A Diamante il capo della Polizia: «il coraggio di De Fiore ci deve far riflettere ancora oggi»

Vittorio Pisani ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione di un murale in onore dell'alto funzionario di polizia che salvò centinaia di ebrei durante il nazismo. Poi il conferimento della cittadinanza onoraria alla Polizia di Stato

DIAMANTE (CS) – Il Capo della Polizia, Vittorio Pisani, ha partecipato questa mattina a Diamante, alla cerimonia di inaugurazione di un murale, realizzato dagli artisti Luigi Perenz e Angela Panetta, e dedicato al vice questore Angelo De Fiore, originario di Rota Greca (Cs) e funzionario della Polizia che negli anni dell’occupazione nazista mise a rischio la propria vita per proteggere e salvare centinaia di ebrei perseguitati e destinati ai campi di sterminio. Il 2 maggio del 2004, il comune di Rota Greca ha dedicato un monumento al suo illustre cittadino mentre oggi Diamante lo omaggia con uno straordinario murale.

Accompagnato dal sottosegretario all’Interno, Wanda Ferro, Pisani arriva in provincia di Cosenza, a pochi giorni dai fatti di Pisa e Firenze e sui quali sono in corso, così come lui stesso aveva affermato, “verifiche” e sono state “poste in essere iniziative che dovranno essere verificate con severità e trasparenza”.

A Diamante oggi, le più alte autorità civili, militari e religiose della regione che hanno preso parte ad una giornata suddivisa in due momenti. La prima, sul lungomare con la benedizione del murale da parte del vescovo Mons. Stefano Rega. Su corso Vittorio Emanuele, che affaccia davanti al mare di Diamante, il murale che ricorda De Fiore, disegnato mentre riceve un fiore da un bambino ebreo. Da questa mattina anche Diamante ha un luogo di memoria.

A fare gli onori di casa il sindaco di Diamante, Ernesto Magorno che ha accolto con entusiasmo l’idea di realizzare un murale di dimensioni 6 metri per 8, pensato e dipinto dell’ispettore di Polizia stradale di Cosenza, Perenz e dall’artista, Panetta quale “omaggio alla libertà” per chi riceve ogni giorno soccorso e aiuto”. Un uomo, De Fiore, che è stato “un eroe giusto che ha difeso la libertà”.

Dopo la benedizione da parte del vescovo e un lungo applauso la cerimonia si é spostata nell’istituto d’Istruzione Secondaria Superiore di Diamante dove è stata conferita la Cittadinanza Onoraria di Diamante alla Polizia di Stato, rappresentata proprio dal Capo della Polizia. In prima fila il prefetto di Cosenza, Vittoria Ciaramella; il Questore di Cosenza, Giuseppe Cannizzaro, la presidente della Provincia, Rosaria Succurro, il sottosegretario all’Interno Wanda Ferro e, ospite d’onore il Capo della Polizia, Vittorio Pisani e di numerosi sindaci e rappresentanti istituzionali.

Numerosi anche gli studenti che hanno preso parte e contribuito ad arricchire l’importante iniziativa incentrata sui valori della legalità e della solidarietà. La cerimonia è iniziata con l’Inno nazionale cantato da un gruppo di ragazzi, e con il messaggio di benvenuto della dirigente scolastica Patrizia Barbarello.

Si sono susseguiti i pensieri degli studenti e i lavori sulla Shoah e sulla memoria, e poi la lettura del messaggio della senatrice a vita, Liliana Segre, che si é rivolta ai ragazzi quali “veri destinatari della valenza di questa giornata“.

Si è passati poi al conferimento della cittadinanza onoraria alla Polizia di Stato: “lo facciamo perché credo che qui, a Diamante, abbiamo costruito una città improntata sulla legalità. La presenza del Capo della polizia ci insegna che sulla strada della legalità si ottiene il successo per la propria vita”. “Un uomo che ha servito il nostro Paese – ha continuato Magorno – ed ha lottato per farcela e anche voi ragazzi – rivolgendosi agli studenti – per raggiungere gli obiettivi di qualsiasi tipo, dovete rispettare le regole”. “Quella Shoah – prosegue Magorno – e nessuna Shoah si deve più ripetere“.

Il sindaco ha poi conferito, commuovendosi, la cittadinanza onoraria nelle mani di Pisani che, ha preso la parola introducendo il suo discorso sul coraggio di De Fiore. Poi, nel ringraziare per l’accoglienza mostrata dal Comune di Diamante: “mi lega a questa costa un affetto familiare per le mie vacanze qui. Che possano le giuste indicazioni della legalità accompagnare questi ragazzi e il loro percorso”.

