L'Unical Vs Covid 19, attivati 16 gruppi di ricerca e 17 progetti - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Università

L’Unical Vs Covid 19, attivati 16 gruppi di ricerca e 17 progetti

Avatar

Pubblicato

il

L’Università della Calabria mette il proprio patrimonio di competenze e tecnologie al servizio del territorio, in prima linea con i cittadini e le istituzioni che stanno combattendo l’emergenza Coronavirus

 

RENDE – Sedici gruppi di ricerca attivati e 17 attività avviate con il contributo di tutta la comunità accademica. È il progetto Unical vs Covid 19, una grande azione coordinata e collettiva nata da un appello – una vera chiamata alle armi – che il rettore Nicola Leone ha rivolto a tutta la comunità accademica, accogliendo una proposta dei professori Domenico Cersosimo, Antonello Costabile, Maurizio Muzzupappa ed Ercole Giap Parini. Hanno aderito in tanti, tra docenti, ricercatori, dottorandi, assegnisti e studenti dell’ateneo, ai quali si sono uniti 14 spin-off universitari. Sono stati attivati 16 gruppi di ricerca, al lavoro su 17 progetti diversi, e altre azioni si aggiungeranno presto. L’iniziativa risponde a una vocazione stessa dell’Università, chiamata ad aprirsi al territorio per compiere quella che viene chiamata “terza missione”.

«L’apertura dell’università al territorio era tra gli obiettivi principali del mio programma elettorale. Perché la “terza missione” è importante per l’Università in generale, ma per un’università che vive in un territorio svantaggiato come la Calabria diviene una missione primaria – dice il Rettore – In questa emergenza mondiale ci schieriamo al fianco dei cittadini e delle altre istituzioni, con un contributo che va al di là di iniziative sporadiche. Siamo ingegneri, umanisti, sociologi, economisti, scienziati e tanto altro: in un momento come questo, i nostri studi e l’innovazione che sperimentiamo nei dipartimenti diventano un valore aggiunto, una riserva di energia da mettere a disposizione della collettività. L’Unical non è chiusa. L’Unical non si ferma».

Di seguito un primo elenco delle attività messe in campo, che sarà integrato a breve da altre pronte a partire:

Raccolta fondi per gli ospedali

Sono stati raccolti finora, anche con il contributo di spin-off universitari e di aziende che collaborano con l’Unical, oltre 85mila euro. Saranno destinati al potenziamento dei reparti di Malattie infettive, Terapia intensiva e Rianimazione per l’acquisto di respiratori e dispositivi medici necessari per l’emergenza epidemiologica, in accordo con le autorità sanitarie.

 

Ospedali e sanità

In ateneo si producono già litri di disinfettante per gli ospedali, si effettuano tamponi sui medici di base e si sta sviluppando una nuova terapia per il trattamento del Coronavirus basata su anticorpi sintetici. Ma si lavora anche alla realizzazione di un software che migliori la gestione delle risorse negli ospedali, allo sviluppo di uno strumento per l’analisi di immagini mediche collegate alla rilevazione di infezione da Coronavirus e di una piattaforma per il monitoraggio da remoto dei pazienti affetti da Covid19, alla produzione di dispositivi per la ventilazione polmonare e per la protezione individuale.

Imprese

Una rete di laboratori esegue i test di verifica necessari per la certificazione delle mascherine chirurgiche prodotte dalle aziende che convertono la propria produzione.

Protezione Civile

Si stanno realizzando un software per la gestione ottimizzata delle risorse e una piattaforma per a verifica degli spostamenti delle persone in isolamento, in supporto alle misure di contenimento del contagio.

Scuole

Una task force le supporta nell’avvio della didattica a distanza. Hanno aderito già 10 istituti comprensivi delle province di Cosenza, Catanzaro, Vibo e Reggio. L’Unical mette inoltre a disposizione dei ragazzi una piattaforma di Business game, contenuti multimediali – un tour virtuale del patrimonio archeologico del Mezzogiorno – e giochi per i più piccoli, a cura dei musei di Zoologia e Paleontologia dell’ateneo.

Cittadini

Attivo un Centro di ascolto socio-assistenziale

Comuni

I laboratori Unical hanno già prodotto e distribuito circa 1.000 litri di igienizzante mani destinati ai Comuni, ma anche ad associazioni di volontariato e forze dell’ordine del territorio.

