Nuove tecnologie per tutelare coralli del Mediterraneo: Ministero finanzia progetto Unical - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Università

Nuove tecnologie per tutelare coralli del Mediterraneo: Ministero finanzia progetto Unical

Avatar

Pubblicato

il

La proposta ha vinto il bando FISR. I ricercatori dell’ateneo svilupperanno un veicolo subacqueo a comando remoto per l’analisi dei fondali, più sostenibile e meno invasivo rispetto agli strumenti di carotaggio tradizionali

 

ARCAVACATA (CS) – È risultato vincitore del Fondo Integrativo Speciale per la Ricerca (FISR) il progetto “Cresciuto nel blu: nuove tecnologie per la conoscenza e la conservazione dei reefs del Mediterraneo” il cui referente scientifico è Maurizio Muzzupappa, professore ordinario del Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Energetica e Gestionale (DIMEG) dell’Unical e delegato del Rettore per il Trasferimento Tecnologico. La graduatoria dell’avviso FISR, del 18 giugno 2019, è stata pubblicata lo scorso 25 novembre e vede il progetto Unical fra i ventidue finanziati a livello nazionale per un costo complessivo pari a 32 milioni 825mila 177,71 euro, con un contributo totale del Miur di 26 milioni 260mila 142,16 euro.

Il progetto “Cresciuto nel blu: nuove tecnologie per la conoscenza e la conservazione dei reefs del Mediterraneo” riceverà un contributo complessivo di 2 milioni 142mila 254,40 euro e la quota Unical sarà di 1 milione 235mila 200 euro dunque pari quasi al 5% del budget totale messo a disposizione dal Ministero per questo bando. Il progetto, che si occuperà di innovazione tecnologica per la salvaguardia del Mediterraneo, del cui team farà parte anche il professore Fabio Bruno del DIMEG, sarà coordinato dalla professoressa Daniela Basso dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Oltre all’Unical, prevede anche la partecipazione dell’Università degli Studi di Catania.

L’obiettivo del progetto è quello di acquisire nuove conoscenze sui popolamenti coralligeni dell’area mediterranea per comprenderne tempi e modi del loro iniziale sviluppo sui fondali marini, del tipo di strutture di accrezione e della loro velocità di accrescimento. Il contributo del DIMEG riguarda lo sviluppo di un Remotely Operated underwater Vehicle (ROV), in grado di eseguire specifiche attività di documentazione 3D e campionamento del coralligeno attraverso un metodo minimamente invasivo rispetto ai sistemi tradizionali di carotaggio dei fondali. Tale ROV sarà basato su un’innovativa architettura che gli darà la possibilità di lavorare su fondali profondi centinaia di metri pur operando da piccole imbarcazioni, aspetto che consente di contenere drasticamente i costi e la complessità delle operazioni.

Università

Unical, costretto a cancellare il murales dedicato a Gino Strada

Zeta aveva realizzato l’opera su uno dei muri del polifunzionale, un vigilantes lo costringe a cancellarlo

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – Costretto a cancellare il suo murales su Gino Strada dalle pareti del polifunzionale dell’Unical. Pena, la denuncia. È quello che è accaduto a Zeta, giovane writer dell’ateneo e neo laureato in Chimica con tanto di celebrazione pubblica sulla pagina instagram ufficiale dell’Università della Calabria.

I fatti risalgono a qualche giorno fa. Vincenzo, meglio noto come Zeta, fa quello che fa spesso nell’ateneo: prende una parete imbrattata dalle scritte e, a spese sue, la imbianca prima di disegnarci su qualcosa di bello e creativo. Questa volta, davanti alla facoltà di Farmacia, è toccato a Gino Strada, il fondatore di Emergency scomparso nel 2021.

Zeta realizza il disegno, molto rassomigliante, ma un vigilantes lo nota e gli si avvicina intimando di cancellare ciò che aveva appena disegnato. L’artista prova a spiegare che non è la prima volta che fa una cosa del genere, che il polifunzionale è pieno di suoi disegni e che, in fondo in fondo, anche la governance universitaria lo lascia fare perché, in qualche modo, rende un servizio all’Unical.

Il vigilantes decide di andare avanti con la sua mission e allerta le forze dell’ordine che arrivano sul luogo dove Zeta ha appena terminato l’effige di Gino Strada. Il writer si trova davanti ad una scelta imposta: o cancelli il disegno o scatta la denuncia. Vincenzo prova a spiegare, a spiegare nuovamente che lui i muri li vuole abbellire, che è contrario a quelle scritte sciatte che deturpano le pareti dell’ateneo di Arcavacata. Ma niente. O cancella o scatta la denuncia. Zeta cancella e l’Unical perde un murales che voleva omaggiare la memoria di Gino Strada.

