"Plastic Free", il Comune di Praia a Mare firma il protocollo di convenzione - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Provincia

“Plastic Free”, il Comune di Praia a Mare firma il protocollo di convenzione

Iniziative di sensibilizzazione alla diminuzione dell’uso della plastica e che hanno come obiettivo la tutela dell’ambiente

Avatar

Pubblicato

il

PRAIA A MARE (CS) – Il Comune di Praia a Mare ha firmato il protocollo con Plastic Free con i referenti di zon- Si chiude un cerchio importante per l’Alto Tirreno Cosentino per quanto riguarda le iniziative di sensibilizzazione alla diminuzione dell’uso della plastica e per le iniziative che hanno come obiettivo la tutela dell’ambiente. Conclusa la parte burocratica, i referenti di zona Antonella Palladino e Carmelo De Leo insieme al consigliere delegato all’ambiente Domenico Droghini, già programmano le future azioni: giornate di raccolta ed attività nelle scuole ma non solo, gli obiettivi vanno oltre e a settembre i primi tavoli di lavoro avranno il privilegio di ospitare il segretario generale di Plastic Free Antonio Rancati.

Una settimana in cui il  dottor Droghini lavorerà in concertazione con i Comuni da Tortora a Diamante, affinché oltre a sensibilizzare si studino più a fondo i problemi del territorio ma soprattutto si trovino soluzioni. Il sindaco Antonino De Lorenzo, già ospite delle iniziative del dottor Rancati al Senato della Repubblica per altre iniziative premiate del nostro territorio, mira alla candidatura di Comune Plastic Free insieme ai Comuni di Tortora e Aieta, nel pieno rispetto delle dinamiche di una politica di comprensorio.
“Le sinergie ci sono – spiegano i referenti di zona De Leo e Palladino – la volontà non è mai mancata, siamo esponenti di tutti i cittadini che fanno già tanto per la tutela del pianeta, ognuno nel proprio piccolo, con grande senso di responsabilità e senza gesti eclatanti; noi spingiamo solo le fila, manteniamo i cordoli uniti e diamo spunti per migliorarci grazie alla professionalità dei vertici di Plastic Free e di tutti i referenti del territorio. Grazie a tutta l’Amministrazione Comunale di Praia, che ci ha dato fiducia, in particolare al nostro referente delegato all’Ambiente. Cercheremo di fare con determinazione sempre il nostro meglio”.

Provincia

Al via il raduno dei Circoli enogastronomici d’Italia, ospiti della “Frittola-La Quadara”

Dal 4 al 9 ottobre la “Confraternita della Frittola Calabrese – La Quadara”, ospita il 39° raduno della federazione italiana dei circoli enogastronomici

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Calabria da scoprire tra enogastronomia, storia e paesaggio. Da tutta Italia arriveranno per gustare e visitare i luoghi della nostra terra: da Tropea a Reggio, da Sibari alla Sila, fino a Cosenza. Cipolla e Nduja, bergamotto, clementine e riso, patate e fico dottato, insieme ad un ottimo magliocco. Prodotti che solo a queste latitudini sanno offrire meraviglie e qualità eccezionali oltre che identitarie.

“Da sempre terra di passaggio, oggi la nostra regione si riscopre in grado di attrarre grande attenzione, con il suo mosaico di territori, storie, culture e tradizioni diverse”, tengono a sottolineare il priore della Confraternita, Emilio Iantorno, insieme a tutto il direttivo ed ai soci.

Il programma si estende in più giorni per far visitare appunto i vari territori della Calabria. Luoghi unici attraverso cui raccontare una terra diversa. Bella ed accogliente. Marco Porzio, Presidente nazionale Fice, si è detto “molto orgoglioso di poter presentare il programma completo del nostro evento principale del 2022 che segnerà un ritorno alla normale attività della nostra Federazione”.

Ringraziando “anticipatamente gli amici della confraternita della Frittola Calabrese – La Quadara che si sono molto impegnati per poterci offrire un programma così pieno di spunti culturali ed enogastronomici e sono sicuro ci sapranno accogliere in modo splendido nel loro territorio”.

La Calabria è da sempre così: una sintesi tra ambienti mediterranei, tropicali, nordici e mediorientali condensati in una penisola con circa 800 km di coste, con quel che ne consegue per le produzioni agroalimentari e la gastronomia. “Quel che risulta differente, oggi, è la consapevolezza di tanti calabresi e visitatori di vivere in una delle Regioni più belle e varie d’Italia, forse nel mondo”, il messaggio del priore Iantorno. “Con questa consapevolezza aggiunta a quel poco o nulla più del cibo esprima territorialità, storia, geografia e cultura, diamo il più caloroso benvenuto alle Confraternite e associazioni del raduno con il nostro più ospitale e affettuoso: favorite!”.

Numeri, luoghi, programma: trenta confraternite giungeranno in Calabria con oltre 150 partecipanti ed una rappresentanza anche europea: la Confederation Europenne de Gourmets. E poi: assaggiatori aceto balsamico tradizionale di Modena, gruppi provenienti dal Friuli alla Sicilia, il gorgonzola, il radicchio, il pampascione salentino e tantissimi altri.

