vaccinazione in sede. Inutile sottolineare cosa rappresenti questa immunizzazione per tutti quanti noi: vogliamo garantire la sicurezza della comunità accademica e innalzare il numero dei vaccinati del territorio per far sì che si raggiunga presto l’immunità di gregge. Per questo invito tutto il personale a partecipare in maniera massiccia alla campagna”.

Tre postazioni allestite

La vaccinazione continuerà a pieno regime nei prossimi giorni, nelle tre postazioni allestite al Centro congressi “Aula Magna” e in quella al Centro sanitario (qui solo per due giorni a settimana essendo la struttura impegnata anche nell’effettuazione dei tamponi), per un totale di oltre 300 vaccinati al giorno.

Una grande organizzazione che ha visto l’Unical non solo allestire i locali, ma farsi carico dell’assunzione del personale sanitario e delle spese connesse, di sviluppare un programma per le prenotazioni on line, nonché di effettuare il caricamento dei dati di vaccinazione sulla piattaforma ministeriale.

“È stato uno sforzo collettivo – ha spiegato il Rettore – e ringrazio in particolare la professoressa Sandra Costanzo, delegata alla Sicurezza e referente Covid per l’ateneo, per il coordinamento generale, il dottor Pino Rossi, responsabile Area servizi informatici e tecnologici, per il supporto informatico e il professor Carmelo Nobile, ordinario di Igiene generale, per il prezioso supporto. Ringrazio anche i vertici della sanità provinciale e regionale per aver accolto in tempi rapidi la nostra proposta di realizzare all’Unical un centro vaccinale, Dichiaro sin d’ora la nostra intenzione di metterlo a disposizione del territorio, qualora l’Asp ce lo richieda, anche per la vaccinazione degli insegnanti e del personale scolastico o di altre categorie di cittadini”.

La professoressa Costanzo ha sottolineato la “grande adesione della comunità universitaria, che attendeva questo momento con impazienza. Stiamo vaccinando in grande sicurezza grazie alla professionalità del personale sanitario che ha aderito in tempi rapidi alla nostra convocazione. Tutte le equipe, formate da un medico e un infermiere per ogni postazione, stanno lavorando con efficienza e finora non si è registrato nessun effetto collaterale nei vaccinati. Le prenotazioni sono state rispettate e, anzi, contiamo di velocizzare i tempi nei prossimi giorni, avendo previsto due turni quotidiani da quattro ore, compreso il sabato: dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18”.

Nelle prime giornate si darà priorità ai docenti che torneranno in aula per le lezioni del secondo semestre e al personale coinvolto nella didattica in presenza, ma da lunedì le prenotazioni saranno aperte a tutto il resto del personale, accedendo alla piattaforma su unical.it/vaccini.

Università

Comune di Rende e Unical firmano convenzione per tirocini formativi

“Si rafforza – dichiara il sindaco Manna – il rapporto tra i nostri enti che da anni collaborano su diversi piani d’intervento in ambito non solo di istruzione e ricerca, ma anche di innovazione scientifica, culturale e ambientale”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – E’ stato approvato dalla giunta Manna lo schema di convenzione per i tirocini di formazione e orientamento curriculare tra il dipartimento di Studi Umanistici, il dipartimento di Culture, Educazione e Società, Corso di Studi in Gestione e Conservazione dei Documenti Digitali dell’Università della Calabria e il comune di Rende. “Siamo convinti che le eccellenze all’interno del nostro ateneo – dichiara il sindaco Marcello Manna – debbano essere valorizzate e messe a disposizione dei nostri territori per uno sviluppo più sostenibile”.

I tirocini, nello specifico: “si vanno ad aggiungere al rinnovato accordo con il DiSu, giunto già al quinto anno, che ci ha permesso di portare i docenti Unical a lezione nei nostri istituti d’istruzione superiore con i laboratori di cittadinanza attiva. Promuovere spazi di confronto e riflessone su temi di attualità nei licei – ha affermato Manna – vuol dire 10 da parte delle giovani generazioni: per farlo è fondamentale informare e sollecitare l’attenzione degli studenti sull’inclusione, la tolleranza, l’uguaglianza. Solo così il processo democratico di partecipazione alla cosa pubblica può realmente compiersi in un costante dialogo tra cittadini e istituzioni”.

Digitalizzazione e implementazione delle conoscenze acquisite nell’ambito degli studi universitari tra gli obiettivi dei tirocini che gli studenti Unical potranno intraprendere all’interno del municipio dell’oltre Campagnano: “l’opportunità per i nostri giovani di trarre beneficio da tale rete è evidente: consentire all’Università di definire una didattica efficace e un apprendimento attivo e partecipato – spiega Manna – significa incrementare percorsi formativi e di studio che rispondano alle esigenze del tessuto produttivo del nostro territorio oltre a favorire l’occupazione nelle aziende locali le quali, a loro volta, potrebbero avere la possibilità di impiegare personale sempre più qualificato”.

