L'ultimo viaggio di Serena. Il vescovo "un esempio di dignità per tutti i giovani" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Provincia

L’ultimo viaggio di Serena. Il vescovo “un esempio di dignità per tutti i giovani”

I funerali della giovane morta nella tragedia della funivia. Il prefetto “ricordatevi del suo sorriso”. Magorno “ragazza straordinaria”

Avatar

Pubblicato

il

DIAMANTE (CS) – Una giornata di lutto cittadino, una giornata di lacrime e dolore per tutta la comunità di Diamante che oggi pomeriggio ha dato l’ultimo saluto a Serena Cosentino, la 27enne morta nel terribile incidente della funivia del Mottarone, insieme al fidanzato Mohammadreza Shahaisavan di origini iraniane ed altre 13 perone. I funerali nella chiesa del “Gesù Buon Pastore” sono stati celebrati dal vescovo dell’arcidiocesi di San Marco Argentano-Scalea Monsignor Leonardo Bonanno. La bara della giovane, arrivata nella tarda mattinata di oggi accompagnata da un lungo applauso, era coperta di gerbere bianche e gialle con una grande foto che ritraeva la ragazza sorridente insieme ad altri scatti ad immortalare i momenti di vita della 27enne, ricordata da tutti come una ragazza tenace, seria e umile, che aveva studiato e messo tutta la sua passione per diventare ricercatrice e realizzare il suo sogno. Straziati da un dolore immane i genitori Maurizio e Ada, il fratello Mauro e le sorelle Francesca e Federica. Tutti, ad eccezione della mamma, con indosso una maglietta gialla, il colore della ricerca. Nella chiesa i gonfaloni del comune di Diamante, di alcuni comuni del Tirreno e della Provincia di Cosenza.

Il papà “era un angelo sulla Terra”

Il papa con la voce rotta dal pianto ha ricordato Serena “era un angelo sulla terra. Mi hanno chiesto se mi servisse qualcosa ma a loro ho detto date quello che potete a chi ne ha bisogno, ai poveri. Volevo dire grazie a serena che mi ha dato 27 anni di felicità. Lei ed Hesam erano due angeli sulla terra…volevano vivere e sono sicuro che sono un paradiso con gli angeli”. Poi è stata la volta della sorella Federica che tra le lacrime ha voluto ricordare la sorella leggendo una lunga  e commossa lettera.

La sorella “eri bella e non amavi le cose futili”

A raccontare particolari della vita di famiglia è stata la sorella Federica. “Ventisette anni d’amore non si possono racchiudere in una lettera. Eri bella – ha detto Federica interrompendosi spesso per il pianto – e non amavi le cose futili, sei sempre stata la più intelligente, quella che si batteva per l’uguaglianza e i diritti. La più coraggiosa. La tua bellezza non era di questa terra”.

Il vescovo “un esempio di dignità per i giovani”

All’interno della chiesa il rito funebre si è aperto con la lettura della “morte prematura del giusto” dal Libro della Sapienza, il testo biblico sulla comunione immortale del giusto con Dio. La vita di giovane che, all’ improvviso, è strappato dalla terra con una morte prematura “Il giusto, anche se muore prematuramente, troverà riposo. Gli empi compaiono in giudizio e si presenteranno tremanti al rendiconto dei loro peccati. Le loro iniquità si alzeranno contro di essi per accusarli”. Nell’omelia il vescovo  Bonanno ha rimarcato come questi momenti, nella loro drammaticità, ci fanno sentire uniti. Nel dolore di una morte così improvvisa e tragica la comunità è diventata un cuore solo. Si può morire per un virus invisibile e anche per una tragedia che poteva essere evitata. Vivere la dipartita di una ragazza giovane, brava e intelligente, che ha studiato e lottato tanto, che ha ottenuto una laurea Roma e poi l’incarico del Cnr, dimostra come alcuni nostri giovani siano lezione di una dignità ferma, di un patrimonio che non dobbiamo far disperdere e che Dio valorizzerà”.