La prima tappa – martedì 4 ottobre – vedrà protagonista la cittadina di Tropea “Borgo dei Borghi 2021”. Una visita  guidata del borgo alla scoperta degli scorci e delle vedute di cui si può godere dai vicoli e dalle piazze, aspettando il suggestivo tramonto. La cena conviviale si svolgerà nella stessa Tropea, con degustazione di alcuni tra i più rinomati prodotti tipici dell’area vibonese.

Nella seconda tappa – mercoledì 5 ottobre – i partecipanti approderanno a Reggio Calabria per fare un tuffo nei tesori della Magna Grecia, attraverso la visita del Museo Archeologico Nazionale, custode dei Bronzi di Riace. Dopo visita e pranzo presso il Museo del Bergamotto, la giornata si concluderà con una passeggiata sul “chilometro più bello d’Italia”, così definito da Gabriele d’Annunzio.

Giovedì 6 ottobre si parte per lo Jonio. La giornata vedrà in mattinata la visita al Museo Nazionale archeologico della Sibaritide ed agli annessi scavi. Per il pranzo saremo accolti da un’azienda agrituristica posta alle pendici del Parco Nazionale del Pollino, l’area protetta più estesa d’Italia, per degustare e scoprire le peculiari realtà agricole della piana di Sibari.

Venerdì 7 ottobre le confraternite si sposteranno in Sila, con gli ospiti che potranno attraversare sullo locomotiva d’epoca – che da Moccone ci condurrà a Silvana Mansio – luoghi meravigliosi. Si prosegue con la visita al Parco Nazionale della Sila, centro accoglienza di località “Cupone”. Il pranzo suggellerà la giornata nella natura con la tradizionale “frittolata”.

Sabato 8 ottobre con la giornata “fico dottato”, sarà la volta dell’antica Capitale del popolo dei Bretti: Cosenza. In mattinata visita alla Galleria Nazionale con la sua pinacoteca e Museo dei Brettii e degli Enotri; nel pomeriggio passeggiata lungo il museo all’aperto Bilotti su Corso Mazzini (MAB) e poi ad Altomonte per la cena, godendo della vista di uno dei borghi più belli dell’entroterra calabrese.

Infine Domenica 9 ottobre la chiusura del raduno con la visita nella Cosenza storica, l’Atene della Calabria che diede i natali al filosofo Bernardino Telesio. La giornata inizia con la Santa Messa presso la Cattedrale di Cosenza della quale quest’anno si celebra il Giubileo per gli 800 anni dalla consacrazione avvenuta nel 1222 alla presenza dell’Imperatore Federico II. Si prosegue con la sfilata con paludamento su corso Telesio e la chiamata delle confraternite presso il Salone degli Specchi del Palazzo del Governo sede della Provincia di Cosenza. Il raduno si chiude con il pranzo presso il Castello Normanno Svevo che domina dall’alto la città.

Continua a leggere

Provincia

Scalea, uccide la ex e si toglie la vita: la coppia lascia una bimba di due anni

L’automobile con all’interno i due corpi senza vita era ferma nelle vicinanze dell’abitazione della trentunenne. A trovarli i carabinieri

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Servizio di Dario Rondinella

SCALEA (CS) – Antonio Russo, la guardia giurata di 25 anni, e l’ex fidanzata, Ilaria Sollazzo, di 31, insegnante precaria, che il giovane ha ucciso la scorsa notte a Scalea con la sua pistola d’ordinanza decidendo poi di suicidarsi, avevano una figlia di due anni che viveva con la madre. È quanto é emerso dalle indagini dei carabinieri che indagano sull’omicidio-suicidio. I due erano stati legati sentimentalmente per alcuni anni, avevano avuto la bambina ma si erano successivamente separati. Il rapporto tra Russo e l’ex fidanzata, dopo che i due si erano lasciati, era contrastato e caratterizzato da frequenti liti. Una difficoltà di rapporti che l’incontro tra i due della scorsa notte doveva teoricamente servire a ripianare, ma che è finito con la violenta lite culminata nell’omicidio-suicidio.

Secondo quanto si é appreso, il 25enne e l’ex fidanzata avevano deciso di incontrarsi per parlare di alcune questioni legate alla loro separazione. La discussione tra i due, ad un certo punto, é degenerata, al punto da indurre l’uomo ad estrarre la pistola d’ordinanza che aveva con sé e ad uccidere l’ex fidanzata, decidendo poi subito dopo di suicidarsi sparandosi alla testa. L’automobile con all’interno i due corpi senza vita era ferma nelle vicinanze dell’abitazione della trentunenne. A trovare la vettura sono stati i carabinieri, avvertiti da alcuni abitanti della zona insospettiti dalla presenza dell’automobile.

