Calcio, il Cosenza espugna Acireale - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Archivio Storico News

Calcio, il Cosenza espugna Acireale

Avatar

Pubblicato

il

ACIREALE – Immediato riscatto. La Nuova Cosenza Calcio riscatta il pari deludente tra le mura amiche contro la Nissa e dimentica in fretta il ricorso respinto dal Tar del Lazio e si concede una domenica da protagonista, violando il “Tupparello” di Acireale, con una rete di Mosciaro, su rigore.

L’1-0 finale non rende merito alla mole di gioco prodotto dai silani nell’arco dei 95’. Ancora una volta il Cosenza dimostra scarsa cattiveria negli ultimi sedici metri e si morde le mani per un’infinità di occasioni da rete, sfumate. La più clamorosa capita, al 76’, sui piedi di Pietro “Biccio” Arcidiacono che, dopo essersi bevuto alcuni difensori, s’invola verso la porta avversaria e, proprio sul momento di colpire a rete, si fa recuperare dal ritorno di un difensore acese.

La cronaca

Pronti e via. Sin dal fischio d’inizio dell’arbitro Strippoli della sezione di Bari, il Cosenza schierato in campo con il modulo 3-5-2, preme sull’acceleratore, stringendo d’assedio la porta avversaria. Le folate offensive dei rossoblù si concretizzano al 6’. Mosciaro, al termine di una pregevole azione di rimessa, entra in area di rigore e viene steso da Silvestri. Il fischietto barese non ha dubbi: penalty per i silani e doccia anticipata per il numero 4 Silvestri. Il bomber rossoblù segna alla sua maniera. Pallone da un lato, portiere dall’altro. Il vantaggio galvanizza i Lupi che, continuano a macinare gioco, e a creare numerose palle-gol. L’inferiorità numerica penalizza i padroni di casa. Per il Cosenza si aprono autentiche praterie. In più di un’occasione l’undici silano sfiora il raddoppio. Il predominio tattico del Cosenza continua fino allo stop per l’intervallo. Il secondo tempo si riapre con lo stesso canovaccio. La partita anche nella ripresa (concessi 5’ minuti di recupero, ndr) vede ancora i rossoblù protagonisti, nel bene (gioco), nel male (gol mangiati). Anzi un gol il Cosenza lo fa. Corre il 76’ e Biccio Arcidiacono ha nei piedi il gol della sicurezza. I tifosi silani sulle scale della gradinata del “Tupparello”, gridano al gol, ma l’urlo gli resta strozzato in gola. L’attaccante cosentino, infatti, sul più bello, viene stoppato da un avversario. All’86’ l’arbitro barese decide di ristabilire la parità numerica, espellendo per doppia ammonizione Benincasa. Va tutto liscio fino al triplice fischio finale.

Le interviste

Il tecnico dell’Acireale è scuro in volto. «Mi viene difficile una partita falsata dal rigore e dal rosso diretto al mio difensore. Abbiamo giocato per 90’ in 10. Questo ovviamente non dev’essere un alibi per noi. La seconda sconfitta consecutiva rimediata ci deve far riflettere. Bisogna lavorare, dimenticare in fretta queste due sconfitte e guardare al futuro. Come se non bastasse dopo 5 minuti – continua il trainer acese – ho perso Ancione, costretto ad uscire per uno stiramento rimediato durante un cross in allungo».

Soddisfatto Adriano Fiore. Il centrocampista silano è telegrafico nel suo commento. «Risultato positivo, anche se dobbiamo essere più cattivi negli ultimi sedici metri. Dobbiamo chiudere prima le partite. Non dobbiamo commettere questi errori, perché rischiamo di farci del male»

Per il tecnico Gianluca Gagliardi la sua squadra merita un 6. «Sono contento del risultato e in parte del gioco. Voglio una squadra più cattiva. Essere narcisisti, leziosi e spumeggianti senza concretizzare in rete le occasioni che creiamo non fanno classifica. Il risultato finale dice che il nostro predominio è stato assoluto, tanto che il mio portiere non ha fatto un intervento. Ora – conclude Gagliardi – resettiamo questa vittoria e pensiamo alla prossima sfida, in settimana abbiamo da lavorare».

Parola del perfezionista rossoblù.

Archivio Storico News

Cosenza e Paganese ci provano fino alla fine, ma a Pagani finisce senza reti. Rossoblu spreconi nel primo tempo

Marco Garofalo

Pubblicato

il

Scritto da

Le due squadre danno vita ad una bella gara, ricca di emozioni e azioni da rete, ma il risultato non si schioda dallo 0 a 0. Per i rossoblu è il sesto risultato utile consecutivo. Cosenza migliore nella prima frazione di gara. Annullata una rete a La Mantia nella ripresa
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Sparatoria con due morti a Roma, convalidato il fermo di un giovane calabrese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

E’ ancora da chiarire del tutto i motivi del litigio anche se tra Scarozza e Ventre vi erano dei dissidi dovuti a una relazione che il più giovane aveva con l’ex moglie di Fabrizio Ventre.

 
(altro…)

Continua a leggere

Archivio Storico News

Il caso Legnochimica arriva in Senato, si chiede ai ministri il perché del blocco della bonifica

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Continui rimpalli di responsabilità e aumento di patologie ‘anomale’ tra i residenti, cosa intende fare il Governo? (altro…)

Continua a leggere

Di tendenza