Nella chiesa del “Gesù buon Pastore” oltre i familiari tanti rappresentanti istituzionali uniti nel dolore di questa immane tragedia che ha colpito 13 famiglie ed un pezzo di Calabria: il sindaco di Diamante Ernesto Magorno, il presidente della Provincia Franco Iacucci, il questore di Cosenza Giovanna Petrocca, il Comandante provinciale carabinieri di Cosenza Piero Sutera, il comandante provinciale della Guardia di Finanza Danilo Nastasi e il Prefetto Cinzia Guercio. Fuori, nel piazzale, dopo l’incessante via vai di cittadini e amici nella camera ardente aperta intorno all’ora di pranzo, alcune centinaia di persone che in silenzio hanno partecipato al rito funebre ed hanno accompagnato l’uscita del feretro con un lungo applauso e il lancio di palloncini.

Il Prefetto “ricordatevi del suo sorriso”

“Ci saranno le indagini ma questo non cambia perché una giovane ragazza non c’è più. Questo poteva essere evitato? Forse si. I tecnici sono al lavoro ma oggi non serve parlare si questo”. Sono le parole del Prefetto di Cosenza Cinzia Guercio “sono stata vicina a Serena in questa funzione e oggi non voglio essere il Prefetto ma una persona come voi – ha aggiunto – le persone le comunità non sono persone astratte. Ognuno dovrebbe nella responsabilità di tutti i giorni aiutare l’altro. La giustizia terrena, non restituirà Serena, ma di certo chi ha sbagliato pagherà. Come istituzione vi dico che siamo qui per darvi una carezza di conforto. Per me è stato molto difficile venire qui e voglio. Ricordate il sorriso di Serena. Io me lo ricorderò“.

Il sindaco Magorno “dolore immane, ragazza straordinaria”

“Domenica è stata una giornata di dolore immenso e non riusciamo a farcene una ragione – ha detto tra le lacrime il Sindaco di Diamante Ernesto Magorno – e oggi è difficile parlare per me come padre prima ancora di uomo delle istituzioni per la tragica scomparsa di una ragazza dal sorriso dolce e solare. Serena era una persona riservata che rifugiava da ogni retorica e l’ho conosciuta grazie a chi l’aveva incontrata sul proprio cammino. Una tela rara e preziosa su cui è dipinto il volto di una ragazza meravigliosa, dai toni composti, tenace. Le persone buone attraversano la vita con un passo lieve ma lasciano un segno. Alla mamma Ada, al papà Maurizio e alle sorelle al fratello e ai suoi cari un abbraccio infinito“.

 

Provincia

Morì a 19 anni di setticemia per un ascesso non curato. Condannati 5 medici

Una storia lunga 17 anni accaduta in provincia di Cosenza ad un giovane di Rotonda. Disposto anche il risarcimento alla famiglia

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “Lo porti a prendere un gelato…non è niente“: è quanto si era sentito dire un 19enne della provincia di Potenza, Antonio De Marco., deceduto il 5 luglio del 2004 per uno shock settico ritenuto diretta conseguenza di un ascesso non curato a un dente. Una vicenda che, a distanza di tutti questi anni, 17 in tutto, ha trovato l’epilogo con la condanna dei cinque medici che lo hanno avuto in cura, del centro odontoiatrico coinvolto e anche dell’azienda sanitaria locale di Cosenza.

Un risarcimento milionario che, però, sottolineano gli avvocati napoletani Alessandro Milo, Amedeo Di Pietro e Marco Longobardi, legali della famiglia, “non potrà lenire il dolore per la morte di un giovane che si stava affacciando alla vita“. Nell’ultima sentenza, risalente alla fine dello scorso mese di maggio, il giudice Gioia del Tribunale di Cosenza ha disposto l‘assegnazione delle somme pignorate per risarcire la famiglia del giovane. “Dopo ben tre sentenze penali, del Tribunale di Lagonegro, nel 2009, della Corte d’Appello di Potenza, nel 2010, e della Corte Suprema di Cassazione del 2012, e di quella civile, del Tribunale di Lagonegro, passata in giudicato nel 2018 alla fine ci resta la grandissima soddisfazione professionale ed umana per aver dato Giustizia ai genitori, alla sorella, ai nonni, ma soprattutto ad A.D.M., che oggi può riposare in pace”, hanno commentato gli avvocati napoletani Milo, Di Pietro e Longobardi , legali della famiglia. “La sua vita è stata spezzata dal concorrente illecito operato di ben cinque medici, – ricordano i legali – i quali, hanno dimesso il giovane diverse volte, senza curarlo e causandone il decesso, facendo in modo che in mancanza di cure, negate, una banale patologia, quale un ascesso dentale avesse modo di evolvere, incontrollata, sino ad arrecare addirittura la morte dopo giorni di atroci sofferenze”.

