ASCOLTA RLB LIVE
Search

Al via la 9^ edizione Cronoscalata “Morano Campotenese”

A Morano, ai piedi del Monte Pollino, uno tra i Borghi più belli d’Italia l’arrivo dei migliori piloti della specialità al volante delle auto più prestanti. Quest’anno la gara, ha  registrato un aumento di interesse

 

MORANO CALABRO (CS) –  La Morano-Campotenese entra nel vivo, con le verifiche tecniche e sportive che avranno luogo dalle ore 14.30 alle ore 19.30 presso il suggestivo chiostro di San Bernardino. I 205 piloti iscritti si presenteranno in questo fine settimana nel meraviglioso scenario del monte Pollino per la nona edizione della cronoscalata che quest’anno sarà valevole come quinta prova del Trofeo Italiano Velocità Montagna Sud. La manifestazione è organizzata dalla Morano Motorsport. Il tracciato, di 7,1 km, è tra i più tecnici e guidati, che ha richiamato numerosi protagonisti abituali del massimo Campionato della Montagna, per sfide tutte dal sapore Tricolore.

In gruppo E2M, tra gli iscritti spicca il padrone di casa  fasanese Francesco Leogrande sulla monoposto prototipo Osella FA 30 Zytek, il driver della Fasano Corse che lo scorso anno fece benissimo a Morano. Altra monoposto la Lola Dome di Umberto Berardi e la più piccola ma scattante prototipo con motore Suzuki del siciliano Giuseppe Spoto.

Tra le biposto di gruppo E2, sarà lotta aperta per la categoria e per il successo in gara tra il padrone di casa AQUINTA Rosario – Osella PA21/e Domenico Scola, portacolori della Cosenza Corse sulla Osella PA 21/S Honda, il reggino Carmelo Scaramozzino,che salirà a bordo di una Osella Pa 20 della Ionia Corse, il siciliano Domenico Cubeda, che porterà al debutto in T.I.V.M. la nuova Osella PA 2000, e i veterani calabresi Ritacca e Iaria, rispettivamente sulla versione PA 20 dell’Osella e la Elia Avrio. Ma a volere un ruolo da protagonista saranno certamente il giovane salernitano Angelo Marino su Ligier JS 49 spinta da motore BMW 3000, abitualmente impegnato nelle gare della massima serie, il trapanese della Catania Corse Vincenzo Conticelli sulla potente Osella PA 30 Zytek, il cosentino Emanuele Greco su Osella PA 21 ed il potentino Achille Lombardi in gara d’allenamento sulla Radical SR4.

Tra le vetture CN, le biposto con motore derivato dalla serie, spicca in assoluto il nome del padrone di casa, il castrovillarese Rosario Iaquinta, che salirà su una Osella Pa 21 Evo della scuderia Vesuvio, su vettura gemella sarà il diretto avversario del Tricolore, il siciliano Francesco Conticelli su vettura gemella, ma il confronto sarà con piloti del calibro di Antonino Iaria su Osella, Antonino Fuscaldo su Sighinolfi e Silvio Reda su Osella PA 20. Marchi prestigiosi nel gruppo Gt, con la Ferrari 360 del locale Ivan Fava e la Porsche GT3 della Fasano Corse del pugliese Vito Pace.

Nello spettacolare gruppo E1, è folto il numero di nomi d’eccellenza della specialità, tra cui spiccano il napoletano Piero Nappi su Ferrari 550 Gt, l’altro vesuviano Luigi Sambuco su Fiat 127, i cosentini Giuseppe Aragona sull’imbattuta Peugeot 106 1.6 16V, su vettura uguale l’esperto luzzese Eugenio Molinaro ed il siciliano Ignazio Cannavò, Natale Stabile su Alfa 147 Gta, e Kalè su 147, l’altro calabrese Perry Collia con la perfetta Renault Clio Kit, il siciliano Giovanni Carfì sulla potente BMW M3, il pugliese Antonio Cardone sulla Opel Astra OPC, tra le cilindrate fino a 1400 il reggino Domenico Chirico ed il catanzarese Ginluca Rodinò entrambi sule Peugeot 106, il tutto per sfide dal sapore chiaramente tricolore. Esordio nell’impegnativo gruppo anche per il giovanissimo Ayrton Molinaro su Volkswagen Polo.