Unical, rettore accoglie istanze studenti: rinviato a fine anno il pagamento della II rata

Slitta dal 30 novembre al 31 dicembre la scadenza per il pagamento della seconda rata della tassa di iscrizione, nonché della tassa per il diritto allo studio

 

ARCAVACATA (CS) – Slitta al 31 dicembre il pagamento della seconda rata delle tasse universitarie. Il rettore dell’Università della Calabria, Nicola Leone, consapevole del periodo di crisi che molte famiglie stanno vivendo a causa dell’emergenza sanitaria e accogliendo le istanze pervenute dai rappresentanti degli studenti, ha deciso di far slittare dal 30 novembre al 31 dicembre la scadenza per il pagamento della seconda rata della tassa di iscrizione, nonché della tassa per il diritto allo studio. Gli studenti avranno quindi un mese di tempo in più per pagare la rata, sebbene sia stata già generata e ricevuta sui profili Esse3.

Il Rettore ricorda, inoltre, che in caso di peggiorata condizione economica del nucleo familiare in seguito alla pandemia, si potrà chiedere al Caf il cosiddetto “Isee corrente”, in modo da avere il ricalcolo degli importi dovuti, secondo il nuovo reddito certificato dall’Inps. La richiesta va presentata entro il 31 dicembre. E nel caso in cui il reddito risultasse sotto i 20.000 euro, ci sarà la possibilità di accedere alla no tax area, quindi l’esenzione totale dalle tasse.

«Abbiamo accolto prontamente – spiega il Rettore – l’accorato appello dei rappresentanti degli studenti. Nei limiti di ciò che è lecito per l’ateneo, che ha finalità di formazione e ricerca, lo ricordiamo, non è un ente sociale, siamo sempre disponibili ad andare incontro alle esigenze dei nostri iscritti. È un piccolo gesto, lo sappiamo, ma ci auguriamo che questo provvedimento possa dare almeno un po’ di ossigeno alle famiglie, in attesa di uscire dalla morsa della zona rossa e dell’emergenza Covid, più in generale.»