"Archimede", rigettato il ricorso contro l'ordinanza del riesame sull'ex sindaco Mele - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Provincia

“Archimede”, rigettato il ricorso contro l’ordinanza del riesame sull’ex sindaco Mele

Così ha stabilito la VI Sezione della Corte di Cassazione sull’ipotesi di reato di turbata libertà del contraente contestato allora Sindaco di San Nicola Arcella

Avatar

Pubblicato

il

ROMA – La VI Sezione della Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso avanzato dalla Procura della Repubblica di Paola avverso l‘ordinanza emessa dal Tribunale del riesame il 31 luglio dello scorso anno, con la quale veniva ritenuto insussistente l’ipotesi di reato di turbata libertà del contraente contestato allora Sindaco di San Nicola Arcella, Barbara Mele, difesa dagli avvocati Vincenzo Adamo e Giorgio Cozzolino, finita nell’inchiesta “Archimede” sugli illeciti affidamenti nell’alto Tirreno cosentino. Il riesame aveva riconosciuto la legittimità delle modalità di scelta della ditta alla quale furono affidati i lavori di sistemazione dell’impianto idrico del Comune di San Nicola Arcella nell’ottobre del 2019.

La difesa dell’ex sindaco di San Nicola Arcella ha espresso soddisfazione per l’esito e per il riconoscimento della tesi giuridica fatta propria, oggi, anche dal Supremo Collegio. “Questo esito – commentano i legali –  riveste grande importanza perché ratifica la tesi della difesa circa l’impossibilità di sostenere l’ipotesi di cui all’art. 353 bis c.p.p. in presenza di un affidamento diretto, senza gara”. Il 25 gennaio prossimo si terrà il giudizio abbreviato richiesto dalla Mele, che comparirà davanti al GUP presso il Tribunale di Paola.

Provincia

Finisce l’incubo di un sottufficiale di polizia accusato di cessione di cocaina. Assolto

L’accusa nasceva a margine di una maxioperazione antidroga sul territorio dell’allora comune di Rossano. L’uomo ha rifiutato la prescrizione e a processo è stato assolto

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CASTROVILLARI (CS) – Assolto perché il fatto non sussiste. Questa la sentenza del Tribunale di Castrovillari che ha accolto in tolto la tesi del difensore, avvocato Ettore Zagarese, ed ha assolto C.C., 40 anni, sottoufficiale di Polizia, originario di Corigliano-Rossano, attualmente assegnato ad altra sede.

IL FATTO – Il sottoufficiale all’epoca dei fatti era stato accusato di aver agevolato la cessione di stupefacente, del tipo cocaina. L’accusa nasceva a margine di una maxioperazione antidroga sul territorio dell’allora comune di Rossano e si fondava sul contenuto di alcune intercettazioni ambientali dalle quali gli inquirenti avevano tratto la convinzione che, attraverso l’uso di un linguaggio criptico, C.C. fosse coinvolto in un’attività di intermediazione tra i cessionari e gli assuntori dello stupefacente, traendone così il sospetto di lucrosi guadagni.

L’indagato fin dall’inizio ne aveva protestato la propria innocenza 

Il processo, composto da numerose udienze destinate all’assunzione delle prove ed alla trascrizione dell’enorme mole di materiale intercettato dalle forze dell’ordine, era giunto alle soglie della prescrizione, ma, l’imputato, consapevole della propria innocenza, con l’avallo del suo difensore, aveva rifiutato che venisse applicato l’istituto della prescrizione preferendo affrontare il processo.

I fatti gli hanno dato ragione essendo stato scagionato con formula piena da tutte le accuse.  Al deposito delle motivazioni della sentenza l’avvocato Ettore Zagarese ha dichiarato la propria soddisfazione per l’esito ed ha tenuto ad evidenziare come il proprio cliente non abbia mai perso la fiducia nella Giustizia e da innocente, ha preferito evitare il comodo rimedio della prescrizione affrontando il processo.

Continua a leggere

Ionio

Scontro tra un’auto e una moto. Grave a Cosenza un giovanissimo

Due i feriti, che erano a bordo di un ciclomotore. Un giovane, in condizioni gravi, trasportato d’urgenza all’Annunziata di Cosenza

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CORIGLIANO – ROSSANO (CS) – Scontro tra un’auto e uno scooter a Corigliano Rossano, in via Torre Lunga nell’area urbana di Corigliano. Ferite due persone che erano a bordo del mezzo a due ruote. Uno, un giovane, in condizioni gravi, è stato trasportato d’urgenza nell’ospedale dell’Annunziata di Cosenza. Il fatto è accaduto nella tarda serata di ieri sul tratto di strada che collega lo scalo con il centro storico e su cui già si sono verificati simili incidenti anche nelle ore diurne, visto che vi si affacciano diverse scuole. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri del Reparto operativo di Corigliano Rossano e i sanitari del 118.

Continua a leggere

Provincia

Civita, positivi 7 ospiti del centro Sprar. Tutti negativi gli operatori esterni

A comunicarlo è stato il primo cittadino del comune italo – albanese, Alessandro Tocci “auguro, di cuore, una pronta e completa guarigione”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CIVITA (CS) – Sette cittadini extracomunitari ospiti del Sai/Sprar di Civita sono risultati positivi al Covid tramite un tampone antigenico. A comunicarlo è stato il primo cittadino del comune italo – albanese, Alessandro Tocci, con un post pubblicato sulla pagina Facebook. Tocci, con lo stesso post, ha comunicato che nella giornata di venerdì le ultime persone di Civita che risultavano positive al Covid si erano negativizzate. “Tutti e sette i nuovi positivi, al momento – aggiunge il sindaco di Civita – sono asintomatici e tutti gli operatori esterni che operano all’interno del centro sono risultati negativi al tampone antigenico, che sarà ripetuto tra qualche giorno. La situazione è costantemente tenuta sotto controllo. È stata già effettuata la sanificazione degli spazi comuni, degli uffici, della cucina e delle camere degli ospiti. Una nuova sanificazione degli stessi ambienti sarà effettuata al termine della positività dei sette ospiti. Ringrazio, a nome mio e dell’intera comunità, tutti coloro che sono stati vicini e lo saranno ancora agli ospiti del Sai/Sprar a cui auguro, di cuore, una pronta e completa guarigione”

Continua a leggere

Di tendenza