Continua a leggere

Università

Riqualificazione urbana in Calabria, intesa tra Unical e Aterp

Si tratta di un Protocollo d’intesa attraverso il quale le due Istituzioni puntano a rafforzare il loro impegno comune in direzione dello sviluppo delle politiche abitative pubbliche

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – Il commissario straordinario di Aterp Calabria Paolo Petrolo ed il magnifico rettore dell’Università della Calabria Nicola Leone hanno sottoscritto un Protocollo d’intesa attraverso il quale le due Istituzioni puntano a rafforzare il loro impegno comune in direzione dello sviluppo delle politiche abitative pubbliche promuovendo la riqualificazione delle armature urbane, efficientamento energetico e la sostenibilità ambientale che possono essere realizzati sugli insediamenti di edilizia residenziale pubblica, gestiti da Aterp Calabria, utilizzando le recenti normative in materia, l’attivazione di sperimentazioni su tipologie abitative innovative, l’accesso ai fondi comunitari e la possibilità di ulteriori sinergie con gli Enti locali e la stessa Regione Calabria.

L’intesa, che avrà la durata di tre anni rinnovabili previa intesa tra le parti contraenti, prevede, tra l’altro, una collaborazione tecnico- scientifica orientata “sviluppo dell’Edilizia Sociale Abitativa che sia innovativa dal punto di vista costruttivo, sostenibile ed a basso consumo energetico” ed anche “collaborazione nella conduzione di ricerche e progettazioni sui temi di comune interesse, scambio di dati, documentazione ed attività di pubblicazione, assistenza tecnico scientifica nell’utilizzo di innovativi strumenti e metodologie utilizzabili nelle attività di studio, analisi ed interpretazione del patrimonio immobiliare; realizzazione di materiale divulgativo, documentario e didattico; promozione di conferenze, seminari e convegni specifici sui temi relativamente ai quali si esplica la collaborazione fra le due istituzioni; partecipazione a bandi ed occasioni di finanziamento derivanti da fondi nazionali, comunitari e/o dall’attuazione di finanza di progetto”.

Il commissario straordinario di Aterp Calabria Paolo Petrolo, ha manifestato la sua soddisfazione per “la sottoscrizione di questo importante Protocollo che si colloca in un contesto che consente uno sviluppo assai significativo delle politiche abitative pubbliche nel momento in cui l’emergenza sanitaria ha fortemente allargato la domanda abitativa per categorie sociali fragili e deboli travolte dalla crisi economica e sociale. Innanzi ad una crisi senza precedenti, le Istituzioni hanno il dovere di percorrere tutte le strade possibili per incrociare bisogni nuovi ed il cui soddisfacimento è anche condizione della tenuta civile e sociale della nostra società. La collaborazione con Unical tornerà preziosa anche in ragione delle scelte che verranno operate, nei prossimi mesi, con gli ingenti fondi europei che auspichiamo possano essere anche utilizzati per il pieno dispiegamento di una avanzata politica di welfare dentro la quale l’edilizia sociale sia leva importante di crescita e sviluppo”.

Continua a leggere

Rende

AstraZeneca, l’Unical sospende la campagna di vaccinazione

Sui 921 vaccinati dall’inizio della campagna, nessuna segnalazione di reazioni avverse. Anche la campagna vaccinale dell’Unical si è interrotta per effetto della decisione dell’Agenzia italiana del farmaco

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

 

RENDE – Dopo la comunicazione di sospendere in via del tutto precauzionale e temporanea la somministrazione del vaccino AstraZeneca in attesa dei pronunciamenti dell’EMA, anche all’Unical si ferma la campagna vaccinale. Tale decisione è stata assunta in linea con analoghi provvedimenti adottati da altri Paese europei. Il ministro della Salute Roberto Speranza ha rassicurato affermando “abbiamo fiducia che già nelle prossime ore l’agenzia europea possa chiarire definitivamente la questione”.

In attesa di conoscere le prossime decisioni dell’Aifa, incluse le ulteriori modalità di completamento del ciclo vaccinale per coloro che hanno già ricevuto la prima dose, l’Unical ha previsto che i pochi prenotati rimasti bloccati nella giornata del lunedì 15 marzo (circa una decina), unitamente ai prenotati di martedì 16, saranno vaccinati nel primo giorno utile, non appena arriveranno indicazioni ufficiali.

La campagna di vaccinazione dell’Unical, effettuata con un lotto non interessato da nessuno dei casi sui quali si sta indagando, si è aperta giovedì 11 marzo e ha coinvolto finora 921 persone. È utile sottolineare che di questi, nessuno ha lamentato reazioni avverse, se non gli effetti collaterali previsti tipicamente per molte tipologie di vaccino nelle prime 48 ore, ovvero dolori muscolari, mal di testa, sensazione di stanchezza e qualche decimo di febbre. Inoltre lo stesso lotto AstraZeneca, fornito dall’Asp all’ateneo, è utilizzato da diverse settimane anche in altri centri vaccinali, come ad esempio nelle Marche, e anche in quel contesto non sono state registrate reazioni anomale.

Continua a leggere

Di tendenza