Pisani: “il gesto di De Fiore ci deve far capire il valore dell’uomo”

“Nessuno di noi ha vissuto fortunatamente l’epoca nazista e a volte non abbiamo nemmeno la capacità di immedesimarci nella consapevolezza del rischio”. Così esordisce a Diamantoeil capo della polizia Vittorio Pisani, ricordando Angelo De Fiore. “Le iniziative da lui poste in essere venivano realizzate in aiuto agli ebrei nella consapevolezza che in caso se si veniva scoperti si veniva uccisi e questo ci deve far riflettere in quanto il rischio della morte è molto lontano fortunatamente per le nostre generazioni tranne purtroppo in episodi che accadono in adempimento del servizio – ha specificato Pisani. Dunque, dobbiamo ricordare De Fiore come uomo che si è esposto alla consapevolezza ad essere ammazzato dai nazisti perché è semplice stare qui a commemorarlo ma non abbiamo nemmeno la capacità di immedesimazione in quello che hanno vissuto i nostri colleghi all’epoca“.

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Regione-Calabria

Ex stagisti e borsisti precari dopo 15 anni firmano l’indeterminato in Regione

CATANZARO - E' finito il precariato per il bacino ex stagisti/borsisti. In Cittadella la firma del contratto a tempo indeterminato dopo un'attesa durata 15...

Negozi, auto e case incendiate a Sibari: «Inutili negli anni i comitati per l’ordine...

CASSANO ALLO JONIO (CS) - Quella che sta avvenendo nella Sibaritide è un'escalation criminale che si protrae ormai da diverso tempo e che la...
concerto-di-primavera-cosenza

Concerto di primavera a Cosenza: grande successo dell’Orchestra Giovanile Polimnia

COSENZA - Nella magnifica cornice dell’Auditorium Guarasci del Liceo Classico Telesio di Cosenza, grande successo per il concerto di primavera dei giovani musicisti dell’Orchestra...
sindaco-Cosenza_Lunetta-Savino

Rendano, il sindaco di Cosenza consegna all’attrice Lunetta Savino il premio ‘Enzo Noce’

COSENZA - Il Sindaco Franz Caruso ha consegnato al teatro 'Rendano' all'attrice pugliese Lunetta Savino, molto apprezzata dal grande pubblico, il premio "Enzo Noce",...

Sorpreso a spacciare hashish dalla polizia: arrestato 36enne a Rossano

CORIGLIANO ROSSANO (CS) - Nei giorni scorsi il personale del Commissariato di Corigliano-Rossano, nell'area urbana di Rossano, ha arrestato un 36enne, su cui pendeva...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Processo Mirabelli, i video precedenti l’omicidio di Gioffrè “dormiva con un’ascia...

COSENZA - Nuova udienza oggi in Corte d'Assise a Cosenza del processo per l'omicidio di Rocco Gioffrè, 75 anni, ucciso con quaranta coltellate in...

Cosenza: uccise il vicino di casa, le chat tra Tiziana Mirabelli...

COSENZA - Udienza questa mattina in Corte d'Assise a Cosenza, del processo per l'omicidio di Rocco Gioffrè, pensionato di 75 anni, ucciso con oltre...

Centro protesi Inail Lamezia: un’eccellenza per restituire una nuova vita dopo...

LAMEZIA TERME - Il mondo della disabilità comprende anche i pazienti sottoposti ad amputazione, sia per asportazione chirurgica che in caso di perdita accidentale...

‘Ndrangheta, concessi i domiciliari all’avvocata Bagalà: era in carcere da oltre...

AOSTA - Il tribunale di Lamezia Terme ha disposto nei giorni scorsi la scarcerazione dell'avvocata Maria Rita Bagalà, concedendole gli arresti domiciliari presso la...

Giornate FAI di Primavera all’Unical: ecco i luoghi aperti da visitare...

RENDE (CS) - In occasione della XXXII edizione delle Giornate FAI di Primavera, che si svolgerà su tutto il territorio nazionale sabato 23 e...

Cosenza: Onco Med lascia il centro storico, troppe aggressioni e danni

COSENZA - Rabbia e rassegnazione nelle parole di Francesca Caruso, presidente dell'associazione Onco Med che ad ottobre del 2019 inaugurò l'ambulatorio, uno studio medico...