Comunità accademica

Il disinfettante prodotto nei laboratori universitari ha rifornito anche i dispenser dei bagni e degli uffici dell’ateneo. Si stanno sviluppando inoltre strumenti che permetteranno di monitorare e tracciare tutta la comunità accademica, per poter prevenire le possibili catene di contagi.

Altre attività partiranno nei prossimi giorni. Si tratta di videolezioni sui classici e sul lessico del tempo presente, microguide alla lettura di romanzi e racconti, altri centri di ascolto destinati a studenti, cittadini e operatori sanitari, attività di consulenza giuridico-amministrativo-contabile per amministratori locali e regionali.

Università

Unical, eletto il nuovo Senato accademico

Alta l’affluenza che ha visto la partecipazione del 91% dei docenti l’89% dei componenti del Pta

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – Sono stati eletti oggi  17 nuovi membri del Senato Accademico dell’Università della Calabria. Quindici rappresenteranno la componente docenti (tra loro sono compresi 1 ricercatore e 9 direttori di Dipartimento, nel rispetto delle quote minime previste dallo Statuto), due il personale tecnico-amministrativo (Pta). È quanto comunica la stessa Università attraverso una nota stampa diffusa alla stampa.

Alta l’affluenza, che ha visto la partecipazione di 739 docenti su 815 aventi diritto, pari al 91% e di 553 componenti del Pta su 624, pari all’89%. L’ateneo ha adottato per la prima volta il voto telematico, con la piattaforma Eligere, abolendo schede cartacee e scrutinio ‘manuale’. Questo ha permesso anche agli elettori non in sede di esercitare il proprio diritto di voto e ha poi reso molto rapide le operazioni di spoglio (ulteriori informazioni sulle procedure di voto sono disponibili qui)

Per quanto riguarda la componente docenti sono stati eletti tutti gli aspiranti senatori: questo turno elettorale, infatti, si è svolto in un clima di grande concordia, che ha portato alla definizione di un numero di candidature pari ai senatori da eleggere, assicurando la rappresentanza nell’organo di tutti i Dipartimenti dell’ateneo. I nuovi eletti risultano quindi i professori Alfio Cariola, Massimo Costabile, Alessandra Crispini, Stefano Curcio, Vincenzo Ferrari, Roberto Gaudio, Gianluigi Greco, Francesca Guerriero, Giuseppe Mendicino, Maria Luisa Panno, Giuseppe Passarino, Luciano Romito, Giuseppe Squillace, Francesco Valentini e, per la componente ricercatori, Fernando Puzzo.

Per la componente del personale tecnico amministrativo, invece, sono stati eletti Ernesto Oliverio (Cgil) e Paolo Santolla (Uil). «Sono davvero soddisfatto per l’alta partecipazione al voto – commenta il rettore Nicola Leone – È un dato molto positivo, inoltre, il fatto che ogni Dipartimento abbia un suo rappresentante all’interno del Senato, così da poter partecipare direttamente ai lavori dell’organo di indirizzo politico e di rappresentanza dell’ateneo e non rischiare di restare indietro, per mancanza di informazioni dirette. Ed è importante anche il clima positivo con cui si è arrivati al voto, evitando la grave conflittualità registrata in passato, che ha creato lacerazioni con strascichi pesanti e duraturi. Ringrazio tutti i senatori uscenti, per l’ottimo lavoro svolto e lo spirito collaborativo che ha consentito all’ateneo di raggiungere, in soli due anni, risultati straordinari. Ritengo che l’aver istituito le commissioni interne abbia migliorato il confronto e la discussione, favorendo l’approfondimento dei temi all’interno dell’organo. Do il benvenuto ai nuovi senatori, tutti molto qualificati e competenti: conto sul loro fattivo contributo».

«Voglio inoltre ringraziare i colleghi dell’Università di Pisa e, in particolare, Antonio Cisternino, presidente del Sistema informatico di ateneo – ha detto ancora il rettore Leone – per aver messo a disposizione della comunità accademica il software Eligere, che ci ha consentito di svolgere le elezioni in maniera sicura, veloce e pratica». Completano il gruppo dei componenti del Senato i quattro rappresentanti degli studenti: Giovanni Battista Corrado, Antonio Maiolino, Mario Russo e Francesco Tevere, che resteranno in carica fino a maggio 2022.

