Riparte da Cetraro il campionato di vela d’altura - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Sport

Riparte da Cetraro il campionato di vela d’altura

Il format prevede una sequenzialità da nord a sud, per rendere il Campionato Invernale sempre più “del Tirreno Meridionale”

Avatar

Pubblicato

il

CETRARO (CS) – Sette weekend di regate per un totale di almeno 12 prove. Si inizia da Cetraro, che ospiterà tutta la prima parte del campionato, con la Cetraro Sailing Cup organizzata dal Centro Velico Lampetia, in collaborazione con la Lega navale, in programma dal 24 ottobre al 21 novembre. Le prove saranno precedute da un interessante Seminario formativo ORC (23 ottobre al CVL di Cetraro) a cura dello stazzatore napoletano Gaetano Aveta.

Nel 2022 la flotta farà rotta verso sud per spostarsi dalla Riviera dei Cedri alla Costa degli Dei e disputare ben due eventi in programma dal 13 marzo al 10 aprile. Le barche raggiungeranno prima Vibo, per il Trofeo Marina Carmelo, poi Tropea, per il Trofeo Challenge Marina Yacht Club, entrambi organizzati dal Circolo Velico Santa Venere.

L’ultimo week-end di campionato (23-24 aprile) si apre con una storica lunga, la Tropea-Reggio Calabria, preludio alle regate organizzate dai circoli velici reggini che si disputeranno il giorno successivo nello Stretto di Messina per assegnare la Beneteau Cup Spartivento. Si regata anche per il Trofeo Challange Manfredi per Club che viene assegnato al circolo le cui barche realizzano i migliori piazzamenti in tutte le categorie.

Area Urbana

Fotografo bullizzato al Marulla, il Cosenza Calcio sospende lo steward

La società rossoblù rende nota la sospensione dello steward che si è reso protagonista dello “spiacevole” episodio nei confronti del fotografo “aspettiamo Pasquale per la prossima gara”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “Pasquale Golia è il benvenuto allo stadio San Vito – Gigi Marulla”. Così esordisce sui social la società Cosenza calcio prendendo posizione in merito alla denuncia di Pasquale Golia, il fotografo bullizzato per il suo aspetto fisico.

“Il fotografo, – scrive il Cosenza calcio – ha denunciato uno spiacevole episodio avvenuto in occasione dell’ultima gara di campionato, è stato ricevuto dal Cosenza Calcio e gli è stata consegnata una maglia a lui dedicata dall’intera squadra. La Società si è sin da subito impegnata per fare chiarezza sull’accaduto e ha provveduto a sospendere dalle proprie mansioni lo steward che si sarebbe reso protagonista dell’episodio. Noi lo aspettiamo per la prossima gara del Cosenza, al suo solito posto, per scattare le foto dei nostri lupi”, conclude la società rossoblù.

Pasquale Golia ringrazia con un post dalla propria pagina Facebook il Cosenza Calcio “ancora una volta si è dimostrato in prima linea contro possibili soprusi e discriminazioni”

Continua a leggere

Sport

Ufficiale, il Cosenza esonera Zaffaroni. Nelle prossime ore il nuovo allenatore

Fatali le ultime deludenti prestazioni (un solo punto in sei partite) culminate con la sconfitta interna contro la Cremonese e le successive contestazioni

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Adesso c’è anche l’ufficialità della società rossoblu, che ha sollevato dall’incarico il tecnico Marco Zaffaroni. Fatali le ultime deludenti prestazioni (un solo punto in sei partite) e l’involuzione della squadra, culminate con la sconfitta interna contro la Cremonese e le successive contestazioni veementi della tifoseria. Come sempre accade, paga per tutti il tecnico, che era stato chiamato sulla panchina rossoblu dopo l’esclusione del Chievo e che bene aveva fatto nelle prime giornate soprattutto al Marulla. Nelle prossime ore la società, che ha sollevato dall’incarico anche il collaboratore Moretti e il preparatore atletico Cunzi, sceglierà il nuovo allenatore. In pole c’è Roberto Stellone, ex tecnico del Frosinone, ma circolano anche i nomi di Padalino e Dionigi.

Questo il comunicato della società “la Società Cosenza Calcio comunica di avere sollevato dall’incarico di allenatore della prima squadra il Sig. Marco Zaffaroni. Contestualmente viene interrotto il rapporto di lavoro con il collaboratore tecnico Simone Pietro Moretti e il preparatore atletico Andrea Curzi. Al tecnico, che ha collezionato 17 panchine in rossoblù e allo staff, vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto. La sedute di allenamento sarà affidata all’allenatore in seconda Antonio Gatto, fino all’insediamento del nuovo tecnico che sarà ufficializzato nelle prossime ore.