Aggiornamento

Non aveva concordato con l’ex compagna alcun incontro e non era in auto con lei Antonio Russo, la guardia giurata di 25 anni che la scorsa notte ha ucciso con la propria pistola d’ordinanza l’ex compagna, l’insegnante Ilaria Sollazzo, di 31, togliendosi poi la vita con la stessa arma. È quanto è emerso dalle indagini svolte dai carabinieri sull’omicidio-suicidio accaduto a Scalea. Russo ha atteso l’ex compagna, che aveva trascorso la serata con alcuni amici, sotto l’abitazione dei genitori della donna, dove già si trovava la figlia di due anni della coppia. E il fatto che avesse portato con sé la sua arma d’ordinanza fa ipotizzare che il giovane avesse premeditato l’assassinio di Ilaria Sollazzo a causa dei contrasti che da quando i due si erano separati, circa due mesi fa, caratterizzavano i loro rapporti. Subito dopo avere ucciso l’ex compagna la guardia giurata ha rivolto la pistola contro se stesso e si è sparato un colpo alla testa. Il suo cadavere è stato trovato all’esterno dell’automobile della donna.

Continua a leggere

Provincia

A Paola la terza edizione dell’esposizione canina Expo Zis

Il Palatenda di Paola ospiterà, la terza edizione dell’iniziativa promossa dall’associazione di volontariato “Zampe in salvo ODV” aperta a tutti i cani

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

PAOLA (CS) – Si terrà il prossimo 8 ottobre presso il Palatenda di Paola, tra la Palestra comunale e lo stadio, l’esposizione canina le cui edizioni precedenti hanno riscosso molto gradimento di concorrenti e pubblico. EXPO ZIS è un’esibizione canina amatoriale e dilettantistica, aperta a tutti i cani regolarmente iscritti in anagrafe canina che saranno valutati da una giuria in base a determinate caratteristiche quali estetica, attenzione ai comandi, affiatamento con il conduttore, simpatia, portamento.

I primi tre classificati nelle categorie “cani di razza” e “cani meticci” saranno premiati con prodotti offerti dalla Trainer. Expo Zis ha finalità prettamente ludiche, rappresenta un momento aggregativo e di condivisione di esperienze tra i proprietari di cani. Vuole essere la dimostrazione che nelle nostre città esistono tante persone orgogliosamente proprietarie di cani amati come familiari e che purtroppo non hanno adeguati spazi nei centri urbani.

Il pomeriggio dell’8 ottobre, grazie al patrocinio del Comune di Paola, questi cittadini con i loro fedeli compagni di vita a quattro zampe avranno la possibilità di “occupare” uno spazio pubblico per far notare la propria presenza sul territorio e le loro esigenze e, soprattutto, veicolare l’importante messaggio della doverosità del rispetto per gli animali.

Expo Zis infatti fa parte del complesso delle attività informative ed educative che l’associazione Zampe in salvo ODV porta avanti da più di cinque anni sui temi della tutela degli animali, delle adozioni consapevoli di cani e gatti e delle buone pratiche di contrasto del randagismo. Attività informativa supportata da professionisti quali il dott. Francesco Corrado, Direttore Sanitario della Clinica Veterinaria Pegaso di Paola, Aldo Cupello educatore e addestratore cinofilo ENCI, Martina Santoro toelettatrice FNT.

L’edizione 2022 si arricchisce sul piano della sensibilizzazione “animalista” e sociale, trattando il tema della Pet Therapy grazie alle testimonianze delle associazioni: Calcia l’Autismo di Cetraro, con il suo presidente Luigi Lupo; “Mamme Indispensabili” di Fuscaldo con la sua Presidente Stella Santoro; Nasi Rossi Gianfranco Condino di Paola con la presidente Maria Anna Facciolo. Interverrà Pasquale Lanzillotta Operatore Ausiliario di riabilitazione equestre, rinomato professionista che si occupa di riabilitazione di persone con disabilità fisiche e cognitive presso il prestigioso Centro Equestre Girolamo De Marco di Roma. Ospite d’eccezione di questa edizione è la Squadra Cinofili della Polizia di Stato di Vibo Valentia che con dimostrazioni pratiche ci spiegherà l’attività dei suoi cani poliziotto.

L’esposizione si inserisce nel calendario nazionale delle iniziative che si svolgeranno in occasione del “Giorno del dono” istituito con la legge 110/2015 che è stata emanata per promuovere il volontariato e costruire una cultura condivisa del dono affinché diventi una buona pratica quotidiana. Grazie alla collaborazione con le associazioni di volontariato sopra citate, infatti, l’iniziativa cercherà di invogliare quante più persone a donare il proprio tempo a favore di importanti cause sociali. Obiettivo ulteriore che si propone Zampe in salvo, in un’ottica per così dire di “volontariato circolare”, è di raccogliere contributi in denaro per poter ottenere un ricavo da impiegare in sterilizzazioni di cani di famiglie paolane in difficoltà economica. Tutte le informazioni sono disponibili nell’evento ad hoc creato su facebook dalla pagina Zampe in salvo ODV.

Continua a leggere

Di tendenza