Continua a leggere

Area Urbana

Unical, ministra Messa inaugura il corso di laurea a distanza. Fuori la protesta

La ministra sarà collegata in videoconferenza a causa dello sciopero dei trasporti. Fuori dall’Aula magna la protesta di un centinaio di studenti

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – Un centinaio di studenti dell’Unical di ‘Rinnovamento è futuro’ e ‘Athena’ hanno protestato davanti l’Aula Magna dell’Unical dove era attesa la ministra dell’Università Maria Cristina Messa che però, a causa dello sciopero dei trasporti ha preso parte alla cerimonia collegata in videoconferenza. Alla base della protesta degli studenti, le trattenute eccessive sulle borse di studio. I ragazzi hanno inscenato un sit in sul ponte dell’università, di fronte l’aula magna.

Intanto il corso di laurea ha già 50 immatricolati e nel pomeriggio inizieranno le lezioni del nuovo percorso di studi articolato in 6 anni che formerà la generazione dei futuri medici. In Italia si contano soltanto due esperienze analoghe, quella della Medtec School dell’Humanitas e del Politecnico di Milano e la Medicina HT dell’Università Sapienza di Roma. Al compimento degli studi si ottiene un duplice titolo: la laurea magistrale in Medicina e Chirurgia e la laurea triennale in Ingegneria Informatica, curriculum bioinformatico.

“Un corso sicuramente innovativo, non solo per l’utilizzo delle nuove tecnologie, ma perché rappresenta un grosso cambiamento nell’organizzazione dei saperi, che non hanno più un approccio classico ma orizzontale. L’applicazione del nuove tecnologie in medicina è particolarmente innovativa perché offre uno strumento ai medici di conoscenza e consapevolezza che migliorerà il nostro sistema sanitario“. È quanto ha detto la ministra dell’Università e ricerca Maria Cristina Messa intervenuta in video conferenza. Infine, la ministra ha rivolto un augurio agli studenti che si sono iscritti al nuovo indirizzo universitario. “È sicuramente un corso di laurea impegnativo me credo che ne valga la piena – ha poi aggiunto la ministra Messa – perché sono state combinate le competenze di due università e del territorio, fattori che superano il campanilismo e danno una forza maggiore non solo al corso ma a tutto il sistema universitario”.

“Questo corso è un esempio di sinergia virtuosa che dovrebbe essere replicato in tanti altri contesti”. Ha dichiarato il rettore dell’Unical Nicola Leone. “Auspichiamo – ha poi aggiunto Leone – che questa nuova iniziativa possa nel tempo contribuire a migliorare il sistema sanitario regionale”.

 

Continua a leggere

Rende

Unical, domani la ministra Messa inaugura l’anno accademico di Medicina e Tecnologie digitali

La cerimonia inizierà alle ore 10.30 in aula magna. Saranno presenti anche il rettore dell’Unical Nicola Leone e Giovambattista De Sarro rettore dell’Università Magna Graecia di Catanzaro

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – Sarà la ministra dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa a inaugurare, domani, il primo anno accademico del corso di laurea in Medicina e chirurgia e tecnologie digitali dell’Università della Calabria in sinergia con la Magna Graecia di Catanzaro. Il nuovo percorso di studi articolato in sei anni è orientato a formare la generazione dei futuri medici. In Italia si contano soltanto due esperienze analoghe, quella della Medtec School dell’Humanitas e del Politecnico di Milano e la Medicina HT dell’Università Sapienza di Roma. Al compimento degli studi si ottiene un duplice titolo: la laurea magistrale in Medicina e Chirurgia e la laurea triennale in Ingegneria Informatica, curriculum bioinformatico.

L’innovativo corso di studi prevede, oltre alle competenze tipiche della formazione di un medico, anche l’acquisizione delle conoscenze utili per padroneggiare le nuove tecnologie e applicarle in ambito sanitario e l’apprendimento di metodi e tecniche proprie dell’Intelligenza artificiale e della Bio-informatica, necessari per ideare e sviluppare nuove applicazioni per i settori della medicina di precisione, della telemedicina, della medicina personalizzata, della chirurgia robotica.

Grazie a queste competenze aggiuntive, certificate dal conseguimento del doppio titolo (laurea magistrale in Medicina e Chirurgia e laurea triennale in Ingegneria Informatica, curriculum bioinformatico), i laureati saranno dunque professionisti formati per affrontare le sfide presenti e future in campo sanitario, capaci di gestire l’innovazione e di contribuire all’innovazione stessa.

La cerimonia inizierà alle ore 10.30 in aula magna. Saranno presenti anche il rettore dell’Unical Nicola Leone e Giovambattista De Sarro rettore dell’Università Magna Graecia di Catanzaro

Continua a leggere

Di tendenza