Capitano mio capitano. Il sostegno di tutti i tifosi per Angelo Corsi “torna presto”

Sarà operato nei prossimi giorni a causa del grave infortunio al ginocchio riportato durante il match con la Cremonese. Dai compagni di sqaudra ai tifosi, sono centinaia i messaggi di pronta guarigione inviati al capitano del Cosenza

.

COSENZA – Compagni di squadra, società, sportivi e semplici tifosi. E’ un coro unanime quello che da domenica sera si è levato a sostegno del calciatore più rappresentativo del Cosenza: il suo capitano. Lo scontro di gioco avvenuto al 10′ del primo tempo con Strefezza, durante il match con la Cremonese, gli ha provocato un grave infortunio al ginocchio. Da vero capitano Angelo si è rialzato ed ha provato a continuare la gara prima di arrendersi al dolore. La diagnosi in serata è stata impietosa: trauma al ginocchio destro con lesione legamentosa del crociato. Stagione finita e intervento chirurgico che con molta probabilità sarà effettuato nei prossimi giorni.

Uomo spogliatoio, grande trascinatore, guerriero in campo e professionista esemplare fuori, Corsi incarna alla perfezione l’immagine del Cosenza e dei suoi tifosi. Calciatore simbolo anche dell’era Guarascio, fu prelevato dall’Aprilia nel gennaio del 2014 (l’epoca di Cappellacci allenatore) per rafforzare il centrocampo. Si è saputo trasformare in terzino destro diventando uno dei più forti in quel ruolo di tutta la Serie C. Da allora titolare inamovibile con Roselli prima e Braglia poi, ha collezionato oltre 160 presenze con la maglia rossoblu con cui ha conquistato la Coppa Italia di Serie C e sopratutto la storica promozione in serie B nello scorso campionato con i gradi di capitano. E da capitano, statene certi, vorrà esserci anche il prossimo campionato quando, ne siamo sicuri, tutti tornerà più forte di prima per continuare a lottare e combattere con i lupi.