 

Continua a leggere

Sport

Cosenza nel baratro, vince la Cremonese. Tifosi contro Guarascio “perdente, vai via”

Cosenza sconfitto 2 a 0 dalla Cremonese e contestato dai tifosi. Il tecnico Zaffaroni al capolinea

Marco Garofalo

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Quella che doveva essere la partita per cancellare la debacle di Monza, si è trasformata nell’ennesima caporetto per un Cosenza in stato comatoso, apparso davvero poca cosa e sconfitto 2 a 0 da un’ottima Cremonese che realizza un goal per tempo e si porta a casa i tre punti. I rossoblu, alla quarta sconfitta in cinque gare (la terza consecutiva al Marulla) le briciole e le contestazioni pesantissime dei tifosi che hanno beccato pesantemente anche il Presidente Guarascio costretto a lasciare lo stadio prima del fischio finale. Quella di questo pomeriggio sarà stata probabilmente anche l’ultima gara del tecnico Zaffaroni, oramai anche lui in sto confusionale e al capolinea. Partita senza storia quella del Marulla con il Cosenza che dopo aver sprecato l’occasionissima del vantaggio con Caso a inizio gara, ha subito in lungo e largo il gioco della Cremonese che sblocca con Strizzolo al 34′ e raddoppia con una gran punizione di Valeri a inizio secondo tempo. Poi più nulla se non le contestazioni dei tifosi contro giocatori e presidente.

 

Zaffaroni deve rinunciare all’ultimo minuto alla corsa di Situm, bloccato da un problema muscolare. Sull’out di sinistra c’è Anderson mentre a destra si rivede Corsi. Occasione a centrocampo per Gerbo, mentre in attacco Caso torna titolare a fare coppia con Gori. E proprio il piccolo attaccante di proprietà del Genoa al minuto 3′ cestina una clamorosa occasione da goal. Sponda di testa perfetta di Gori, Caso raccoglie la sfera e in velocità entra in area presentandosi a tu per tu con Carnesecchi, ma allarga troppo il piattone e il pallone finisce fuori. La partita è bella e vivace, con la Cremonese a fare più possesso palla, mantenendo la linea della difesa sempre molto alta per mettere in fuorigioco gli attaccanti del Cosenza che faticano a imbucarsi negli spazi. Dopo il 25′ il pallino del gioco finisce saldamente in mano alla Cremonese che al 33′ sblocca la gara. Percussione sull’out di destra di Bonaiuto (perso da Corsi) che dopo un uno/due con Gaetano, crossa rasoterra sul secondo palo per l’accorrente Strizzolo che anticipa Tiritiello, con Venturi e Rigione fuori posizione, e con il piattone insacca. Cosenza sotto di un goal e Marulla che fischia i calciatori del Cosenza che faticano a costruire azioni manovrate affidandosi ai lanci lunghi che non sortiscono effetto. Sul finale di primo tempo occasionissima per Bonaiuto che si si presenta davanti a Vigorito ma spedisce fuori graziando i rossoblu che al 45′ protestano per un atterramento in area di Gerbo. Per il signor Maggioni non c’è nulla. Si va al riposo con i fischi dei tifosi e un Cosenza frastonato.

La ripresa non porta buone nuove perchè la Cremonese al 52′ trova il raddoppio con una gran punizione di Valeri che lascia partire un missile terra aria che non lascia scampo a Vigorito e si insacca nell’angolo basso. Esplode la contestazione dello stadio contro i giocatori e il presidente Guarascio mentre Zaffaroni inserisce Boultam, Millico e Kristoffersen ma non serve a nulla perchè i rossoblu non riescono mai a tirare verso la porta della Cremonese che gestisce senza affanni la gara sfiorendo il tris con Gaetano e Ciofani.

 

 

———————————————————————————————

COSENZA CALCIO (3-5-2): Vigorito; Venturi, Tiritiello, Rigione; Anderson (53′ Millico), Carraro, Palmiero (58′ Kristoffersen), Gerbo, Corsi; Gori (53′ Boultam), Caso
Panchina: Saracco, Matosevic, Panico, Boultam, Pandolfi, Kristoffersen, Pirrello, Sy, Vallocchia, Millico, Minelli, Florenzi
Allenatore: Marco Zaffaroni

US CREMONESE (4-3-1-2): Carnesecchi, Valeri, Ravanelli, Boinaiuto (68′ Ciofani), Baez, Strizzolo (68′ Zanimacchia), Bianchetti, Bartolomei (48′ Valzania), Fagioli, Crescenzi (46′ Sernicola), Gaetano
Panchina: Ciezkowski, Sarr, Fiordaliso, Nardi, Ciofani, Merononi, Valzania, Sernicola, Di Carmine, Okol, Deli, Zanimacchia
Allenatore: Fabio Pecchia

Arbitro: Signor Lorenzo Maggioni di Lecco
Assistenti: Signori Marco Trinchieri di Milano e Claudio Barone di Roma 1
IV Uomo: Signor Davide Di Marco di Ciampino
SALA VAR: Signori Ivano Pezzuto di Lecce e Luigi Lanotte di Barletta

Ammoniti: Crescenzi (CR), Carraro (CS), Rigione (CS), Valeri (CR)
Espulsi:

Angoli: 2-3
Recupero: 1′ p.t. –

Note: Pomeriggio soleggiato a Cosenza con una temperatura di circa 15 gradi. Terreno del Marulla in perfette condizioni. Presenti poco più di 2.000 spettatori con una ventina di tifosi ospiti

Continua a leggere

Di tendenza