ASCOLTA RLB LIVE
Search

Il palo e super Cordaz fermano un ottimo Cosenza. Finisce in parità un derby bello e combattuto

Finisce senza reti il derby tra Crotone e Cosenza. Match bello e combattuto che i rossoblu, hanno giocato alla grande colpendo un palo clamoroso con Carretta, che poi si fa ipnotizzare da un super Cordaz nella ripresa. Rossoblu un 10 nel finale per il doppio giallo a Sciaudone

.

CROTONE – Viste le premesse il Cosenza, apparso letteralmente trasformato dalla squadra abulica e brutta vista nella amichevoli e in Tim Cup, esce indenne dallo Scida di Crotone, spinto da un tifo eccezionale da parte dei 2.000 tifosi rossoblu. Pur soffrendo in alcune occasioni e concedendo spesso il possesso palla al Crotone, gli uomini di Braglia hanno difeso benissimo anche quando sono rimasti in 10 uomini per l’espulsione di Sciaudone al 79′ per doppio giallo, rendendosi pericolosissimi nelle ripartenze, dalle quali sono arrivate le due occasioni più importanti della gara entrambe con Carretta. La prima al 37′ con un sinistro a giro deviato da Cordaz che si stampa sul palo. La seconda a inizio ripresa quando l’esterno si ritrova a tu per tu con il portiere del Crotone, bravo e miracoloso a deviare la sua conclusione. In mezzo, una gara tirata e combattuta nonostante il gran caldo, con un grande Angelo Corsi eccezionale nel salvare su Mazzotta nel primo tempo. Pitagorici pericolosi con un sinistro di Messias, grande la riposta di Perina, e le conclusioni di Mazzotta e Mustacchio. Si torna in campo sabato prossimo quando al Marulla arriverà la Salernitana che ha liquidato con un netto 3 a 1 il Pescara

 

 

Palo di Carretta, occasioni per Messias e Mazzotta

Braglia butta subito nella mischia Carretta, mentre Kanoute si accomoda in panchina. Modulo 4 2 3 1 per i rossoblu con Pierini, Baez e Carretta dietro Litteri. Primo tempo giocato con oltre 30 gradi di temperatura che per forza di cose, ha influito sulla manovra delle due squadre, anche se le occasioni non sono mancate, alcune anche clamorose. Pronti via e dopo nemmeno un giro di lancette il Crotone crea la prima occasione, Messias dalla destra scodella per la testa di Simy dimenticato in area che spedisce fuori il colpo di testa. La replica dei rossoblu arriva al 6′ su calcio su punizione. Destro violento di Bruccini che si perde sul fondo non di molto. Il Crotone fa chiaramente la partita, ma il Cosenza non molla un centimetro ed è sempre pronto a colpire di rimessa sfruttando la velocità di Carretta e Baez. Poco dopo la mezzora il Crotone accelera e crea due grandi occasioni. Sulla prima è provvidenziale la diagonale difensiva di Corsi che riesce a deviare in angolo la conclusione al volo di Mazzotta che sembrava vincente. Sul susseguente corner la palla arriva al limite dell’area a Messias che controlla e petto e conclude di sinistro. Pallone deviato che chiama Perina alla grande parata in angolo. Al 37′, però, l’occasione migliore dei primi 45′ minuti  la crea il Cosenza. Litteri appoggia per Carretta che controlla e lascia partire un sinistro a giro diretto nel sette. Cordaz è superlativo, devia la sfera con la punta delle dita che si stampa sul palo. Inutile la ribattuta in rete di Sciaudone, fermato in posizione di fuorigioco.

 

Carretta fermato da super Cordaz. Espulso Sciudone

L’inizio della ripresa sembra ricalcare lo stesso copione del primo tempo. Possesso palla sterile al Crotone, Cosenza pronto a fare male in ripartenza. Al 54′ cross di Zanellato per la testa di Benali che riesce solo a sfiorare. Al 55′ esce Litteri per Capela. Un minuto dopo ancora Carretta ha sui piedi la palla del vantaggio, ma liberato a tu per tu con Cordaz, si fa ipnotizzare dal portiere del Crotone bravissimo a rimanere in piedi fino all’ultimo e poi con un guizzo deviare la conclusione dell’esterno rossoblu. Sul susseguente Corner stacco di testa di Idda da ottima posizione e palla fuori. Simy liscia da ottima posizione. Poi, al 78′ Sciudone ferma una ripartenza di Messias e si becca il secondo cartellino giallo. Cosenza costretto a giocare in 10 gli ultimi 12 minuti. Sulla punizione Golemic salva il Cosenza sparando alto da due passi. Il Crotone ci crede e inizia ad attaccare a testa bassa collezionando angoli. I rossoblu stringono le maglie della difesa difendendosi con le unghie anche se al minuto 87′ Baez spreca con un diagonale debole un’ottima ripartenza. Negli ultimi minuti di gara Crotone pericoloso con la conclusione di Mazzotta e il diagonale di Mustacchio, ma il risultato non cambia e dopo 5′ di recupero il signor Marinelli manda le due squadre negli spogliatoi.

 

—————————————————————————————————————————————–

 

F.C. CROTONE (3-5-2): Cordaz, Golemic, Gigliotti, Spolli (50′ Cuomo), Benali, Molina (69′ Evans), Barberis, Zanellato, Mazzotta (62′ Mustacchio), Simy, Messias
Panchina: Figliuzzi, Festa, Cuomo, Mustacchio, Bellodi, Crociata, Gomelt, Kargbo, Evan’s, Zak, Panza, Nanni
Allenatore: Giovanni Stroppa

COSENZA CALCIO (4-2-3-1): Perina, Corsi, Idda, Pierini (73′ Moreo), Litteri (55′ Capela), Carretta (79′ Broh), Sciaudone, Legittimo, Bruccini, Monaco, Baez
Panchina: Saracco, Capela, Broh, Schiavi, Moreo, Trovato, Bittante, Kanoute
Allenatore: Piero Braglia

Arbitro: Signor Livio Marinelli di Tivoli
Assistenti: Signor Orlando Pallotta di Nocera Inferiore e signor Edoardo Raspollini di Livorno
IV uomo: Signor Davide Miele di Torino

Ammoniti: Golemic (K), Sciaudone (C), Braglia (C), Monaco (C)
Espulsi: Sciaudone (C)

Angoli: 5-4
Recupero: 2′ p.t. – 5′ s.t.

Note: Pomeriggio tipicamente estivo Crotone con una temperatura di 30 gradi. Presenti poco più di 11.000 spettatori, 2.000 dei quali di fede rossoblu sistemati nel settore ospiti. Al 78′ espulso Sciaudone per somma di ammonizioni.