Continua a leggere

Università

Iscrizioni in crescita e bilancio ricco di investimenti. Unical fiduciosa verso il 2022

Risultati importanti per l’ateneo della Calabria nel bilancio di previsione 2022 approvato dal Consiglio d’Amministrazione

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

ARCAVACATA (CS) – Oltre 60 milioni di investimenti infrastrutturali e nuove risorse per il reclutamento e l’avanzamento di carriera del personale docente e tecnico-amministrativo.

Sono alcuni dei dati principali che emergono dal bilancio di previsione 2022 approvato dal Consiglio d’Amministrazione dell’ateneo nel corso della sua ultima seduta. Un bilancio che chiude un anno particolarmente significativo per l’ateneo – costellato da risultati importanti, pur tra le difficoltà dovute alla pandemia ancora in corso – e che consente di guardare con ottimismo al 2022.

«La strada è lunga, ci sono processi da migliorare e problemi da superare, ma l’Unical ha cambiato passo e intrapreso un percorso virtuoso – dice il rettore Nicola Leone – Ci siamo riusciti grazie al contributo di tutta la comunità accademica, che ha saputo superare le divisioni, ritrovando coesione e senso di appartenenza».

ISCRIZIONI IN CRESCITA – I dati sulle nuove immatricolazioni registrano un’inversione di tendenza, non solo rispetto al passato, ma anche allo scenario nazionale odierno. Dopo un trend in costante calo nel periodo 2010-2019 – in cui l’Unical è arrivata a perdere più del 15 per cento di nuovi iscritti ai corsi triennali e magistrali a ciclo unico – negli ultimi due anni non solo il calo si è arrestato, ma le immatricolazioni sono tornate a salire. L’anno accademico in corso segna un +11% rispetto al 2019/2020 e, mentre nel resto d’Italia le iscrizioni calano del 3,4%, all’Unical registrano un incremento del 2,74% rispetto ai dati 2020/2021.

IL PERSONALE – Nel bilancio di previsione 2022 sono stanziate risorse per il potenziamento degli organici, con nuove assunzioni e progressioni di carriera.

Per i docenti è previsto il reclutamento di sessanta nuovi ricercatori e concorsi per professori associati e ordinari.

Mentre per il personale tecnico-amministrativo, a gennaio prenderanno servizio 26 collaboratori precari, stabilizzati prima di Natale con la legge Madia, e il Piano straordinario interno proseguirà con 76 concorsi che saranno banditi entro i primi mesi dell’anno.

INVESTIMENTI – In bilancio sono stati stanziati oltre 60 milioni di euro destinati a investimenti su infrastrutture e tecnologie, sulla sicurezza del campus, sulla rete wireless, sulla digitalizzazione, su aule e residenze. Sono stati previsti, ad esempio, 2 milioni di euro circa per la sostituzione degli ascensori non funzionanti e l’eliminazione delle barriere architettoniche, fondi che si aggiungono ai progetti in corso. Tre milioni e mezzo saranno destinati al potenziamento dell’illuminazione e della videosorveglianza, 2,5 milioni si aggiungeranno ai fondi già impegnati sulla ristrutturazione delle residenze e altri 2,6 milioni finanzieranno altri interventi sulle aule.

Tra gli investimenti previsti anche 6,8 milioni per l’efficientamento energetico degli impianti termici e per gli impianti fotovoltaici e 3,5 milioni per il miglioramento della sicurezza sul lavoro, con interventi anche sulla ventilazione dei locali.

Continua a leggere

Università

Unical: “I supereroi della scienza” e il segreto della ragnatela di Spiderman

Sono diventati protagonisti della serie nata dalla collaborazione tra il Dipartimento di Fisica dell’Unical, l’associazione “Fisicittà” e Gedi Digital

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – Ragnatele in grado di fermare un treno in corsa. Universi paralleli. Scorciatoie spazio-temporali tra pianeti e galassie. È solo fantascienza quella che vediamo nel mondo dei supereroi? Un gruppo di laureati, dottorandi e ricercatori dell’Università della Calabria si è calato nel mondo dei fumetti e ha cercato le risposte. Sono diventati così “I supereroi della scienza”, protagonisti della serie nata dalla collaborazione tra il Dipartimento di Fisica dell’Unical, l’associazione “Fisicittà” e Gedi Digital.

Animati dall’amore per la fisica ma anche dalla grande passione per i fumetti, con l’aiuto di qualche effetto speciale e il soccorso, tra gli altri, di Newton, Einstein e Kip Thorne, i giovani divulgatori hanno esplorato il mondo di Spiderman, Thor, Superman e Flash e svelato fin dove arriva la fisica e dove invece inizia la fantascienza. La prima puntata è dedicata a Spiderman, che in questi giorni torna al cinema con “Spider-Man: No way home”.

Continua a leggere

Di tendenza