Il Cosenza lotta, vince e tiene ancora accesa la fiammella. Perugia battuto 2 a 1

I rossoblu tornano al successo battendo 2 a 1 il Perugia dal termine di una gara al cardiopalma e piena di occasioni, soprattutto nel finale. Sblocca Bruccini a inizio primo tempo, Baez raddoppia nella ripresa con un eurogoal, ma Falcinelli riapre il match che Capela blinda con un miracolo sulla linea di porta.

.

COSENZA – Un Cosenza letteralmente trasformato, rispetto all’impalpabile gara di La Spezia, batte 2 a 1 il Perugia al Marulla al termine di una gara dominata nel primo tempo, sofferta e sudata come non mai nella ripresa, ma portata a casa con le unghie e con i denti. Vittoria che permette ai rossoblu, quantomeno, di continuare a rimanere aggrappati alla lotta salvezza. Rossoblu subito pimpanti che trovano il vantaggio al 12′ con il piattone di Bruccini che corregge in rete la spizzata di Capela sul corner di Baez. Riviere e Asencio, per la prima volta insieme da primo minuto, sono una costante spina nel fianco della difesa umbra. Nella ripresa il Perugia si sveglia, alza il baricentro e mette in apprensione la retroguardia del Cosenza che proprio nel momento di maggiore sofferenza, trova il raddoppio al 75′ grazie al sigillo di Baez, di gran lunga il migliore in campo. Corsa di 40 metri e tocco morbido a superare Vicario in uscita. Gara chiusa? Neanche per sogno, perché 3 minuti dopo Falcinelli accorcia le distanze insaccando di testa un corner dalla destra. Negli minuti di recupero succede di tutto a cominciare dal prodigioso intervento di Capela che sulla linea di porta respinge con un miracolo la girata a botta sicura di Capone. Dall’altra parte Asencio prima e Sciaudone dopo si divorano in modo clamoroso il tris. Poi il triplice fischio è una liberazione per i rossoblu che restano ancora in vita e possono continuare a sperare.

Buon Cosenza, la sblocca Bruccini

Turn-over per Occhiuzzi che deve anche rinunciare al portiere Perina infortunato dell’ultim’ora. Per la prima volta in campo dal primo minuto Riviere e Asencio con Baez a completare il tridente. Sull’out di destra c’è Corsi al posto di Casasola mentre Capela in difesa è preferito a Schiavi. A centrocampo torna titolare Sciaudone. Nonostante il gran caldo i rossoblu partono determinati prendendo subito in mano le redini della gara. Dopo 10 minuti di pressione costante e aver sfiorato all’11 il vantaggio con un incursione di Baez e un tiro a botta sicura deviato da un difensore, sul susseguente angolo Capela spizza di testa e capitan Bruccini, appostato sul secondo palo, sblocca la gara insaccando con il piattone lo spiovente dello stesso Baez e trovando suo nono goal stagionale. con il Perugia costretto a rincorrere i rossoblu provano ad approfittare degli spazi e attorno al 20′ si rendono nuovamente pericolosi con una ripartenza due contro due che però né Rivière prima, né Corsi dopo, riescono a concretizzare. Iemmello protesta per una trattenuta in area, dall’altra parte fa la stessa cosa Riviere. In entrambe le circostanze Ghersini di Genova fa proseguire. Al 36′ la prima vera occasione del Perugia con il solito Iemmello. L’attaccante anticipa centralmente l’uscita di Saracco, ma si allunga la sfera che si perde sul fondo. Funziona la coppia Riviere Asencio. I due si cercano spesso di trovano e al 43′ costruiscono un’altra occasione. Riviere libera con un tocco morbido  Asencio che a giro di destro sul secondo palo manda fuori di poco. È l’ultima occasione del primo tempo che si chiude dopo 4′ di recupero con il vantaggio dei lupi.

Eurogoal di Baez, Falcinelli accorcia

La ripresa si apre con un doppio cambio ordinato da Cosmi che prova a dare più verve alle azioni offensive del Perugia che al 50′ ha un’ottima occasione con Iemmello liberato in area, ma Idda è miracoloso nel recupero e con una scivolata riesce ad evitare la conclusione dell’attaccante. Lo stesso fa sul nuovo entrato Bonaiuto due minuti dopo. Il Perugia spinge e il Cosenza prova a colpire in ripartenza. Al 50′ Baez rifinisce per Asencio ma la conclusione è debole e centrale. Sul capovolgimento di fronte destro micidiale di Boniuato e palla che esce di un nulla alla destra di Saracco. Non è più il Cosenza del primo tempo, la squadra sembra in debito d’ossigeno, si allunga pericolosamente e a centrocampo gli umbri trovano sempre spazi per le loro incursioni. Allora Occhiuzzi cambia, inserendo Kone per Riviere e rimodulando la sqaudra con un 5 3 2. Ma proprio nel momento peggiore il Cosenza al 74′ trova il raddoppio un eurogoal di Baez che palla la piede si fa tutto quasi tutto il campo superando in velocità due avversari e superando Vicario con un tocco morbido. Ma il Perugia non molla e 3 minuti dopo accorcia le distanze con un colpo di testa di Falcinelli che raccoglie un corner battuto dalla destra e fa secco Saracco. Entra Casasola al posto di Corsi e al minuto 84′ va vicino al goal con un destro a giro da posizione impossibile che esce di poco. Gli ultimi minuti sono di sofferenza con il Perugia tutto riversato nella metà campo del Cosenza.  Nei minuti di recupero succede di tutto. Capela compie un vero miracolo sulla linea risputando in campo la girata di Capone. Asencio di divora il 3 a 1 in ripartenza così come Sciaudone. Poi più nulla, con il Cosenza che porta a casa i 3 punti e rimane ancora aggrappato alla lotta salvezza.

 

 

——————————————————————————————————————————-

COSENZA CALCIO (3-4-3): Saracco, Corsi (81′ Casasola), Capela, Idda, Asencio, Sciaudone, Legittimo, Bruccini, Bittante, Riviere (65′ Kone), Baez (86′ Carretta)
Panchina: Quintiero, Lazaar, Broh, Carretta, D’Orazio, Bahlouli, Schiavi, Casasola, Machach, Monaco, Kone, Prezioso
Allenatore: Roberto Occhiuzzi

AC PERUGIA (3-5-2): Vicario, Rosi, Carraro, Mazzocchi, Iemmello (80′ Capone), Nicolussi, Di Chiara, Kouan (66′ Falcinelli), Gyomber (76′ Angella), Rajkovic (46′ Falasco), Melchiorri (46′ Bonaiuto)
Panchina: Fulignati, Albertoni, Nzita, Falcinelli, Dragomir, Buonaiuto, Konate, Benzar, Falasco, Capone, Righetti, Angella
Allentore: Serse Cosmi

Arbitro: Signor Davide Ghersini di Genova
Assistenti: Signori Luigi Lanotte di Barletta e Alessandro Cipressa di Lecce
IV Uomo: Signor Ivano Pezzuto di Lecce

Ammoniti: Sciaudone (C), Rosi (P), Corsi (C)
Espulsi:

Angoli: 4-5
Recupero: 4′ p.t. – 6′ s.t.

Note: Pomeriggio estivo e caldo a Cosenza con una temperatura intorno ai 30 gradi. Terreno del Marulla in perfette condizioni. Gara a porte chiuse senza tifosi per le disposizioni del Governo sulla sicurezza