Continua a leggere

Provincia

Ospedale di Acri, una buona notizia. Riattivati i 13 posti letto nel reparto di medicina

A darne notizia il presidente del Gruppo Udc in Consiglio regionale Giuseppe Graziano “ora riassegnare i 4 medici”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

ACRI (CS) – “Dopo le mie sollecitazioni dei giorni scorsi, nate da un’esigenza palesata dai cittadini, l’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza ha provveduto a riattivare i 13 posti di Medicina Generale all’Ospedale di Acri, portando il numero delle degenze a 20, cioè al numero pari a quello originario, pre emergenza Covid-19. Sono stati assegnati 3 nuovi infermieri e un operatore socio-sanitario. Un ottimo risultato per l’intero territorio. Ora però si può e si deve fare di più. Ri-assegnare alle unità operative di provenienza i 4 medici (3 di Pronto soccorso e 1 di Medicina) che erano stati dislocati nel reparto Covid e che al momento rimangono a disposizione dell’Asp”. Lo afferma, “con soddisfazione”, il presidente del Gruppo Udc in Consiglio regionale e componente della Quarta Commissione permanente Sanità, Giuseppe Graziano, che, è scritto in una nota, “è rimasto attentissimo, insieme agli operatori sanitari e ai cittadini, rispetto a questa vertenza”.

“Non è ancora finita – aggiunge Graziano – perché adesso, dopo aver riattivato i posti letto che erano stati incomprensibilmente ‘soppressi’ è opportuno rifocillare l’unità operativa di Medicina Generale dei medici. Partendo proprio dal riassegnare il personale che era stato prelevato dai reparti per contribuire al funzionamento del Reparto Covid-19. Credo che ci siano tutte le possibilità e le buone intenzioni per farlo. Confido nella operatività e capacità gestionale del management dell’Azienda sanitaria provinciale”.

Continua a leggere

Ionio

Cassano: ai domiciliari non vuole stare con il padre, portato in carcere

Ha riferito ai carabinieri di non voler stare agli arresti domiciliari nella stessa abitazione del padre. Il giovane è stato arrestato e portato in carcere

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CASSANO ALLO IONIO (CS) – I carabinieri hanno arrestato un 19enne cassanese per aver violato la misura cautelare degli arresti domiciliari, dopo neanche una settimana che la stessa era stata disposta nei suoi confronti. I militari della Tenenza di Cassano all’Ionio lo hanno tratto in arresto per evasione. Il giovane cassanese da pochi giorni era stato sottoposto agli arresti domiciliari dopo che il Gip di Castrovillari aveva disposto la misura in sostituzione della precedente (divieto di avvicinamento alla parte offesa e di allontanamento dalla casa familiar)e, viste le sue continue violazioni.

Il ragazzo però è stato scoperto dai militari davanti al cancello della Tenenza di Cassano dove si era diretto perché, a suo dire, non si trovava bene presso l’abitazione del padre, dove era ristretto agli arresti domiciliari. Condotto in caserma i Carabinieri hanno accertato che lo stesso non aveva alcuna autorizzazione dell’Autorità Giudiziaria per portarsi fuori dal luogo dove era ai domiciliari. Visto l’atteggiamento del 19enne che non voleva più tornare a casa e d’intesa con la Procura della Repubblica di Castrovillari, lo stesso veniva tratto in arresto e tradotto presso la Casa Circondariale di Castrovillari.

Continua a leggere

Di tendenza